Giuseppe Parlato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Parlato (Milano, 29 maggio 1952) è uno storico e accademico italiano.

I suoi interessi di ricerca si sono concentrati sul Risorgimento, sul fascismo e, più recentemente, sulle origini e lo sviluppo del neofascismo.

Biografia e carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano nel 1952, si laurea a Torino nel 1974 con una tesi riguardante i moti piemontesi del 1821. Trasferitosi a Roma, dal 1981 è ricercatore all'Università "La Sapienza" presso la cattedra di Storia contemporanea di Renzo De Felice.

Dal 1992 al 1994 ha insegnato Storia del sindacalismo e del movimento operaio presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Camerino[1].

Attualmente è professore ordinario di Storia contemporanea presso la Facoltà di Interpretariato e Traduzione della Università Internazionale di Roma (Unint)[1], Ateneo di cui è stato preside e rettore[1].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

È presidente della Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice di Roma, un ente culturale e di ricerca scientifica che mira alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale dell'Italia unita con particolare attenzione al Novecento.

Dal numero 4/2014 al 4/2016 (stampa maggio 2017) è stato coordinatore del Comitato di Direzione della rivista «Nova Historica»; del Comitato hanno fatto parte anche Francesco Bonini, Simona Colarizi e Gaetano Sabatini.

È inoltre componente del Comitato scientifico della rivista «Nuova Storia Contemporanea» e di «Nuova Rivista Storica».[1].

È il Presidente del Comitato Scientifico del "Comitato 10 febbraio", il comitato nazionale che si occupa delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario dei Piemontesi compromessi nei moti del 1821, vol. I, Istituto per la Storia del Risorgimento, Torino 1982.
  • Dizionario dei Piemontesi compromessi nei moti del 1821, vol. II, Istituto per la Storia del Risorgimento, Torino 1986.
  • Il sindacalismo fascista, vol. II: Dalla "Grande crisi" alla caduta del regime (1930-1943), Bonacci, Roma 1989.
  • Il Convegno italo-francese di studi corporativi (1935), Fondazione Ugo Spirito, Roma 1991.
  • Riccardo Del Giudice dal sindacato al governo, Fondazione Ugo Spirito, Roma 1992.
  • (Curatore, assieme a Giovanni Aliberti) Renzo De Felice: il lavoro dello storico tra ricerca e didattica, LED, Milano 1999.
  • La sinistra fascista: storia di un progetto mancato, Il Mulino, Bologna 2000.
  • Benito Mussolini: una biografia per immagini, Gribaudo, Cavallermaggiore 2001.
  • Fascisti senza Mussolini: le origini del neofascismo in italia (1943-1948), Il Mulino, Bologna 2006.
  • Mezzo secolo di Fiume: economia e società a Fiume nella prima metà del Novecento, Cantagalli, Siena 2009.
  • Gli italiani che hanno fatto l'Italia. 151 personaggi per la storia dell'Italia unita 1861-2011, Rai Eri, Roma 2011.
  • La Fiamma dimezzata. Almirante e la scissione di Democrazia Nazionale, Luni Editrice, Milano 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d .Prof. Giuseppe Parlato - scheda docente, Sito dell'Università LUSPIO

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN32011590 · ISNI: (EN0000 0000 3316 7668 · SBN: IT\ICCU\CFIV\044229 · LCCN: (ENn83059276 · BNF: (FRcb12031133j (data)