Gianfranco Pagliarulo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianfranco Pagliarulo

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIV
Gruppo
parlamentare
Partito dei Comunisti Italiani
Coalizione L'Ulivo
Collegio Milano 5
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione Lavoro e Previdenza sociale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito dei Comunisti Italiani
Professione Giornalista pubblicista

Gianfranco Pagliarulo (Bari, 16 settembre 1949) è un politico e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giornalista pubblicista. Alle elezioni politiche del 2001 viene eletto al Senato della Repubblica nella coalizione de L'Ulivo, risultando uno dei due rappresentanti del Partito dei Comunisti Italiani a Palazzo Madama, assieme a Luigi Marino per la XIV Legislatura; è membro della Commissione permanente Lavoro e Previdenza Sociale. È stato, dal giugno 2002 fino al maggio 2006, direttore del settimanale La Rinascita della sinistra, organo del PdCI.

Il 4 dicembre 2005 partecipa alla presentazione dell'Associazione RossoVerde di Alessio D'Amato e ciò ne comporta la mancata ricandidatura da parte del PdCI in vista delle successive elezioni del 2006[1]; lascia così il partito e aderisce all'associazione di D'Amato, dal quale poi si distaccherà nel luglio 2006 per fondare l'associazione "Sinistra Rossoverde". Con tale gruppo si avvicina a Sinistra Democratica da cui si distacca successivamente. Dopo una breve esperienza nella sinistra Pd, abbandona progressivamente l'attività partitica. Da tempo non è iscritto a nessun partito e si impegna nell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia.

Nel 2010 ha scritto un romanzo dal titolo L'isola, pubblicato da Ibiskos Editrice Risolo.

Dal 2016 è direttore responsabile di Patria Indipendente, periodico dell'ANPI. Alla fine del 2017 è eletto vicepresidente nazionale dell'ANPI, assieme a Marisa Ombra, Vania Bagni, Piero Cossu, Emilio Ricci, Ottavio Terranova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]