Franco Nobili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Franco Nobili (Roma, 2 dicembre 1925Roma, 26 novembre 2008) è stato un manager e imprenditore italiano nel settore delle grandi costruzioni e delle partecipazioni statali.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in giurisprudenza, nel 1950 iniziò a lavorare nell'Impresa di costruzioni Angelo Farsura di Milano di cui divenne amministratore delegato.

Nel 1959 contribuì alla costituzione della Cogefar S.p.A. (Costruzioni generali Farsura), nata dalla
collaborazione tra la Farsura S.p.A. e il gruppo finanziario la Centrale, diventandone direttore generale e poi amministratore delegato e presidente.

Nel 1989 venne nominato presidente dell'IRI.[1]

Si dimise nel 1993 a seguito del coinvolgimento nell'inchiesta Mani Pulite.

Ha lavorato dal 1999 nell'Impresa Pizzarotti S.p.A., ricoprendo anche la carica di presidente.

È stato anche presidente della Garboli S.p.A..

È stato inoltre:

  • Presidente della FIEC (Féderation de l'Industrie Européenne de la Construction – Associazione dei Costruttori Europei)
  • Vice Presidente vicario IGI
  • Vice Presidente ANCE
  • Amministratore del Banco di Roma (1983-1989)

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Franco Nobili fu coinvolto nell'inchiesta Mani Pulite. In particolare nell'ambito del processo per le tangenti Enel. Venne accusato di aver permesso il versamento di una tangente da parte di Italimpianti, società controllata dall'IRI. Il 12 maggio 1993 venne arrestato e trascorse 2 mesi e mezzo in carcere. Il processo a suo carico si concluse nel 2000. Dopo essere stato condannato in primo grado a 2 anni e 7 mesi, venne assolto in Appello con formula piena da tutte le accuse. La vicenda segnò profondamente la sua vita professionale ma Nobili ne uscì a testa alta, completamente pulito e venne pubblicamente riabilitato.

In proposito è stato detto:

  • "Vi furono delle vittime innocenti e Nobili fu tra queste. Lo Stato e la magistratura gli devono il risarcimento e le scuse"[2]
  • "Conobbe il carcere per una presunzione di colpevolezza mai provata. L'Italia ha un gran debito con l'onore di Franco Nobili. Assolto, ovviamente, per non aver commesso il fatto dette a tutti una lezione di dignità civile"[3]
  • "La vigliaccheria del comportamento giudiziario cui egli fu sottoposto comporterà che, fino a quando uno di noi sarà ancora vivo, dovrà sempre rivendicare l'onore di Franco Nobili"[4]

Impegno sociale e culturale[modifica | modifica wikitesto]

Franco Nobili ha ricoperto numerose cariche, tra le quali:

  • Vice Presidente nazionale UCID
  • Presidente del Collegio dei Probiviri dell'UCID
  • Vice Presidente Asso.n.e.b.b. (Associazione Nazionale per l'Enciclopedia della Banca e della Borsa)[5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN81103022
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie