Cafiero Filippelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cafiero Filippelli (Livorno, 18891973) è stato un pittore italiano.

Frequentò l'Accademia delle Belle Arti di Firenze, entrando in contatto con Giovanni Fattori e con il maestro dell'arte liberty Galileo Chini.

Allievo dello scultore Lorenzo Gori e dell'acquarellista Lorenzo Cecchi, fece tesoro di tutte queste lezioni, sviluppando una pittura che procedeva lungo il solco della tradizione post-macchiaiola, mediata da istanze culturalmente più ampie.

Specializzato negli interni a luce artificiale, che mettono in evidenza un'anima e un'inclinazione intimista, seppe tuttavia spaziare anche nella pittura en plen air, soddisfacendo così gli stimoli che gli provenivano dal mercato dell'arte.

Le sue marine e i suoi paesaggi, brulicanti di figure soprattutto femminili, svelano un'attitudine spiccata per il ritratto. I quadri dagli anni cinquanta in poi perdono smalto e subiscono una notevole riduzione delle quotazioni.

Cafiero Filippelli partecipò a varie edizioni della Biennale di Venezia e delle Quadriennali romane. Fu membro del Gruppo Labronico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Barbieri, "Arte a Livorno... e oltre confine", vari servizi sul periodico dal 2000 al 2010.
  • G. Razzaguta, Virtù degli artisti labronici, editrice Nuova Fortezza, 1985.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN65411860 · ISNI (EN0000 0000 6688 5172 · SBN IT\ICCU\CUBV\064435 · LCCN (ENn84126330 · GND (DE136149456 · ULAN (EN500089047
Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura