Giuseppe Primavera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Primavera
G. Primavera.jpg
Nazionalità Italia Italia
Scacchi Chess.svg
Categoria Maestro FSI
Palmarès
Transparent.png Campionato italiano di scacchi a squadre
Oro Campionato italiano a squadre-Accademia Romana Scacchi 1959
Oro Campionato italiano a squadre-Dipendenti comunali Roma 1963
Oro Campionato italiano a squadre-Dipendenti comunali Roma 1964
Oro Campionato italiano a squadre-Dipendenti comunali Roma 1966
Oro Campionato italiano a squadre-Accademia Scacchistica Romana 1971
Oro Campionato italiano a squadre-Accademia Scacchistica Romana 1973
Statistiche aggiornate al 23 marzo 2019

Giuseppe Primavera (Prato Carnico, 30 ottobre 1917Roma, 4 gennaio 1998) è stato uno scacchista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera scacchistica[modifica | modifica wikitesto]

Ottenne il titolo di Maestro nel Campionato italiano del 1948 a Firenze, dove si classificò pari primo con Vincenzo Castaldi, dal quale fu però battuto nello spareggio.

Altri notevoli risultati furono il secondo posto con Porreca nel torneo di Roma 1946 (vinto da Enrico Paoli), il secondo posto al campionato ENAL del 1952, terzo a Firenze 1953, pari primo con Anthony Santasiere a Milano nel 1953, terzo-quarto con Mario Napolitano a Trieste nel 1954.

Vinse sei volte il campionato italiano a squadre: nel 1959 a Lerici con l'Accademia Romana Scacchi; nel 1963 a Imperia, nel 1964 a Genova e nel 1966 a Monticelli Terme col Dopolavoro Dipendenti Comunali di Roma; nel 1971 ad Asiago e nel 1973 a Tivoli con l'Accademia Scacchistica Romana.

Nel 1973 fondò l'AMIS (Associazione Maestri Italiani di Scacchi) con Zichichi, Tatai, Bonfioli e il figlio Roberto, e ne fu il primo presidente.

Nello stesso anno fondò e diresse la rivista mensile Tutto Scacchi, nata sull'onda del match Fischer-Spassky del 1972, di cui uscirono in edicola 13 numeri dal maggio 1973 al maggio 1974, ultimo della rivista[1].

Alcune partite notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gino Di Felice, Chess Periodicals: An Annotated International Bibliography, 1836-2008, McFarland & Company Inc., 2010

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chicco, Porreca, Dizionario enciclopedico degli scacchi, Mursia 1971

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]