Giuseppe De Rita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe De Rita

Giuseppe De Rita (Roma, 27 luglio 1932) è un sociologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1954 si laurea in Giurisprudenza e dal 1955 al 1963 è funzionario, con Giorgio Ceriani Sebregondi [1], della Svimez (Associazione per lo sviluppo del Mezzogiorno) di cui dirige la sezione sociologica dal 1958 al 1963.

Nel 1964 è tra i fondatori del Censis (Centro studi investimenti sociali), di cui è stato consigliere delegato per dieci anni e poi segretario generale dal 1974, diventandone, infine, Presidente nel 2007.[2] A partire dal 1967, le attività di ricerca e gli spunti di analisi dell'istituto vengono condensati nel Rapporto sulla situazione Sociale del Paese - giunto nel 2015 alla 49ª edizione[3][4][5][6] - che lo stesso De Rita presenta al pubblico e alla stampa nella sede del Cnel a Roma, ogni primo venerdì di dicembre.

È stato presidente del Cnel (Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro) dal 1989 al 2000. È membro della Fondazione Italia USA [7] e membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Courmayeur di cui, attualmente, ricopre la carica di presidente[8].

Svolge intensa attività di pubblicista, è editorialista del Corriere della Sera e partecipa ai più importanti convegni e dibattiti sulle condizioni e le linee di sviluppo della società italiana.[9]

Il 13 dicembre 2004, l'università Iulm gi ha conferito la laurea honoris causa in Scienze della comunicazione[10]

Il 9 maggio del 2006 ha ricevuto 19 voti nell'Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 2006.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A cura di Vanessa Roghi, Nel segno di comunità. Giuseppe De Rita, Fondazione Adriano Olivetti, 2009. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  2. ^ Redazione Online, "De Rita nomina il figlio direttore generale", in Corriere della Sera, 6 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014.
  3. ^ Rosaria Amato, Censis: l'Italia in letargo riparte a piccoli gruppi, in Repubblica.it, 04 dicembre 2015.
  4. ^ Rai News, L'italia è in letargo, non sa più progettare il futuro: "perso il gusto del rischio", rainews.it, 5 dicembre 2015.
  5. ^ Fabio Martini, Il Censis e l’Italia di Renzi: “Un Paese che vive alla giornata”, in lastampa.it, 4 dicembre 2015.
  6. ^ Andrea Gagliardi, Censis: il Paese è in letargo esistenziale collettivo la ripresa è affidata all’inventiva personale, in ilsole24ore.com, 4 dicembre 2015.
  7. ^ Elisabetta Ambrosi, "Censis, De Rita ci fa la morale poi ‘assume’ suo figlio", in Il Fatto quotidiano, 6 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014.
  8. ^ Fondazione Courmayeur Mont Blanc, fondazionecourmayeur.it.
  9. ^ Simonetta Fiori, "Mai visti a Roma questi conflitti etnici, se si pensa solo al centro le periferie si ribellano", in la Repubblica, 15 novembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014.
  10. ^ Laurea Giuseppe De Rita, iulm.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN39400402 · LCCN: (ENn85175930 · SBN: IT\ICCU\CFIV\067552 · ISNI: (EN0000 0000 6305 3880 · GND: (DE17033211X · BNF: (FRcb12071035s (data) · NLA: (EN35704683