Giuseppe Lauricella (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Lauricella
Giuseppe Lauricella daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Sicilia 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (Dal 2007)
In precedenza:
Democratici di Sinistra (Fino al 2007)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato Cassazionista,
Professore Associato di Discipline Giuridiche

Giuseppe Lauricella (Palermo, 9 luglio 1960) è un politico italiano, parlamentare della Camera dei deputati.

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Docente universitario, avvocato cassazionista, è figlio di Salvatore Lauricella, parlamentare, Ministro dei lavori pubblici, Presidente dell'Assemblea regionale siciliana e Presidente del Partito Socialista Italiano nella Prima Repubblica.

Ha insegnato, quale titolare di contributo di ricerca, diritto costituzionale italiano e comparato presso la Facoltà di Scienze Politiche della LUISS, nella cattedra retta da Antonio La Pergola, e, come professore associato, diritto pubblico presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Catania e la Facoltà di Scienze della formazione dell'Università di Palermo[1].

Avvocato con patrocinio presso le Magistrature Superiori, è autore di diverse pubblicazioni (monografie e articoli) su temi di diritto costituzionale, diritto pubblico, diritto regionale e diritto amministrativo.

Alle elezioni regionali in Sicilia del 2006 è candidato all'Assemblea regionale siciliana con la lista dei Democratici di Sinistra nella provincia di Agrigento, ottenendo 4507 preferenze[2], non venendo eletto ma contribuendo alla attribuzione del secondo seggio.

Alle elezioni regionali in Sicilia del 2008 è candidato all'Assemblea regionale siciliana con la lista "Anna Finocchiaro Presidente per la Sicilia" nella provincia di Agrigento, ottenendo 3078 preferenze[3], risultando il primo della lista ma non venendo eletto, atteso che la lista, a livello regionale, non raggiunge la soglia del 5%.

Nel 2012 è stato eletto dalla Camera dei Deputati quale consigliere del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa[4], presso il quale ha ricoperto la carica di Vice Presidente.

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto alla Camera dei deputati nella lista del Partito Democratico nella Circoscrizione Sicilia 2[5]. Appena eletto alla Camera dei Deputati, si è dimesso dal CPGA optando per la carica di Deputato nazionale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Lauricella, Il monocameralismo. Premesse per un'indagine di diritto comparato, Ila Palma, 1990, ISBN 978-88-7704-102-9.
  • Giuseppe Lauricella, L'"incostituzionalità" dell'atto amministrativo, Giuffrè Editore, 1999, ISBN 978-88-14-07931-3.
  • Giuseppe Lauricella, La struttura parlamentare dalla caduta del Muro all'Unione Europea, Giuffrè Editore, 2007, ISBN 978-88-14-12175-3.
  • Giuseppe Lauricella, Appunti sul nuovo procedimento amministrativo e la partecipazione dei soggetti privati, Giuffrè Editore, 2008, ISBN 978-88-14-14335-9.
  • Giuseppe Lauricella, Giovanni Guadalupi, Lo statuto speciale della regione siciliana, Giuffrè Editore, 2010, ISBN 978-88-14-15261-0.
  • Giuseppe Lauricella, La legge del feudo, 2012, ISBN 978-88-97148-88-3.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prof. Giuseppe Lauricella [collegamento interrotto], in Facoltà di Scienze della Formazione - Palermo. URL consultato il 16 aprile 2013.
  2. ^ Elezione dell'Assemblea regionale siciliana, Candidati alle Liste Provinciali, Provincia di Agrigento, in Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali - Servizio Elettorale, 2006. URL consultato il 15 marzo 2013.
  3. ^ Elezione dell'Assemblea regionale siciliana, Candidati alle Liste Provinciali, Provincia di Agrigento, in Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali - Servizio Elettorale, 2008. URL consultato il 15 marzo 2013.
  4. ^ Le nomine per l’AgCom, in il Post, 6 giugno 2012. URL consultato il 16 aprile 2013.
  5. ^ Camera dei deputati, gli eletti in Sicilia, in Corriere della Sera, 26 febbraio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90353307 · ISNI (EN0000 0004 2464 3457 · SBN IT\ICCU\SBNV\007411 · WorldCat Identities (EN90353307