Francesco Brancia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Brancia
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo metropolita di Chieti
 
Nato19 gennaio 1725
Ordinato presbitero8 giugno 1748
Nominato arcivescovo9 aprile 1764
Consacrato arcivescovo15 aprile 1764
Deceduto7 gennaio 1770
 

Francesco Brancia (Napoli, 19 gennaio 1725Chieti, 7 gennaio 1770) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di don Nicola Adriano Brancia, quarto duca di Vulgano, e di Francesca Cito. L'8 giugno 1748 fu promosso all'ordine del presbiterato e il 23 marzo 1764 ottenne il titolo di dottore in teologia.[1]

Eletto arcivescovo di Chieti, fu consacrato a Roma dal cardinale Ferdinando Maria de' Rossi il 15 aprile 1764 e il 4 maggio successivo gli fu consegnato il pallio dei metropoliti.[1]

Si distinse per la sollecitudine verso i poveri e promosse importanti interventi di riedificazione e abbellimento della cattedrale.[2]

Morì, in concetto di santità, dopo cinque anni di episcopato.[2]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Konrad Eubel, Hierarchia Catholica Medii Aevi, vol. 6, p. 400.
  2. ^ a b Gennaro Ravizza, Memorie istoriche intorno la serie de' vescovi ed arcivescovi teatini, pp. 43-44.