Giovanni Ceva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Ceva (Milano, 7 dicembre 1647Mantova, 15 giugno 1734) è stato un matematico italiano, particolarmente impegnato negli studi relativi alla geometria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere studiato all'Università di Pisa e avere brevemente insegnato in quella città, ottenne una cattedra di matematica presso l'università di Mantova che mantenne per tutta la sua vita, prima sotto i Gonzaga e poi sotto gli Asburgo quando nel 1708 l'impero austriaco operò l'annessione del ducato.

I suoi interessi si sono principalmente rivolti alla geometria sintetica, anticipando di un secolo la rinascita dell'interesse nella materia, che era rimasta ferma alle conoscenze degli antichi greci. Nella sua opera più importante, il De lineis rectis se invicem secantibus, statica constructio scritta nel 1678, si trova tra l'altro il teorema che porta il suo nome, su una condizione necessaria e sufficiente perché in un triangolo i tre segmenti costruiti da un vertice al lato opposto (le ceviane) siano concorrenti.

Ceva riscoprì anche il Teorema di Menelao, e studiò la trisettrice di Ceva, la curva di equazione in coordinate polari che permette di trisecare un angolo qualunque. Il Teorema di Ceva stabilisce che le rette , y si incontrano se e solo se

La sua attività come geometra, e alcune anticipazioni sul calcolo infinitesimale rendono il suo lavoro ancora attuale ed oggetto di analisi e studio.

Si occupò anche di idraulica, anche per conto del suo governo: come Commissario per le Acque e rappresentante di Mantova, si oppose con successo al progetto bolognese di spostare il corso del Reno perché divenisse affluente del Po.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

De lineis rectis se invicem secantibus statica constructio, 1678
  • (LA) Giovanni Benedetto Ceva, Opuscula mathematica, Mediolani, ex typographia Ludouici Montiae, 1682. URL consultato il 15 giugno 2015.
  • Geometria Motus, 1692
  • De Re Numaria, 1711
  • (LA) Giovanni Benedetto Ceva, Opus hydrostaticum, Mantuae, Alberto Pazzoni, 1728. URL consultato il 15 giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77098803 · ISNI (EN0000 0000 6126 1598 · LCCN (ENnr99008997 · GND (DE117650897 · CERL cnp00626414