Franco Muzzio Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Muzzio Editore
StatoItalia Italia
Fondazione1974 a Padova
Fondata daFranco Muzzio
GruppoGruppo Editoriale Italiano
SettoreEditoria
Sito web

Franco Muzzio Editore è una casa editrice fondata a Padova nel 1974 da Franco Muzzio (1948).

La produzione editoriale iniziò con un paio di libri di educazione sessuale per bambini, Sexfibel, non è stata la cicogna, 41 pagine illustrate, e Un bambino lo sa? che vennero sottoposti a sequestro giudiziario, ma successivamente dissequestrati e messi in commercio per effetto della perizia legale del prof. Guido Petter, psicologo dell'età evolutiva dell'Università di Padova.

La casa editrice abbandonò subito il tema dell'educazione sessuale e iniziò la pubblicazione di una collana divulgativa di scienze naturali (piante, fiori, animali), volumetti didascalici con abbondanza di illustrazioni.

Nel 1975 iniziò la pubblicazione di una collana dedicata all'elettronica (Biblioteca tascabile di elettronica) e nel 1976 di un'altra collana più professionale (Manuali di elettronica applicata), con testi tradotti dal tedesco. Le due collane erano curate da Mauro Boscarol.

Nel 1978, dopo la comparsa dei primi personal computer inizia la pubblicazione della collana Il piacere del computer, anch'essa curata da Mauro Boscarol, con circa un centinaio di titoli.

Parallelamente, dopo la crisi petrolifera degli anni settanta, venne creata anche una collana dedicata alle energie alternative e all'architettura bioclimatica (Le scienze dell'artificiale), ideata e curata da Sergio Los.

Negli anni '80 in seguito all'esigenza di diversificare gli ambiti di intervento, fu lanciata una collana dedicata alla gastronomia (Cucina regionale), curata prima da Giuseppe Maffioli e poi da Marco Guarnaschelli Gotti.

Segue un'altra collana di informatica ideata e curata da Mauro Boscarol (Informatica) e due collane curate da Virginio Sala, Intelligenza artificiale e robotica e Strumenti della musica.

Negli anni novanta furono lanciate nuove collane dedicate ai viaggi (Aritroso), in collaborazione con Ippolito Pizzetti, all'ecologia (Ecologia, con la collaborazione di Giorgio Celli, e Il pianeta, con la collaborazione di Gianfranco Bologna, direttore del WWF), al giardinaggio e agli animali (Il corvo e la colomba), ancora con Ippolito Pizzetti, e alla divulgazione scientifica (Muzzio Scienze, diretta da Corrado Mangione).

A partire dalla metà degli anni Novanta la casa editrice attraversa un periodo difficile. Nel 1997 il Tribunale Fallimentare di Padova dichiara il fallimento della Franco Muzzio Editore S.p.a. ed effettua la vendita al Gruppo Editoriale Aries, già affittuario dell'azienda dal 1995.

Nel 2003 Aries cede alcuni asset, tra cui il monte merci a Editori Riuniti. Nel 2003 il marchio Franco Muzzio Editore viene acquisito dalla società Gruppo Editoriale Italiano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria