Giuseppe Tonnini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Tonnini (Loreto, 1875Roma, 1954) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Artista autodidatta e sempre vicino a committenti pubblici e governativi, realizzò molte opere a carattere celebrativo, sia in ambito patriottico sia religioso.

Collaborò tra il 1900 e il 1910 con Giuseppe Sacconi all'ornamentazione del Vittoriano. Qui realizzò tra l'altro i leoni alati ai lati della scalea, che sono la sua opera collocata in maggiore evidenza[1], e l'allegoria rappresentante le Marche[2]. Suoi sono inoltre i busti di Giacinto Bruzzesi, patriota garibaldino (1902), e di Melchiorre Cartoni (1920) al Gianicolo, mentre si trova presso la Camera dei deputati un suo busto di Luigi Luzzatti[3]

La sua opera probabilmente più nota al grande pubblico è il gruppo statuario del monumento a San Francesco d'Assisi a piazza di Porta San Giovanni, a Roma, inaugurato nel 1927. Sempre in tema religioso-celebrativo, sue sono le statue di Bartolo Longo e della contessa de Fusco nel santuario di Pompei (anni 1930).

Realizzò inoltre vari monumenti ai caduti (a Camerino, Campagnano[quale?], Bitetto, Fiorenzuola d'Arda, Santa Maria Capua Vetere, Cerveteri, Matelica, Pescasseroli).

Santa Maria Capua Vetere Monumento caduti della prima guerra mondiale.

Fu commissario dal 1944 al 1947 e poi presidente nel 1947-1948 dell'Accademia nazionale di San Luca.

Morì a Roma nel 1954.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simona Antellini, Il Vittoriano. Scultura e decorazione tra classicismo e liberty, Roma, Artemide, 2003, pp. 18, 107.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte
  2. ^ Fonte e immagine qui.
  3. ^ Si veda qui.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45391352 · ISNI (EN0000 0000 2131 9820
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie