Gino Romiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Un albero è un dono di Dio, guai a modificare le sue forme sempre armoniose»

(Gino Romiti)
Autoritratto di Gino Romiti

Gino Romiti (Livorno, 1881Livorno, 1967) è stato un pittore italiano, soprannominato Il pittore della primavera per il suo amore per tutti i doni della natura e celebre per i suoi ritratti raffiguranti paesaggi naturali con la frequente presenza di alberi, pinete e fiori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di Guglielmo Micheli. La sua attività di studio proseguirà fino a tutto il 1902; in quel periodo la sua arte è anche fortemente influenzata dal concittadino Giovanni Fattori con cui sono note le frequentazioni e con cui scambiò un interessante epistolario[1]. Nel primo periodo della sua attività stringe una forte amicizia e una relazione professionale con Amedeo Modigliani. Nel 2010 una mostra intitolata 'Modigliani e i suoi amici da Livorno a Parigi celebra proprio le relazioni professionali tra gli artisti con cui Modigliani si incontrò professionalmente e umanamente[2]. Nel 1920 insieme ad altri artisti livornesi fonda il Gruppo Labronico la cui istituzione avviene nel suo studio dopo la morte di Mario Puccini[3]. Del Gruppo Labronico sarà anche presidente dal 1943 al 1967[4].

La sua carriera artistica inizia con l'adesione alla scuola dei postmacchiaioli di cui fu un interessante esponente[5] in seguito subì nelle sue opere le influenze del movimento dei divisionisti. In realtà nella sua vita Gino Romiti si muoverà tra le correnti dell'epoca creando uno stile personale fatto di atmosfere distese e di accostamenti cromatici mai eccessivi. Il suo repertorio tematico è costituito prevalentemente da soggetti ispirati alle pinete e alle tamerici dell'Ardenza, ai dintorni di Livorno, a giardini e strade di campagna. L'interesse per il mare lo porta a realizzare opere raffiguranti il fondo marino.

Nel 1953 fu tra i promotori del Premio Rotonda a Livorno e nel 1959 ricevette la medaglia d'oro tributatagli dalla sua città[6]. Ha anche scritto e pubblicato due libri Amore nella gioia del sacrificio e Gocce nella luce dell'ombra di cui sono conservati molti documenti nel fondo Gino Romiti e nelle biblioteche[7].

Fu anche militare e nel corso della prima guerra mondiale ha combattuto in Albania, Durante la leva ha eseguito piccoli dipinti e disegni ispirati alla vita militare che in seguito saranno i soggetti di molte mostre.

Gino Romiti diciannovenne nel suo studio con Amedeo Modigliani nel 1900

Muore a Livorno nel 1967. Il comune di Livorno ha intitolato una strada a suo nome.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

La sua attività espositiva è notevole e di alto livello qui in elenco presentiamo solo le più significative. A 17 anni nel 1898 partecipa alla mostra de La Permanente di Milano con il Quadro il ruscello[8], è presente cinque volte alla Biennale di Venezia, in quella del 1903 con il quadro Armonia di suoni e di nuovo a quella del 1912 con Antica villa e pomeriggio d'estate e nel 1924 con Strada solitaria e nel 1926 con Paese[9] e nel 1952 con diverse opere[10]. Nel 1904 partecipa all'Esposizione Secessionista di palazzo Corsini a Firenze, insieme a Galileo Chini, nel 1927 partecipa alla 80ª mostra nazionale di Palazzo Pitti con il quadro Marina, espone a Roma all'Internazionale del 1914 il dipinto Il sole nel giardino in seguito acquistato dal re Vittorio Emanuele III. Nel 1931 partecipa all’Esposizione Internazionale di Atene[11], partecipa inoltre alle mostre del gruppo Labronico e alla V quadriennale di Roma del 1948[12].

Musei e collezioni istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

I suoi lavori sono presenti in molti musei italiani ed esteri, quali il Museo civico Giovanni Fattori di Livorno[13]; altre sue opere sono conservate nella Pinacoteca Comunale "S. Lega" a Modigliana[14]. 14 sue opere sono presenti nella collezione della cassa di Risparmi di Livorno diventata fondazione Livorno[15]. una sua opera è presente nella pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona[16], Il Comanducci riporta la notizia di un quadro, Rotonda dell'ardenza acquistato dalla galleria d'arte moderna e di un altro quadro Casolari a Livorno conservati presso la Galleria d'arte moderna (Firenze)[17]. Due sue opere Poesia della Sera e Riflessi Lunari sugli Scogli fanno parte del fondo cultura della banca Intesa Sanpaolo[18]. Un suo lavoro divisionista si trova alla Manchester art Gallery[19]. Esiste un Fondo Gino Romiti censito dalle soprintendenze archivistiche dove è possibile leggere atti e documenti (oltre mille) che riguardano la corrispondenza e l'attività del pittore[20].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ [ articolo sul network della toscana http://www.intoscana.it/site/it/articolo/Modigliani-e-i-suoi-amici-a-Livorno/]
  3. ^ [ notizia sulla fondazione del gruppo Labronico nel sito http://www.gruppolabronico.it/la-fondazione/]
  4. ^ [in scheda artista http://www.giovannifattori.com/il-gruppo-labronico/gino-romiti/]
  5. ^ [in scheda Gino Romiti sito dei macchiaioli toscani http://www.giovannifattori.com/]
  6. ^ [ notizia in archivio soprintendenza http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodpersona&Chiave=408&RicProgetto=personalita]
  7. ^ [fondo Gino Romiti http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=comparc&Chiave=9975&RicProgetto=personalita]
  8. ^ [notizie in Scheda Gino Romiti Comanducci Dizionario Universale delle Belle Arti http://www.galleriarecta.it/autore/romiti-gino/]
  9. ^ [notizie sulle mostre alla biennale in Scheda Gino Romiti Comanducci dizionario degli artisti http://www.galleriarecta.it/autore/romiti-gino/]
  10. ^ [sito ufficiale biennale di Venezia http://asac.labiennale.org/it/passpres/artivisive/ava-ricerca.php?cerca=1&p=1]
  11. ^ [in scheda Gino Romiti sito dei macchiaioli toscani http://www.giovannifattori.com/il-gruppo-labronico/gino-romiti/]
  12. ^ [ scheda Gino Romiti quadriennale di Roma http://www.quadriennalediroma.org/arbiq_web/index.php?sezione=artisti&id=9718&ricerca=]
  13. ^ [articolo il tirreno 12 dicembre 2014 http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2014/12/12/news/domenica-visite-gratis-al-museo-giovanni-fattori-1.10483473]
  14. ^ [ dati tratti dal sito della regione Emilia Romagna http://dati.emilia-romagna.it/id/ibc/IT-ER-FC021/html]
  15. ^ [scheda Gino Romiti Fondazione Livorno http://www.fondazionelivorno.it/portfolio/gino-romiti/]
  16. ^ [in scheda Gino Romiti Fondazione cassa di Risparmio di Tortona http://www.fondazionecrtortona.it/divisionismo/artisti/gino-romiti/]
  17. ^ [notizie sulle mostre alla biennale in Scheda Gino Romiti Comanducci Dizionario Universale delle Belle Arti http://www.galleriarecta.it/autore/romiti-gino/]
  18. ^ [ in sito ufficiale fondo cultura Banca Intesa Sanpaolo http://progettocultura.intesasanpaolo.com/it/visita/collezioni/ricerca?keys=gino+romiti&title=&atr_cognome_format=&field_scl_descr_tid_i18n=&opr_inv_value=&field_tree_collezione_tid_i18n=All]
  19. ^ [ sito Art in UK http://artuk.org/discover/artists/romiti-gino-18811967]
  20. ^ [ dall'archivio delle personalità artistiche soprintendenze beni culturali http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodpersona&Chiave=408&RicProgetto=personalita]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Romiti,"Amore nella gioia del sacrificio : seguito dal libro Gocce di luce nell'ombra : con gli ultimi messaggi del Padre : scritto dal 1928 al 1936 per volonta di Dio e per sua diretta ispirazione / Gino Romiti", ed. il telegrafo, LIvorno 1968.
  • Mauro Barbieri, "Arte a Livorno... e oltre confine", vari servizi sul periodico dal 2000 al 2010.
  • Alice Barontini, Livorno 900: La grafica dei Maestri, da Cappiello a Natali, Benvenuti & Cavaciocchi editore 2010.
  • AA.VV, Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno(1992/2012)Nascita di una collezione, ed. industrie grafice Pacioni, Livorno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN33137652 · ISNI (EN0000 0000 6686 8073 · SBN IT\ICCU\SBLV\248284 · LCCN (ENn84113683 · GND (DE131662228 · ULAN (EN500003245