General Stratocuster and the Marshals

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
General Stratocuster and the Marshals
Paese d'origineItalia Italia
GenereRock
Roots rock
Blues rock
Periodo di attività musicale2010 – in attività
Album pubblicati3
Studio3
Sito ufficiale

I General Stratocuster and the Marshals sono un gruppo rock attivo dal 2010.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

General Stratocuster and the Marshals (2014)

La band nasce dall'incontro tra Fabio Fabbri (chitarrista, cantante e compositore) ed Alessandro Nutini (batterista della Bandabardò) nella metà degli anni '90. Dopo diversi cambi di formazione la line-up si stabilizza grazie all'incontro con Jacopo "Jack" Meille (voce storica del panorama fiorentino e lead vocals degli inglesi Tygers of Pan Tang, esponenti della NWOBHM) ed il bassista italo-americano Paul Richard Ursillo (volto noto del prog-rock '70's nostrano, avendo militato in storiche band come Sensation's Fix, Sheriff e Campo di Marte). Si esibiscono al prestigioso Pistoia Blues Festival in ben tre edizioni (2010, 2011 e 2014), e proprio nel 2011 firmano il proprio esordio discografico con il primo CD autografo contenente dieci composizioni originali ed una cover di "Fortunate Son" dei Creedence Clearwater Revival. Dal cd è tratto il videoclip "Today and Tomorrow".

L'esordio ottiene entusiastiche recensioni ed è bissato nel 2013 dal secondo lavoro, intitolato "Double trouble" e contenente nove composizioni originali. Anche stavolta le recensioni sono ottime e la band fa seguire all'uscita una serie di concerti e la ristampa in vinile dell'esordio, sempre su etichetta Red Cat. Il vinile contiene come bonus-track il classico di Rufus Thomas "Walking the Dog", una outtake del secondo lavoro. Da "Double trouble", inoltre, sono tratti i videoclip dei brani "Alone" e "What are you looking for".

Nel novembre-dicembre del 2015 il gruppo è in tour[1] per promozionare l'uscita del nuovo singolo "Built To Last", primo estratto dal nuovo lavoro "Dirty Boulevard" che vede la luce nel febbraio del 2016 per Black Candy/Audioglobe. L'uscita dell'album è accompagnata da un nuovo videoclip, sempre tratto dal nuovo lavoro ed intitolato "Thank You Bob", un omaggio dei General alla figura e all'arte di Bob Dylan. "Dirty Boulevard" viene classificato dalla rivista Classic Rock tra i 10 migliori dischi rock italiani usciti nel 2016, piazzandolo all'ottavo posto[2].

Definiti dal magazine Buscadero come "la migliore roots rock band in circolazione"[3], propongono una miscela di classic-rock suonato con fedeltà stilistica, cuore e grinta[4], ispirati dal sound dei grandi maestri degli anni '60 e '70. Come scrive la rivista musicale "Il Mucchio Selvaggio", la band guarda alle radici del rock inglese anni Settanta e lo tratta con maestria, gusto e autenticità invidiabili, miscelandolo con successo alle fascinazioni polverose del roots rock americano. Un viaggio indietro nel tempo con una qualità e una musicalità comuni a pochi"[5].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 - General Stratocuster and the Marshals
  • 2013 - Double trouble
  • 2016 - Dirty Boulevard

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La copertina del secondo lavoro, "Double Trouble", è stata realizzata dall'artista Giacomo Costa.

Rassegna Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ General Stratocuster and the Marshals + Saints Trade + John Dallas - lIVE @ aLCHEMICA mUSIC cLUB bOLOGNA 18-12-2015, su Tuttorock. URL consultato l'11 febbraio 2016.
  2. ^ TOP 10: dischi Italiani usciti nel 2016 | Classic Rock Italia, in Classic Rock Italia - il mensile in cui batte un vero cuore rock, 20 dicembre 2016. URL consultato l'8 gennaio 2017.
  3. ^ Andrea Trevaini, General Stratocuster & The Marshals, in Buscadero, ottobre 2011.
  4. ^ Claudio Morsenchio, General Stratocuster And The Marshals, Jam Magazine, 10 dicembre 2013.
  5. ^ Giulia Nuti, General Stratocuster And The Marshals, Il Mucchio Selvaggio, 4 marzo 2014.