Simona Colarizi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Simona Colarizi (Modena, 25 dicembre 1944) è una storica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatasi in Storia Moderna nel 1967 con 110/110 e lode discutendo la tesi Le origini del fascismo in Puglia con Renzo De Felice e Rosario Romeo, nel triennio successivo gode di una borsa di studio del CNR e partecipa alla ricerca defeliciana su Partito, Stato e Società civile nell'Italia Fascista.

Nel 1970 è nominata professore incaricato di Storia del sindacalismo e del movimento operaio presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Camerino. La stessa nel 1973 la incaricherà di insegnare Storia dei partiti e dei movimenti politici.

Nel 1976 vince il concorso a cattedra di Storia dei partiti e dei movimenti politici (gruppo Storia contemporanea) divenendo professore straordinario di Storia dei partiti e dei movimenti politici sempre nel corso di Laurea in Scienze Politiche alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Camerino, facoltà della quale diverrà preside nel 1979.

Nel 1979 è nominata professore ordinario e nel 1983 si trasferisce alla Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II" dove continua a insegnare Storia dei partiti e dei movimenti politici. Qui nel 1987 ottiene la cattedra di Storia contemporanea mantenendo la supplenza dell'insegnamento di Storia dei partiti e dei movimenti politici.

Nel 1992 ottiene prima la supplenza di Storia contemporanea alla Facoltà di Sociologia dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", e poi il trasferimento nel 1995.

Nel 2000 è nominata Direttore del Dipartimento Innovazione e Società (DIeS) dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Nel 2001 entra a far parte della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Roma “La Sapienza” e nel 2005 è eletta Presidente del Corso di Laurea Interfalcoltà in Scienze Sociali della Cooperazione, dello Sviluppo e delle relazioni tra i popoli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Dopoguerra e fascismo in Puglia (1919-1926), Bari, Laterza, 1971.
  • I democratici all'opposizione. Giovanni Amendola e l'Unione Nazionale (1922-1926), Bologna, il Mulino, 1973.
  • Classe operaia e ceti medi. La strategia delle alleanze nel dibattito socialista degli anni Trenta, Venezia, Marsilio, 1976.
  • L'Italia antifascista dal 1922 al 1940. La lotta dei protagonisti, a cura di, roma-Bari, Laterza, 1976.
  • Curatela di Paolo Spriano, Intervista sulla storia del PCI, Roma-Bari, Laterza, 1979.
  • Storia d'Italia, XXIII, La seconda guerra mondiale e la Repubblica (1938-1958), Torino, UTET, 1984. ISBN 88-02-03795-7.
  • L'opinione degli italiani sotto il regime (1929-1943), Roma-Bari, Laterza, 1991. ISBN 88-420-3769-9.
  • Storia dei partiti nell'Italia repubblicana, Roma-Bari, Laterza, 1994. ISBN 88-420-4418-0; 1996. ISBN 88-420-5072-5.
  • Biografia della Prima Repubblica, Roma-Bari, Laterza, 1996. ISBN 88-420-4908-5.
  • Storia del Novecento italiano, Milano, Biblioteca universale Rizzoli, 2000. ISBN 88-17-11876-1.
  • La cruna dell'ago. Craxi, il partito socialista e la crisi della Repubblica, con Marco Gervasoni, Roma-Bari, Laterza, 2005. ISBN 88-420-7790-9.
  • La memoria e il tempo, III, Il secolo XX e le prospettive del secolo XXI, con Guido Martinotti, Milano, Einaudi Scuola, 2006. ISBN 978-88-286-0542-3.
  • Storia politica della Repubblica. Partiti, movimenti e istituzioni, 1943-2006, Roma-Bari, Laterza, 2007. ISBN 978-88-420-8259-0.
  • Storia del Corriere della sera, II, Il “Corriere” nell'età liberale, Milano, Rizzoli-Fondazione Corriere della sera, 2011. ISBN 978-88-96820-24-7.
  • La tela di Penelope. Storia della seconda Repubblica, con Marco Gervasoni, Roma-Bari, Laterza, 2012. ISBN 978-88-420-5432-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Scheda ufficiale su uniroma1.it
Controllo di autoritàVIAF (EN108819634 · ISNI (EN0000 0001 0932 0535 · SBN IT\ICCU\CFIV\015143 · LCCN (ENn79043782 · GND (DE172023572 · BNF (FRcb12121707m (data) · BAV ADV10153584
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie