HD 219134

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gliese 892)
HD 219134
HD 219134
Cassiopeia IAU.svg
Classificazione Nana arancione
Classe spettrale K3 V
Distanza dal Sole 21,3 anni luce
Costellazione Cassiopea
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 23h 13m 17,0s
Declinazione 57° 10′ 06″
Dati fisici
Raggio medio 0,778 ± 0,005 R
Massa
0,78 ± 0,02[1] M
Periodo di rotazione 42,3 ± 0,1 giorni[1]
Temperatura
superficiale
4380 K (media)
Luminosità
0,265 ± 0,002 L
Indice di colore (B-V) 0,99
Metallicità [Fe/H] = 0,11 ± 0,04[1]
Età stimata 12,46 miliardi di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 5,57
Magnitudine ass. 6,47[2]
Parallasse 152,76 ± 0,29 mas[3]
Moto proprio AR: 2075.07 mas/anno
Dec: 295.45 mas/anno
Velocità radiale -18,5 km/s
Nomenclature alternative
Gl 892, HR 8832, BD +56°2966, HD 219134, GCTP 5616.00, LHS 71, LFT 1767, LTT 16826, SAO 35236, FK5 875, HIP 114622

Coordinate: Carta celeste 23h 13m 17s, +57° 10′ 06″

HD 219134, nota anche come Gliese 892 o HR 8832, è una stella di sequenza principale color rosso-arancio, di classe spettrale K3-V, situata nella costellazione di Cassiopea, a circa 21 anni luce dal sistema solare. La sua magnitudine apparente di 5,6 la pone tra le stelle più deboli visibili ad occhio nudo.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

La posizione di Gliese 892 è contrassegnata dal cerchio giallo.

Gliese 892 è una stella dell'emisfero celeste boreale. La sua declinazione è pari +57°, di conseguenza la stella diventa circumpolare più a nord della latitudine 33°N, mentre rimane invisibile più a sud del parallelo 33°S, vale a dire dall'Uruguay, per buona parte di Cile e Argentina, dalla Nuova Zelanda, dalle regioni meridionali di Australia e Sudafrica e dal continente antartico. Essendo di magnitudine 5,57, è tra le stelle più deboli visibili ad occhio nudo.

Il periodo migliore per la sua osservazione, dove nell'emisfero nord si presenta alta nel cielo nelle prime ore serali, è durante l'autunno boreale, mentre nell'emisfero australe la sua visibilità è limitata ai mesi primaverili, da settembre a dicembre.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Possiede l'80% della massa e 77% del diametro del Sole, ed irradia il 20% della sua luminosità[4]. Pare essere notevolmente più vecchia del Sole, con un'età stimata in 12 miliardi di anni; la metallicità è di circa il 30% superiore a quella del Sole, così come abbonda maggiormente di titanio, silicio, nichel e magnesio.

La sua parallasse è stata misurata attraverso il satellite Hipparcos in 152,76 ± 0,29 mas, corrispondente ad una distanza di 6,546 ± 0,012 parsec (o 21,35 ± 0,04 anni luce).[3]

Le caratteristiche di Gliese 892 e la sua relativa vicinanza alla Terra, resero la stella uno dei possibili obiettivi del progetto Darwin e del Terrestrial Planet Finder, progetti per la ricerca di pianeti terrestri nella zona abitabile di stelle simili al Sole, in seguito cancellati.

Sistema planetario[modifica | modifica wikitesto]

Ricercatori italiani ed internazionali nel 2015 hanno scoperto attraverso HARPS-N installato sul telescopio nazionale Galileo che attorno alla stella orbitano tre super Terre ed un gigante gassoso.[1] HD 219134 b completa un'orbita quasi circolare attorno alla stella in circa 3 giorni, ad una distanza di 0,0382 UA. È il pianeta terrestre più vicino alla Terra di cui sia osservabile il transito; osservazioni eseguite con il telescopio spaziale Spitzer hanno permesso di stimarne la massa in 3,81 masse terrestri, le dimensioni in 1,606 raggi terrestri.[5][6]

HD 219134 c orbita attorno alla stella in 6 giorni e mezzo, ad una distanza di 0,064 UA. Anch'esso percorre un'orbita pressoché circolare. Ha una massa tre volte e mezzo quella della Terra.

Il sistema è stato ristudiato e nel 2016 si sono aggiunti nuovi pianeti, ameno 6 confermati e uno, f, ancora senza conferma. I pianeti d e h dovrebbero essere dei giganti gassosi considerando la massa stimata, mentre il pianeta g, che potrebbe essere situato nella zona abitabile, ha una massa quasi undici volte quella terrestre, e non è chiaro se sia una super Terra o un mininettuno. Il pianeta e, uno dei meno massicci del sistema (3,7 M), è situato a 2,56 UA dalla stella, abbondantemente fuori quindi dalla zona abitabile.

Segue un prospetto che riepiloga le principali caratteristiche fisiche ed orbitali dei pianeti nel sistema.[1]

Pianeta Tipo Massa Raggio Densità Periodo orb. Sem. maggiore Eccentricità Scoperta
b Super Terra 3,81 M 1,606 ± 0,086 R 5,89 ± 1,17 g cm−3 3,0937 giorni 0,0385 UA 0+0 13−0 00 2015
c Super Terra 3,5 M - - 6,765 giorni 0,065 UA 0+0 26−0 00 2015
f*[7] Super Terra 8,9 M - - 22,805 giorni 0,14574 UA 0 2015
d Gigante gassoso 21,3 M - - 46,71 giorni 0,235 UA 0 2015
g Super Terra 10,8 M - - 94,2 giorni 0,3753 UA 0 2015
e Super Terra 3,72 M - - 1190 giorni 2,56 UA 0,34 ± 0,17 2016
h Gigante gassoso 89 M - - 2198 giorni 3,064 UA 0,37 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e F. Motalebi et al., The HARPS-N Rocky Planet Search. I. HD219134 b: A transiting rocky planet in a multi-planet system at 6.5 pc from the Sun?, in Astronomy & Astrophysics, 2015. URL consultato il 7 agosto 2015.
  2. ^ Galactic disk stars vertical distribution. IV. (Soubiran+, 2008)
  3. ^ a b (EN) van Leeuwen, Hipparcos, the New Reduction, in The Astrometric Catalogue, 2007. URL consultato il 7 agosto 2015.
  4. ^ Takeda, Genya, Ford, Eric B.; Sills, Alison; Rasio, Frederic A.; Fischer, Debra A.; Valenti, Jeff A., Structure and Evolution of Nearby Stars with Planets. II. Physical Properties of ~1000 Cool Stars from the SPOCS Catalog, in The Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 168, nº 2, 2007, pp. 297-318.
  5. ^ PIA19832: Location of Nearest Rocky Exoplanet Known, su NASA, 30 luglio 2015. URL consultato il 30 luglio 2015.
  6. ^ Felicia Chou e Whitney Clavin, NASA's Spitzer Confirms Closest Rocky Exoplanet, su NASA, 30 luglio 2015. URL consultato il 31 luglio 2015.
  7. ^ Non confermato [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni