Gerhard Friedrich Müller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'unico ritratto conosciuto di Gerhard Friedrich Müller

Gerhard Friedrich Müller (Herford, 29 ottobre 1705Mosca, 22 ottobre 1783) è stato un esploratore, storico ed etnografo tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1725 fu invitato a San Pietroburgo per cofondare l'Accademia Imperiale delle Scienze. Müller partecipò alla prima spedizione in Kamčatka e riferì in un suo rapporto circa la vita e la natura dell'estremo oriente al di là degli Urali. Dal 1733 al 1743 diciannove fra scienziati e artisti attraversarono la Siberia per studiare popolazioni e culture e raccogliere dati per mappe cartografiche. Müller descrisse e categorizzò l'abbigliamento, le religioni e i rituali dei gruppi etnici siberiani e per questo è considerato il padre dell'etnografia.

Fu uno dei primi storici a compiere uno studio generale sulla storia russa basandosi sull'esame di fonti documentali, ma il risalto che diede al ruolo di Scandinavia e Tedeschi — un germe della cosiddetta teoria normanna — gli valse l'inimicizia di Michail Vasil'evič Lomonosov che aveva precedentemente sostenuto la sua opera e pose termine alla sua carriera accademica in Russia.

Nel 1761, Müller fu nominato membro straniero dell'Accademia Reale Svedese delle Scienze.

Illustrazione all'articolo scritto da Muller per gli Acta Eruditorum del 1734 sull'oratio dominica

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) J. L. Black, G.-F. Müller and the Imperial Russian Academy, 1986
  • (RU) Aleksander Ch. Elert, G. F. Müller, ·Ekspedicionne materialy G. F. Millera kak istočnik po istorii Sibiri (Diario del viaggio nella penisola di Kamčatka 1733-1743, ristampa Novosibirsk 1990, ISBN 5020296279
  • (DE) G. Bucher, "Von Beschreibung der Sitten und Gebräuche der Völcker": Die Instruktionen Gerhard Friedrich Müllers und ihre Bedeutung für die Geschichte der Ethnologie und der Geschichtswissenschaft, Stuttgart 2002
  • (DE) Kerstin Holm, Stuttgarter Zeitung, p. 38, 29 dicembre 2005, Nr. 303

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126731 · ISNI (EN0000 0001 0861 4953 · LCCN (ENn82121853 · GND (DE118953362 · BNF (FRcb12561158c (data) · CERL cnp00402367