Frittura di paranza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frittura di paranza
FrittoMisto.jpg
Un esempio di "fritto misto"
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
Dettagli
Categoriasecondo piatto
Ingredienti principali
  • pesci di piccola taglia
  • olio
  • farina
  • limone
  • sale
[1]
 

La frittura di paranza è una frittura di pesce di piccolo taglio diffusa in molte zone d'Italia.

Prende il nome dalla paranza, che è una tipica barca da pesca per la pesca a strascico comunemente impiegata dalle marinerie italiane[2][3].

È di solito fatta con merluzzetti, triglie, sogliolette, suace, ma possono esservi anche altre varietà di pesce di piccolo taglio, come alici, mazzoni, retunni o vope[4].

La frittura viene fatta passando il pesce nella farina, quindi friggendolo rapidamente nell'olio bollente e poi asciugandolo su carta assorbente. La frittura di pesce va mangiata caldissima (frijenno magnanno, è il modo di dire tipico napoletano). Questa frittura, talvolta, viene accompagnata a tavola da spicchi di limone, il cui succo è da alcuni apprezzato come condimento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piceno Promozione, Dieta mediterranea nel piceno Menu ideali tra scienza e gastronomia, ibookpad, 2014, p. 22.
  2. ^ Storia della paranza, su Trani Viva il portale di Trani. URL consultato il 22 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2015).
  3. ^ paranza in Vocabolario, su Treccani. URL consultato il 22 settembre 2015.
  4. ^ Paranza, su my-personaltrainer.it. URL consultato il 22 settembre 2015.