Fiorenzo Serra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fiorenzo Serra (Porto Torres, 3 maggio 1921Sassari, 28 settembre 2005) è stato un regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia Scienze Naturali a Firenze, dove tra l'altro collabora ai Cineguf. Torna in Sardegna nel 1945 e, abbandonata l’attività di assistente all'Università di Pisa, fonda una casa di produzione con il fratello Elio, intraprendendo l’attività di cineasta a tempo pieno. Si dedica al cinema, spesso in chiave realistica e documentaristica, raccontando la storia, la cultura e le problematiche sociali della sua Isola. Nelle sue pellicole racconta la vita quotidiana dei piccoli paesi sardi, spesso concentrandosi sull'universo della pastorizia e dell'agricoltura, e sull'analisi della trasformazione delle tradizioni sotto l'effetto della modernizzazione[1]. Nel 1964 avev completato il suo lungometraggio L'ultimo pugno di terra, scritto in collaborazione con Giuseppe Dessì e Giuseppe Pisanu (allora esponente democristiano), con la supervisione di Cesare Zavattini, che poi aveva riadattato e presentato nel 1966 al Festival dei popoli, dove ottenne il premio Agis. Nel 1968 assume l'incarico di preside del neonato Istituto d’Arte di Nuoro e nel 1973 ad Alghero, dove istituì il corso di grafica[2].


Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulio Angioni, in Fiorenzo Serra, cit., 97-132
  2. ^ Riccardo Campanelli, La lezione di Fiorenzo Serra, La Nuova Sardegna, 31 ottobre 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN307327735 · SBN: IT\ICCU\CAGV\193846