Gregorio Dati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gregorio Dati, o Goro Dati (Firenze, 15 aprile 1362Firenze, 17 settembre 1435), è stato un mercante e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

In linea con la tradizione famigliare e accogliendo favorevolmente i valori innovativi proposti dalla società borghese e mercantilistica, svolse una fiorente attività politica e commerciale.[1]

A causa del commercio della seta viaggiò anche all'estero e ricoprì il ruolo di console della seta.

Come cronista storico scrisse la Istoria di Firenze, suddivisa in nove libri, nella quale raccolse gli avvenimenti a lui contemporanei, presentandoli sotto forma di dialogo. Descrisse, in particolar modo le mire espansionistiche dei fiorentini ed i dissidi con Gian Galeazzo Visconti.

Nel Libro segreto, invece raccolse le memorie familiari e le sue convinzioni morali.

Gli si è attribuito il poemetto La Sfera di argomento mitologico e geografico, reso importante anche per la presenza di preziose carte antiche; ma più probabilmente è opera di suo fratello Leonardo, umanista domenicano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara 1965, Vol. IV, p. 86.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]