Francesco Pizzetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Maria Pizzetti
Francesco Pizzetti by Simona Lodato - International Journalism Festival 2013.jpg
Francesco Pizzetti al Festival internazionale del giornalismo 2013

Presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali
Durata mandato 2005 –
2012
Predecessore Stefano Rodotà
Successore Antonello Soro

Francesco Maria Pizzetti, detto Franco (Alessandria, 21 novembre 1946), è un giurista italiano.

È stato presidente dell'Autorità Garante per la Privacy dal 18 aprile 2005 al giugno 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È ordinario di diritto costituzionale presso l'università di Torino dal 1980. Pizzetti ha insegnato per 8 anni all'università di Urbino ed è stato pro-rettore dell'Università di Torino dal 1984 al 1987. In ambito amministrativo, è stato membro del consiglio di presidenza della Giustizia Amministrativa e Direttore della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione. Insegna diritto costituzionale e diritto della tutela dei dati personali presso l'università LUISS di Roma. Nel 2014 è stato coinvolto come indagato dalla procura di Bari nella vicenda all'italiana dei concorsi universitari truccati, per presunte pressioni fatte onde ottenere una cattedra per suo figlio Federico Gustavo, oggi professore ordinario.[1] È stato da ultimo Capo di Gabinetto del Ministro degli Affari Regionali Enrico Costa, decadendo al momento delle sue dimissioni.

In politica[modifica | modifica wikitesto]

Si è occupato di riforme istituzionali, diritto regionale e ordinamenti federativi, diventando consigliere costituzionale del presidente del consiglio Giovanni Goria nel 1987 e del presidente del consiglio Romano Prodi, suo referente politico, dal 1996 al 1998. Ha contribuito a varare le cosiddette leggi Bassanini, del cui Ministro è stato consigliere giuridico. Dal 1990 al 1991 è stato vicesindaco di Torino nella giunta del liberale Valerio Zanone.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a colloquio con Francesco Pizzetti (2011)

Ha scritto più di un centinaio tra saggi e articoli scientifici in materia di diritto costituzionale, italiano e comparato, diritto regionale e diritto pubblico.

  • Non manifesta infondatezza e rilevanza nella instaurazione incidentale del giudizio sulle leggi, Milano, A. Giuffrè, 1972 (con Gustavo Zagrebelsky).
  • Rigidità e garantismo nella costituzione spagnola, vol. I, I procedimenti di revisione costituzionale e le leggi organiche, Torino, La Cartostampa, 1979.
  • Federalismo, regionalismo e riforma dello Stato, Torino, G. Giappichelli, 1996.
  • Il nuovo ordinamento italiano fra riforme amministrative e riforme costituzionali, Torino, G. Giappichelli, 2002.
  • L'ordinamento costituzionale italiano fra riforme da attuare e riforme da completare, Torino, G. Giappichelli, 2003.
  • Privacy e il diritto europeo alla protezione dei dati personali, 2 voll., Torino, G. Giappichelli, 2016.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Elio e le Storie Tese lo hanno menzionato in un verso ("chi sia il nuovo garante nessuno lo sa / Pizzetti ma chi è?") del loro brano inedito intitolato "Rodotà"[2], dedicato a Stefano Rodotà, una parodia di "Riderà" di Little Tony, cantato nella puntata di Parla con me dell' 11 maggio 2010 su Rai 3.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN60366792 · ISNI: (EN0000 0000 2164 0884 · SBN: IT\ICCU\CFIV\038788 · LCCN: (ENn79129232 · GND: (DE170580962