Griglia (cucina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cibo in cottura su una griglia

La griglia (detta anche gratella o graticola) è un utensile per cottura costituito da piccole lamine o sbarre (talvolta incrociate) di ferro, acciaio inossidabile o ghisa, sulle queli si pongono gli alimenti.[1]. Può essere rettangolare, quadrata o anche circolare[2].

Si tratta uno strumento utilizzato nelle grigliate per cucinare soprattutto carne e pesce, ma anche alcuni tipi di vegetali (zucchine, melanzane, peperoni, ecc.) e molluschi[3].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si usa per la cottura al calore della brace, su resistenze elettriche o, meno comunemente, su fiamme a gas; può avere le lamine leggermente incurvate a canaletto per raccogliere il succo della carne e può avere piedini di sostegno[1]. La versione senza supporto va appoggiata su mattoni impilati o sui margini di un barbecue; è spesso fatto a libro, con due facce che racchiudono l'alimento; la praticità consiste nel fatto che è possibile girare l'alimento senza altri strumenti come forchette; la griglia, se girata di frequente, dà luogo a caratteristici segni di cottura ("quadrettature") sugli alimenti che costituiscono un elemento decorativo apprezzato; di solito ha una bacinella sotto per raccogliere succhi o grasso colante ed e vitare che così sporchi o bruci[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La griglia a tondino di ferro è la più semplice e antica, con uno spessore di 8-10 cm e sollevata dal piano del focolare della stessa misura o più; una versione più moderna funziona a irradiazione di carbone artificiale, attivato dal gas, priva di fumi nocivi e praticamente indistruttibile[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Piccinardi 1993, p. 259.
  2. ^ Griglia, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ Paola "Slelly" Uberti e Mauro Trombetta, ALLA GRIGLIA - Storie e ricette di cibo e fiamme (PDF), 2018 [2016], p. 7. URL consultato il 2 giugno 2022.
  4. ^ Guarnaschelli Gotti 2007, p. 564.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Agostini, Universo barbecue, 3ª ed., Colognola ai Colli (Verona), Gribaudo, 2020 [2019], ISBN 978-88-580-2428-7.
  • Marco Guarnaschelli Gotti, Grande enciclopedia illustrata della gastronomia, a cura di Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, Milano, Mondadori, 2007 [1990], ISBN 978-88-04-56749-3.
  • Antonio Piccinardi, Dizionario di gastronomia, in Dizionari BUR, Rizzoli, 1993, ISBN 88-17-14-530-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina