Mininettuno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Un mininettuno, chiamato talvolta nano gassoso, è un pianeta la cui massa è notevolmente inferiore a quella dei pianeti Urano e Nettuno del nostro sistema solare. Questi pianeti hanno spesse atmosfere di idrogeno ed elio, che ricoprono profondi mantelli di ghiaccio, roccia od oceani liquidi composti da acqua, ammoniaca, o da una combinazione delle due sostanze. I mininettuno hanno solitamente piccoli nuclei costituiti da composti volatili a bassa densità[1]. Senza una spessa atmosfera, un pianeta di questo tipo sarebbe invece classificato come pianeta oceano. La linea di demarcazione tra i pianeti rocciosi, come sono anche le super Terre e i pianeti gassosi è stimata in circa due raggi terrestri[2][3], mentre Lozovsky et al. (2018), considerano dei mininettuno pianeti con più del 2% di massa costituita da idrogeno ed elio, ponendo il limite tra super Terre e mininettuno a 3 raggi terrestri, pur confermando studi precedenti (Rogers 2015) che suggerivano che oltre 1,6 raggi terrestri un pianeta non sarebbe completamente roccioso, con quantità di elementi leggeri certamente superiori a quelle terrestri[4]. La massa può variare notevolmente a seconda delle loro composizioni, da un minimo di una massa terrestre fino a 20 M.

Kepler-138 d (KOI-314 c), che ha una massa paragonabile a quella terrestre, è sospettato essere un mininettuno, a causa della sua bassa densità e del suo diametro relativamente grande, di oltre 20 000 km[5]. Diversi pianeti inizialmente catalogati come super Terre potrebbero essere in realtà dei nani gassosi[6][7]. Attorno a Kepler-223 invece sembrano orbitare ben quattro pianeti di questo tipo, in risonanza orbitale tra loro.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gas dwarf, ENcyclopedia Galactica.
  2. ^ Architecture of Kepler's Multi-transiting Systems: II. New investigations with twice as many candidates, Daniel C. Fabrycky et al.
  3. ^ When Does an Exoplanet’s Surface Become Earth-Like?, blogs.scientificamerican.com, 20 giugno 2012
  4. ^ M. Lozovsky et al., Threshold Radii of Volatile-rich Planets (PDF), in The Astrophysical Journal, vol. 866, nº 1, ottobre 2010.
  5. ^ Ron Cowen, Earth-mass exoplanet is no Earth twin, in Nature, 6 gennaio 2014.
  6. ^ Super-Terre o mini-Nettuni?, INAF, 5 febbraio 2013.
  7. ^ (FR) Les Mini-Neptunes, géantes glacées... naines, exoplanetes.univers-et-espace.com/.
  8. ^ Quattro “mini nettuni” danzano all’unisono, INAF, 13 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
Classificazione dei pianeti extrasolari
Hypothetical exoplanet.jpg
Pianeti terrestri: Analogo terrestrePianeta di carbonioPianeta ghiacciatoPianeta di ferroPianeta desertoPianeta di lavaPianeta senza nucleoPianeta oceanoPianeta di silicioSub TerraSuper TerraMega TerraEarth Similarity Index
Giganti gassosi: Gioviano caldoNettuniano caldoSuper GioveMininettunoPianeta ctonioGigante ghiacciatoPianeta di elioGiove eccentricoClassificazione di Sudarsky
Altri tipi: ProtopianetaPianeta nanoPianeta circumbinarioPianeta doppioPianeti delle pulsarPianeta interstellarePianeta extragalatticoSub-nana brunaNana brunaPianeta GoldilocksSatellite extrasolare
Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica