Guardacaccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il guardacaccia di Richard Ansdell.

Il guardacaccia (o guardiacaccia[1]), o agente di vigilanza venatoria, è una figura professionale che si occupa di tutela e salvaguardia della fauna selvatica nel territorio (riserve faunistiche ecc).

Il guardacaccia era una figura già presente nei secoli passati e aveva il compito di evitare il bracconaggio nelle terre dei nobili, oltre a provvederle di prede per la caccia o la pesca.

Inoltre, era una figura dipendente dai comitati provinciali della caccia, istituiti con il Regio decreto del 5 giugno 1939, n. 1016, annoverabile tra gli antesignani degli attuali agenti e ufficiali della Polizia provinciale.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

I guardacaccia svolgono normalmente un'attività di controllo e vigilanza in ambito territoriale per acquisire informazioni sullo stato del territorio e sulle abitudini degli animali, oltre ad avere un compito più squisitamente didattico per educare al rispetto dell'ambiente, della fauna selvatica e della normativa di riferimento. Inoltre, segnalando alle autorità competenti le eventuali malattie riscontrate dalla fauna, provvedono all'abbattimento dei capi malati.

Tra le funzioni delle guardie vi è la verifica dei permessi e delle licenze dei cacciatori nonché la contestazione di reati con possibilità di elevare contravvenzioni in caso di violazione delle leggi a tutela del patrimonio faunistico.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dizionario da "corriere.it", su dizionari.corriere.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]