Gastone Razzaguta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gastone Razzaguta (Livorno, 1890Livorno, 1950) è stato uno scrittore, pittore e critico d'arte italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Per quasi trent'anni fu segretario del Gruppo Labronico e dipendente come Capo gestione delle Ferrovie dello Stato. A Livorno abitava con due anziane parenti in via Pietro Paoli e durante la seconda guerra mondiale decise di non sfollare e di rimanere in casa, accanto alle due donne invalide, anche quando la città fu colpita dai massicci bombardamenti aerei anglo americani.

Fu amico di molti pittori labronici tra cui Amedeo Modigliani, Renato Natali, Giovanni Zannacchini, Sergio Romiti, Cafiero Filippelli e molti altri. Oltre a scrivere molti testi critici per giornali locali e cataloghi di mostre ha lasciato ai posteri tre bellissimi volumi dedicati alla sua città natale: Virtù degli artisti labronici, Livorno nostra e Cacciucchesca.

Tra le diverse mostre si ricordano la sua partecipazione nel 1914 con l'acquarello gli Scaricatori e nel 1916 con il disegno la Vedova a due edizioni dell'Esposizione Nazionale di Belle Arti di Milano al palazzo della Permanente[1],la partecipazione all'Esposizione internazionale d'arte di Venezia del 1924 con l'opera Malinconia[2].

Sue opere grafiche sono presenti nella collezione del Nuovo Museo della città di Livorno inaugurato nel 2018[3].

Una sua opera famosa fu il pannello realizzato per il Caffè Bardi dal titolo l'Offerta del Caffè[4].

A lui è stata dedicata una strada a Livorno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [in catalogo ufficiale pag. 49 indicata come sala VIII della mostra del 1914 https://www.bdl.servizirl.it/bdl/public/rest/srv/item/2088/pdf e a pag. 49 del catalogo ufficiale della mostra del 1916 indicata come esposta nel vestibolo del piano superiore https://www.bdl.servizirl.it/bdl/public/rest/srv/item/2090/pdf.]
  2. ^ [in sito ufficiale Biennale di Venezia http://asac.labiennale.org/it/passpres/artivisive/ava-ricerca.php?scheda=167231&p=1 ]
  3. ^ [in Livorno press online del 25 aprile 2018 https://livornopress.it/lanteprima-del-museo-delle-collezioni-cittadine-lunedi-linaugurazione]
  4. ^ [in Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno 1992/2012 Nascita di una collezione pag. 114 http://www.fondazionelivorno.it/wp-content/uploads/2015/01/20-anni-COLLEZIONEdefinitivo.pdf]

Alcune mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010, "Gastone Razzaguta 1890 - 1950" , Collesalvetti (LI), Pinacoteca "Carlo Servolini", a cura di Francesca Cagianelli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gastone Razzaguta,Virtù degli artisti labronici, Società Editrice Tirrena, Livorno 1943;
  • Il mondo di Gastone Razzaguta in trenta opere, Artimes.it, maggio 2010;
  • Alice Barontini, Livorno 900: La grafica dei Maestri, da Cappiello a Natali, Benvenuti & Cavaciocchi editore 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN111145857826223020456 · ISNI (EN0000 0001 2124 9196 · LCCN (ENn85326477 · GND (DE128861363 · ULAN (EN500349306 · BAV (EN495/78255 · WorldCat Identities (ENlccn-n85326477