Fredo Valla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fredo Valla (Sampeyre, 11 marzo 1948) è un regista e sceneggiatore italiano. Ha realizzato numerosi documentari per la televisione e ha partecipato alla produzione di vari film.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fredo Valla è nato a Sampeyre, in provincia di Cuneo l'11 marzo 1948. Si è formato con "Ipotesi Cinema", diretta da Ermanno Olmi.

È stato autore di film documentari premiati in vari festival e trasmessi dalle sedi RAI regionali.

Per Sat 2000, emittente della Conferenza episcopale italiana, ha diretto vari programmi ideati e prodotti dal regista Pupi Avati, tra cui A est di dove?, Il Welfare in Europa, Un vescovo, una città, I luoghi della devozione popolare in Italia, Le feste storiche in Italia.

Ha ideato e realizzato video-installazioni per il Museo delle Alpi di Bard (Valle d'Aosta), per i musei di Elva e Bellino (Valli occitane).

Ha scritto e co-sceneggiato il film Il vento fa il suo giro, regia di Giorgio Diritti.

Ha partecipato e vinto premi alla Rassegna del Documentario Premio Libero Bizzarri di San Benedetto del Tronto (1997), al Filmfestival del Cinema di Montagna di Trento (1998 - 2002), al Filmfestival Lessinia (1998 - 2004), al Festival Cinema & Vino (2001), a Malescorto (2006), al Valsusafilmfest (2007), al Riace Filmfestival (2009)[senza fonte].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

  • Medusa - Storie di uomini sul fondo - documentario, regia di Fredo Valla (2009)

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Valades ousitanes - documentario (1997)
  • E i a lo solelh - François Fontan e la descuberta de l'Occitania - documentario (1999)
  • Medusa - Storie di uomini sul fondo - documentario (2009)
  • L'assedio di Canelli - documentario (2010)
  • Non ne parliamo di questa guerra - documentario (2017)

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84052892 · ISNI (EN0000 0001 2053 2336 · WorldCat Identities (ENlccn-no2008183240