Giuseppe Antonio Ghedini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Antonio Ghedini (Ficarolo, 1707Ferrara, 5 giugno 1791) è stato un pittore e architetto italiano.

Affresco "La gloria di Santa Caterina Vegri" sulla volta della navata della chiesa del monastero del Corpus Domini, opera di Giuseppe Antonio Ghedini.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Ficarolo nel 1707 quando il piccolo centro, a nord del Po, apparteneva ancora ai territori di Ferrara e solo in seguito, col congresso di Vienna del 1815, entrò a far parte della provincia di Rovigo. Apprese le basi della pittura con Giacomo Parolini e approfondì la sua preparazione a Venezia. Iniziò ad ottenere una certa fama con le sue prime opere, si trasferì a Bologna e infine si stabilì a Ferrara, dove visse continuando a lavorare sia con opere a carattere sacro sia con ritratti. Morì nel 1791 e venne sepolto nella chiesa di San Francesco.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Dipinse per il duomo di Mirandola e lavorò ad un ciclo di dipinti sui Misteri del Rosario nella chiesa di San Materno a Melara. Sue sono due pale d'altare della chiesa di Santa Maria in Vado e suo è l'affresco La gloria di Santa Caterina Vegri sulla volta della navata della chiesa del monastero del Corpus Domini, a Ferrara. Dipinse molti ritratti, tra questi quello di Girolamo Baruffaldi,[2][3] di Ferrante Borsetti e di papa Benedetto XIV[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2742336 · ISNI (EN0000 0000 6659 8683 · SBN IT\ICCU\BVEV\065460 · Europeana agent/base/9662 · GND (DE122936183 · BNF (FRcb14968269z (data) · ULAN (EN500027272 · CERL cnp00572495 · WorldCat Identities (ENviaf-2742336