Francesco Guglielmino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo matematico, vedi Francesco Vincenzo Guglielmino.

Francesco Guglielmino (Aci Catena, 8 marzo 1872Catania, 25 febbraio 1956) è stato un poeta, grecista e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Mario e Giuseppa Leonardi, ha studiato nel liceo ginnasio e nell'Università di Catania, presso la quale si è laureato nel 1895 con una tesi su Lucrezio. Sposatosi nel 1896 con Venera De Gaetano, ebbe tre figli.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato docente universitario di letteratura greca presso l'università di Catania dal 1932 al 1946, è stato inoltre poeta in siciliano e critico letterario. Ha svolto un'intensa attività come conferenziere, traduttore, commentatore di numerosi testi in lingua latina, greca e tedesca. Nel corso degli anni Trenta, ha realizzato con altri collaboratori, quali Emanuele Rapisarda, Liborio Santangelo e Domenico Magri, alcune antologie di letteratura latina per i vari indirizzi e gradi della scuola: Roma fulgens, Romulea gens, Italae vires, Roma parens.[1]

Risale al 1922 la pubblicazione di una raccolta di poesie dal titolo Ciuri di strata, che lo ha fatto conoscere come poeta romantico in lingua siciliana[2].

Opere (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Le similitudini nel poema di Tito Lucrezio Caro, Tipografia Donzuso, Acireale 1896
  • L'iteratio nell'Eneide, Battiato, Catania 1901
  • L'oratore; saggio di traduzione, (Marco Tullio Cicerone), C. Battiato Editore, Catania 1901
  • L'origine delle cose e la natura dell'anima in Euripide, <S.l. : s.n., 1906?>
  • Il sole nella lirica del Carducci, Tipografia dell'Unione Cooperativa Editrice, Roma 1908
  • Arte e artefizio nel dramma greco, Francesco Battiato, Catania 1912
  • Ardimenti classici e aberrazioni futuristiche, F. Perrella, Napoli 1918
  • Ciuri di strata, con prefazione di Federico De Roberto, F. Battiato, Catania 1922; nuova edizione con note introduttive di Federico De Roberto, Vitaliano Brancati, Leonardo Sciascia, Sellerio, Palermo 1978
  • Phormio (di Publio Terenzio Afro), commentato da Francesco Guglielmino, G. C. Sansoni, Firenze 1922
  • Caratteri estetici dei principali poeti latini, con Enrico Aguglia, F. Perrella, Napoli
  • I lirici latini, a cura di Francesco Guglielmino, F. Perrella, Napoli
  • Quel che Pindaro sentiva di sé, tip. E. Ariani, Firenze 1927
  • Odissea. Libro ventesimo, introduzione e commento, C. Signorelli, Milano 1928
  • La parodia nella commedia greca antica, Studio editoriale moderno, Catania 1928
  • I misteri greci dell'età classica, (di Otto Kern) traduzione, Studio editoriale moderno, Catania 1931
  • Il ratto di Proserpina; La guerra contro i Goti di Claudio Claudiano; versione di Franc. Guglielmino, Societa anonima Notari : [poi] Istituto editoriale italiano, Villasanta 1931
  • Preconcetti teorici e realismo in Platone, Studio editoriale moderno, Catania 1936
  • Il Teatro di Ibsen, conferenza, Off. Graf. Moderna Impegnoso e Pulvirenti, Catania 1936
  • Il pensiero del Meli nel "Don Chischiotti", Palumbo, Palermo 1941
  • Poeti della commedia attica antica, G. Crisafulli, stampa Catania 1945
  • Claudiani carmina, Garzanti, stampa Milano 1946
  • Odissea: libro ventunesimo, introduzione e commento, Signorelli, Milano 1946
  • Il nucleo lirico nella poesia di Mario Rapisardi, Università di Catania. Biblioteca della Facoltà di Lettere e Filosofia, Catania 1946

Antologia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Materiale attestato dal catalogo OPAC
  2. ^ Vitaliano Brancati, Romanzi e saggi, Milano, Mondadori, 2003, pp. Pp. 1597-1599, ISBN 8804513586.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonino Cassarà, Francesco Guglielmino: note e ricordi di un vecchio collega, in «Pedagogia», V (Catania, Edizioni B, 1956), nº 1-2, pp. 32-37.
  • Carmelo Musumarra, Francesco Guglielmino: poeta, Centro di studi sull'antico cristianesimo(Universita' di Catania), Catania 1956
  • Maria Coffaro, Francesco Guglielmino mio maestro: a Francesco Guglielmino insigne grecista, illustre filologo morto nel 25 dello scorso febbraio 1956, [S.l. : s.n., 1956?]
  • Salvatore Santangelo, Ricordando Francesco Guglielmino, Universita' di Catania, Facolta' di Lettere e Filosofia, Catania 1958
  • Michele Pricoco, C'e sempri 'na nuvola 'nfunnu...: Francesco Guglielmino nei ricordi della mia giovinezza, Galatea, Acireale 1976
  • Giuseppe Savoca, Guglielmino poeta crepuscolare, [S.l. : s.n., 1980?]
  • Michele Pricoco, Per un ritratto inedito di Francesco Guglielmino, Galatea, Acireale 1985
  • Carmela Caruso Tribalto, il fascino della Sicilia nelle liriche di Francesco Guglielmino, Giannotta, stampa Catania 1993
  • L'amara dolcezza del ricordo: Francesco Guglielmino cinquant'anni dopo, a cura di Mario Urso, A & B, Acireale 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15143266 · ISNI (EN0000 0001 2121 8891 · SBN IT\ICCU\RAVV\079354 · LCCN (ENn79059378 · GND (DE1055222286 · BNF (FRcb10568455k (data) · BAV ADV12200742 · WorldCat Identities (ENn79-059378