Francesco De Lemene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

Francesco De Lemene (Lodi, 19 febbraio 1634Lodi, 24 luglio 1704) è stato un librettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia aristocratica, studiò all'Università di Bologna e di Pavia, dove si laureò nel 1655. Fu successivamente impiegato nell'allora amministrazione spagnola dapprima come pubblico oratore a Milano e poi come decurione a Lodi. Nel 1661 soggiornò a Roma, dove frequentò spesso il circolo di Cristina di Svezia. Fu a Roma che iniziò la sua attività librettistica. Nel 1691 entrò con il nome di Arezio Gateatico nell'Accademia dell'Arcadia.

De Lemene risente dell'influenza del poeta Giambattista Marino e del commediografo Carlo Maria Maggi; infatti i suoi testi tendono ad avere un carattere eroicomico. Altro sintomo dell'influenza del Maggi è la produzione di De Lemene in Lingua lombarda, nella sua variante lodigiana, nella quale scrive la commedia teatrale La sposa Francesca e opera una sua personale traduzione della Gerusalemme liberata di Torquato Tasso.[1]

Il De Lemene fu protagonista anche nella vita sociale e culturale della sua città natale. Qui esercitò la sua professione ammirato e tenuto in gran conto dai suoi compatrioti contemporanei. Fu sua, per esempio, la decisione di ampliare il Tempio Civico dell'Incoronata ampliandone la zona presbiterale aggiungendovi l'abside e facendola decorare dal suo amico pittore Andrea Lanzani ritenuto tra i padri del barocchetto lombardo.

I suoi resti sono conservati nella Chiesa di San Francesco di Lodi, dove una lapide e un altorilievo marmoreo che lo ritrae ricordano ai posteri la sua fama.

Libretti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12377990 · ISNI (EN0000 0001 2099 1452 · SBN IT\ICCU\CFIV\046498 · LCCN (ENn82062864 · GND (DE129123196 · BNF (FRcb12323392d (data) · BAV ADV10884667 · CERL cnp00529071