François Cavanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
François Cavanna

François Cavanna (Parigi, 22 febbraio 1923Créteil, 29 gennaio 2014) è stato uno scrittore e disegnatore francese, uno dei due fondatori del giornale satirico Charlie Hebdo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cavanna nacque a Nogent-sur-Marne, nell'Île-de-France, figlio d'un immigrato italiano originario di Bettola (in provincia di Piacenza), Luigi Cavanna, e d'una donna francese[1]. Nel suo libro Les Ritals Cavanna ha presentato gli ambienti dell'immigrazione italiana (Rital è uno spregiativo che designa gli italiani). François Cavanna è ricordato per il suo spirito ironico e caustico. «Se la tua mano destra ha commesso un'ingiustizia, cancella le impronte» e «Se si chiudono un leone affamato, un uomo affamato e una cotoletta in una gabbia, non è mai la cotoletta a vincere» sono due fra i suoi aforismi più celebri[2].

È fra i fondatori nel 1960 della rivista satirica illustrata Hara Kiri[3] che nel 1970 diventa "Charlie Hebdo", giornale caratterizzato da un tono caustico e irriverente che all'epoca causò molti scandali[4]. Oltre a Cavanna, Charlie Hebdo fece conoscere al grande pubblico altri grandi disegnatori e autori, come Cabu, Gébé e Wolinski.

Lo stile caratteristico di François Cavanna, satirico, bizzarro, vivace e colorato, l'ha reso celebre e ha determinato il successo dei suoi primi romanzi, a carattere autobiografico. Dal 1985, rallenta l'attività giornalistica e si dedica alla letteratura, nei più diversi generi[5].

Polemista vigoroso, nei suoi scritti e nelle sue vignette attacca con forza il consumismo, l'ingiustizia, la sofferenza degli animali usata come spettacolo e l'ipocrisia delle religioni.

Muore nel 2014 per le complicazioni della malattia di Parkinson. Negli ultimi tempi si erano aggiunti problemi polmonari[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La truelle de Luigi Cavanna | Musée national de l'histoire de l'immigration, su www.histoire-immigration.fr. URL consultato l'11 maggio 2019.
  2. ^ (FR) François Cavanna a dit..., su evene.lefigaro.fr, lefigaro.fr. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  3. ^ (FR) Les 15 numéros 1 de Hara-kiri, par Cyril Bosc, su www.caricaturesetcaricature.com. URL consultato il 18 aprile 2020.
  4. ^ L’histoire de Charlie | Charlie Hebdo, su blog.univ-angers.fr. URL consultato il 18 aprile 2020.
  5. ^ Courte biographie de François Cavanna, su www.toupie.org. URL consultato il 17 aprile 2020.
  6. ^ (FR) François Cavanna, mort d'un « rital », in Le Monde.fr, 30 gennaio 2014. URL consultato il 18 aprile 2020.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1978: Les Ritals, Belfond, Paris ISBN 2-7144-1168-1
  • 1979: Les Russkoffs, Belfond, Paris
  • 1981: Bête et méchant, Belfond, Paris
  • 1985: Maria, Belfond, Paris
  • 1987: L'Œil du lapin, Belfond, Paris
  • 1989: Mignonne, allons voir si la rose..., Belfond, Paris ISBN 2-7144-2411-2
  • 1992: Dieu, Mozart, Le Pen et les autres..., Pocket, Paris
  • 1994: Lettre ouverte aux culs-bénits, Albin MicheI, Paris
  • 2000: Le Hun blond, Albin Michel, Paris
  • 2002: Les Ecritures : Les Aventures de Dieu - Les Aventures du petit Jésus, Albin Michel, Paris
  • 2004: L'Adieu aux reines, Albin Michel, Paris

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54145558 · ISNI (EN0000 0001 2133 3654 · LCCN (ENn81112398 · GND (DE11887263X · BNF (FRcb118956294 (data) · NDL (ENJA00464367 · WorldCat Identities (ENlccn-n81112398