Giovanni Ballestra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Ballestra (Imperia, 20 aprile 1949Castelletto di Branduzzo, 18 gennaio 1979) è stato un aviatore italiano, capitano dell'Aeronautica Militare e pilota di caccia F-104 Starfighter.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta l'Istituto tecnico Amedeo Avogadro di Torino dove si diploma e nel 1970 vince il concorso per entrare all'Accademia Aeronautica di Pozzuoli. Dopo un periodo di specializzazione alla Scuola per Piloti di Lecce a bordo degli addestratori MB-326, nel 1971 viene assegnato prima a Grosseto, dove viene abilitato a pilotare l'F-104 Starfighter, poi al 21º gruppo di Cameri. Quindi diventa operativo nelle missioni di difesa e di sorveglianza aerea.

La mattina del 18 gennaio 1979, con alle spalle già 1.774 ore di volo, decolla dalla sua base per una missione di normale sorveglianza del territorio.

Monumento presso Castelletto di Branduzzo

Subito dopo il decollo, il cap. Ballestra comunica alla base «...sto male...vedo nero.....forse mi lancio»; in quel momento è sopra Pavia. Porta l'aereo fuori centro abitato, ma il suo F-104 perde rapidamente quota nelle vicinanze di Castelletto di Branduzzo (Pavia). L'aereo si schianterebbe sulle case del locale castello, allora zona di alta densità urbana, ma il Capitano Ballestra, con un eroico senso del dovere, decide di non abbandonare il velivolo e, per evitare una strage, lo conduce oltre l'abitato, fino al tragico schianto. Muore nell'impatto in un campo adiacente le mura del castello di Branduzzo. Gli abitanti di Castelletto di Branduzzo, grati per il suo coraggio e l'eroismo, hanno innalzato un monumento alla sua memoria, usando parti del motore, nel luogo della caduta.

Dettaglio dove si legge il nome del pilota caduto