Francesco Ronzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Ronzani (Verona, 14 febbraio 18021869) è stato un architetto italiano che lavorò soprattutto a Verona e provincia.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Le notizie che ci sono giunte sulla sua vita, sono state tramandate da un suo scritto autobiografico Notizie sulla vita dell'architetto Francesco Ronzani[1].

Ronzani iniziò a praticare l'intaglio di pietre ornamentali fin dall'età di sette anni. A dieci frequenta il biennio ginnasiale in un liceo cittadino.

Durante i suoi studi conobbe Bartolomeo Giuliari e Gaetano Pinali. Si occupò di effettuare degli studi su Michele Sammicheli pubblicando Fabbriche civili, ecclesiastiche e militari di Michele Sammicheli. Tra il 1829 e il 1830 studiò le opere di Andrea Palladio.

Nel 1838 fu chiamato a far parte della Commissione d'Ornato del comune di Verona.

Nel 1844 effettua un viaggio a scopo di studio visitando Roma, Napoli e Pompei.

Principali lavori[modifica | modifica wikitesto]

Villa Da Sacco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conservato presso la biblioteca Civica di Verona

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierpaolo Brugnoli, Arturo Sandrini, L'architettura a Verona dal periodo napoleonico all'età contemporanea, Banca Popolare di Verona, 1994.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]