Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

ACF Fiorentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fiorentina)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Fiorentina" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Fiorentina (disambigua).
ACF Fiorentina
Calcio Football pictogram.svg
ACF Fiorentina.svg
Viola, Gigliati
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Flag of Fiorentina 3D.svg Viola
Simboli Giglio di Firenze
Inno Canzone viola
Marcello Manni
riedita da Narciso Parigi
Dati societari
Città Firenze
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie A
Fondazione 1926
Rifondazione2002
Proprietario Italia Diego e Andrea Della Valle
Presidente Italia Mario Cognigni
Allenatore Italia Stefano Pioli
Stadio Artemio Franchi
(43 147[1] posti)
Sito web it.violachannel.tv
Palmarès
ScudettoScudetto Coppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia Supercoppa italiana Coppa delle Coppe
Scudetti 2
Titoli nazionali 3 Campionati di Serie B
Trofei nazionali 6 Coppe Italia
1 Supercoppe italiane
Trofei internazionali 1 Coppe delle Coppe
1 Coppa Grasshoppers
1 Coppa Mitropa
1 Coppa di Lega Italo-Inglese
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L'ACF Fiorentina (Associazione Calcio Firenze e Associazione Fiorentina del Calcio nel 1926, Associazione Calcio Fiorentina dal 1927 al 2002 e Florentia Viola nel 2002-2003), più comunemente nota come Fiorentina, è una società calcistica italiana con sede a Firenze, fondata il 29 agosto 1926 dal marchese Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano.[2] Dal 2002 il club è di proprietà di Diego e Andrea Della Valle.[3]

Nel corso della sua storia è stata per due volte campione d'Italia, nel 1955-1956 e nel 1968-1969; in ambito nazionale ha inoltre vinto sei Coppe Italia e una Supercoppa italiana. È stata la prima squadra italiana a vincere una competizione UEFA, la Coppa delle Coppe nel 1960-1961, nonché una delle quattordici squadre europee che hanno disputato finali in tutte le tre principali competizioni continentali:[4] la Coppa dei Campioni (nel 1956-1957, prima squadra italiana a raggiungere la finale nella massima competizione continentale), la Coppa delle Coppe (nel 1960-1961 e nel 1961-1962) e la Coppa UEFA (nel 1989-1990).

Il colore sociale è il viola, scelta cromatica voluta espressamente dallo stesso Ridolfi nel 1929; altri segni distintivi della società sono la Canzone viola, inno ufficiale composto da Marcello Manni e reinterpretato e arrangiato nel 1965 da Narciso Parigi, e lo stemma, caratterizzato da un giglio rosso su sfondo bianco, simbolo della città toscana. Inizialmente la sede delle partite casalighe era lo Stadio Velodromo Libertas, mentre dal 1931 la squadra disputa i propri incontri casalinghi nello Stadio Artemio Franchi.

La Fiorentina è anche uno dei membri dell'European Club Association (ECA), organizzazione internazionale che ha preso il posto del soppresso G-14, composta dai principali club calcistici europei, riuniti in consorzio al fine di ottenere una tutela comune dei diritti sportivi, legali e televisivi di fronte alla FIFA.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'ACF Fiorentina.
La Coppa Italia 1939-1940, primo trofeo vinto dalla squadra viola.

Il 29 agosto 1926, con la fusione tra la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas e il Club Sportivo Firenze, appoggiata da Luigi Ridolfi e altre autorità sportive dell'epoca, venne fondata l'Associazione Calcio Firenze, denominata l'anno seguente Associazione Calcio Fiorentina;[6][7] il primo incontro ufficiale, valevole per il campionato di Prima Divisione 1926-1927, si tenne nello stadio di via Bellini il 3 ottobre 1926 contro il Pisa.[8] La prima maglia ufficiale era inquartata bianca e rossa, colori sociali di Firenze e dei club da cui è originata la Fiorentina, con sul petto il Giglio di Firenze.[9]

Dopo l'incorporazione nel club dell'Itala Football Club e la promozione a tavolino del 1927-1928 nonostante il caso Savoia-Fiorentina,[10] i Gigliati disputarono la prima loro stagione nella massima serie, la Divisione Nazionale, terminata all'ultimo posto in classifica; nonostante il regolamento prevedesse per loro la Prima Divisione, vennero ripescati e inseriti in Serie B.[11] Nel 1929, in una amichevole con la Roma, la squadra toscana indossò per la prima volta maglie di colore viola.[12] I Viola vinsero il campionato 1930-1931, ottenendo così la loro prima promozione in Serie A.[8]

La Fiorentina per la prima volta campione d'Italia nel 1955-1956.

Nel 1931 venne inaugurato lo Stadio Giovanni Berta.[13][14] La prima stagione viola nella nuova struttura terminò al quarto posto, con 25 reti di Pedro Petrone, capocannoniere del torneo.[15] Negli anni 1930 la Fiorentina debuttò nelle competizioni calcistiche europee (Coppa dell'Europa Centrale 1935)[16][17] ma retrocedette in Serie B nel 1937-1938: tuttavia, con il primo posto nella successiva stagione, ritornò subito in massima serie.[18] Nel 1940 la Fiorentina conquistò il primo trofeo della sua storia, la Coppa Italia.[19]

Nella stagione 1955-1956 i Viola, allenati da Fulvio Bernardini, conquistarono il loro primo scudetto con cinque giornate di anticipo.[20][21] La vittoria della Serie A consentì al club di partecipare alla Coppa dei Campioni,[22] dove i Gigliati arrivarono in finale il 30 maggio 1957 al Santiago Bernabéu, venendo battuti dal Real Madrid.[23][24] Ventidue giorni prima, il club fiorentino aveva vinto la Coppa Grasshoppers.[25]

La Fiorentina con la Coppa delle Coppe 1960-1961.

Dall'annata seguente la Fiorentina si classificò per quattro volte consecutive al secondo posto,[26] arrivando inoltre due volte in finale di Coppa Italia (1958 e 1959-1960);[27] in campo europeo, giocò come nazione la Coppa dell'Amicizia italo-francese 1959 e 1960. Nel 1960-1961 il club, guidato da Nándor Hidegkuti, vinse la coppa nazionale, la Coppa delle Alpi 1961 (come nazione) e la Coppa delle Coppe, battendo nella doppia finale i Rangers;[28] con questa vittoria divenne la prima squadra italiana a vincere una competizione UEFA per club.[26] I Gigliati arrivarono in finale di quest'ultima competizione anche l'anno successivo, venendo battuti dal Atlético Madrid.[26][29]

La Fiorentina per la seconda volta scudettata nel 1968-1969.

Per tutti gli anni 1960, considerati il decennio d'oro della storia viola,[26] la Fiorentina stazionò nelle prime posizioni della Serie A, vincendo la Coppa Mitropa e la Coppa Italia nel 1966. Nella stagione 1968-1969 la squadra viola, formata da molte giovani promesse per cui venne chiamata "Fiorentina Ye-Ye", conquistò il suo secondo titolo nazionale, con Bruno Pesaola come allenatore.[26][30]

I primi anni 1970 videro la Fiorentina in un calo da un punto di vista dei risultati rispetto ai decenni precedenti; nel 1975 tuttavia la società viola vinse la sua quarta Coppa Italia e la Coppa di Lega Italo-Inglese.[31] Nel decennio successivo subentrarono alla presidenza i Pontello, che attuarono alcune scelte societarie contestate dai tifosi, come il cambio dell'inno e dello stemma.[32] Nel 1981-1982 i Viola contesero fino all'ultima giornata lo scudetto alla Juventus.[33] Nel 1990 la squadra raggiunse la finale della Coppa UEFA, sconfitta nuovamente dalla squadra bianconera, in un torneo che ha visto per la prima volta due squadre italiane contendersi un trofeo confederale.[34]

Una formazione della Fiorentina 1989-1990, finalista di Coppa UEFA.

Nello stesso anno i Pontello cedettero il pacchetto azionario di maggioranza a Mario Cecchi Gori. Nel 1992-1993, dopo cinquantaquattro anni nella massima serie italiana, i gigliati retrocedettero in Serie B, ma risalirono immediatamente in Serie A dopo un anno,[35] ottenendo anche la terza promozione. Il nuovo ciclo, cominciato nel 1993 con la presidenza di Vittorio Cecchi Gori, ebbe risultati altalenanti in campionato nelle stagioni successive, arrivando due volte al terzo posto, nel 1995-1996 e nel 1998-1999, vincendo la Coppa Italia e la Supercoppa italiana nel 1996.[36] Nella stagione 1999-2000 la Fiorentina tornò nella massima competizione internazionale dopo trent'anni e nell'annata seguente, con alla guida tecnica l'esordiente Roberto Mancini, vinse la sua sesta Coppa Italia.[37]

La Fiorentina celebra la vittoria nella Supercoppa italiana 1996.

Nell'estate 2001 il tribunale civile di Firenze avviò una procedura di fallimento a carico della società, che, nonostante le cessioni dei suoi giocatori più illustri come Batistuta, Rui Costa e Toldo, versava in una grave crisi di bilancio.[38] In questa difficile situazione finanziaria, nel 2001-2002 la Fiorentina retrocedette in cadetteria, una débâcle che non si ripeteva dal 1993, giocando uno dei peggiori campionati della sua storia. Successivamente, a causa dei mancati pagamenti degli stipendi di calciatori e dell'impossibilità di sostenere gli sforzi economici relativi alla partecipazione al successivo campionato, la società non poté iscriversi alla Serie B 2002-2003 e venne in seguito dichiarata fallita.[39][40]

Il 1º agosto 2002 venne fondata la Fiorentina 1926 Florentia da Leonardo Domenici, sindaco di Firenze; la nuova società, che venne iscritta alla Serie C2, venne acquistata da Diego Della Valle e rinominata Florentia Viola.[41] Il torneo fu vinto dai Gigliati, che, in seguito al caso Catania e al fallimento del Cosenza, vennero eccezionalmente ripescati in Serie B per meriti sportivi e per bacino d'utenza.[42] La stagione 2003-2004 vide la Fiorentina tornare in Serie A dopo lo spareggio interdivisionale contro il Perugia. Dopo una salvezza ottenuta all'ultima giornata nel 2004-2005, i Viola furono coinvolti nello scandalo di Calciopoli, che li penalizzò sia nella stagione 2005-06, estromettendoli dalle coppe europee, sia in quella successiva:[43] in quest'ultima, malgrado i punti di penalizzazione, riuscirono ugualmente a qualificarsi alla Coppa UEFA 2007-2008, che si concluse in semifinale dopo aver ceduto ai calci di rigore contro i Glasgow Rangers.[32] I toscani raggiunsero la finale di Coppa Italia 2013-2014, poi persa contro il Napoli. Il 13 aprile 2014 la Fiorentina ha centrato lo storico traguardo delle 1.000 vittorie in Serie A.[44]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'ACF Fiorentina

Quarti di finale di Coppa dell'Europa Centrale.
Semifinalista di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (1º titolo).

Quarti di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
2ª nel girone B del Torneo Postcampionato

Finalista di Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa Grasshoppers (1º titolo).
Finalista di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Finalista di Coppa Italia.

Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (2º titolo).
Coppa delle Coppe.svg Vince la Coppa delle Coppe (1º titolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Finalista di Coppa delle Coppe.
Fasi a gironi della Coppa Mitropa.
Secondo turno di Coppa Italia.
Semifinalista di Coppa Italia.
Fase a gironi della Coppa Piano Karl Rappan.
Primo turno di Coppa Italia.
Finalista di Coppa Mitropa.
Primo turno di Coppa delle Fiere.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (3º titolo).
Mitropa Cup.svg Vince la Coppa Mitropa (1º titolo).
Sedicesimi di finale di Coppa delle Fiere.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa delle Coppe.
Semifinalista di Coppa Mitropa.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa delle Alpi.
Ottavi di finale di Coppa delle Fiere.
Secondo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa delle Fiere.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa dei Campioni.
Finalista di Coppa delle Alpi.
Fase a gironi di Coppa Anglo-Italiana.

3ª in Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa delle Fiere.
Secondo turno di Coppa Italia.
Finalista di Coppa Mitropa.
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
Finalista della Coppa Anglo-Italiana.
Primo turno di Coppa Italia.
Trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (4º titolo).
Fase a gironi di Coppa Mitropa.
Secondo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa delle Coppe.
Coppa Lega italoinglese.svg Coppa di Lega Italo-Inglese: 1 Vince la Coppa di Lega Italo-Inglese (1º titolo).
Primo turno di Coppa Italia.
3ª nella Coppa Mitropa.
Primo turno di Coppa Italia.
Trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.

Quarti di finale di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa UEFA.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Semifinalista di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
Semifinalista di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Trentaduesimi di Coppa UEFA.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Girone di qualificazione di Coppa Italia.
Finalista di Coppa UEFA.

Terzo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Terzo turno di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (5º titolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Supercoppa Italiana.svg Vince la Supercoppa italiana (1º titolo).
Semifinalista di Coppa delle Coppe.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Finalista di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Seconda fase a gironi di Champions League.

Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (6º titolo).
Primo turno di Coppa UEFA.
  • 2001-2002 - 17ª in Serie A. Retrocessa in Serie B e dichiarata finanziariamente fallita.
Finalista di Supercoppa italiana.
Secondo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
  • 1º agosto 2002 - La società rinasce come Florentia Viola, e viene iscritta in Serie C2 per meriti sportivi.
  • 2002-2003 - 1ª nel girone B della Serie C2. Inizialmente promossa in Serie C1, viene successivamente promossa d'ufficio in Serie B per meriti sportivi, col nuovo nome di ACF Fiorentina.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Semifinalista di Coppa UEFA.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Fase a gironi di Champions League.
Sedicesimi di finale Coppa UEFA.
Semifinalista di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Champions League.

Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Finalista di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Europa League.
Semifinalista di Coppa Italia.
Semifinalista di Europa League.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Europa League.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Europa League.
Quarti di finale di Coppa Italia.
in Coppa Italia.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colori e simboli dell'ACF Fiorentina.

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
La divisa storica della Fiorentina

La Fiorentina indossa generalmente una divisa di colore viola, spesso erroneamente associato anche alla città di Firenze, che invece ha nel suo simbolo il bianco e il rosso, utilizzati dalla squadra fiorentina agli inizi della sua storia,[45] come simbolo della fusione tra il Club Sportivo Firenze e la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas.[46] Questi colori vennero usati fino al 22 settembre 1929, quando, in un'amichevole disputata contro la Roma, la Fiorentina indossò per la prima volta la maglia viola con il giglio rosso sul petto.[12] Secondo la tradizione, questo sarebbe il risultato di un lavaggio errato delle maglie bianco-rosse in un fiume; in realtà venne scelto direttamente da Luigi Ridolfi,[45] dopo un amichevole nel 1928 con l'Újpesti TE.[46]

Tra gli anni 1930 e 1970, la tenuta non ebbe grandi modifiche;[47] il colore base della maglia, di produzione artigianale e generalmente in lana, fu sempre il viola, mentre i calzoncini erano di colore nero o, più comunemente, bianco.[47] Nel 2007, la divisa viola si è classificata 19ª nella lista delle 50 maglie più belle della storia del calcio, redatta dal quotidiano britannico The Times.[48]

Gabriel Batistuta in azione nella stagione 1996-1997 nel tradizionale completo viola della squadra.

Fin dalla sua introduzione nel 1947, la Fiorentina ha generalmente indossato una maglia da trasferta di colore bianco; tuttavia nei primi anni della sua storia, quando la divisa era bianco-rossa, utilizzò una tenuta a strisce verticali di questi stessi colori, con pantaloncini e calzettoni neri. Fin dagli anni cinquanta, negli incontri in cui viola e bianco potevano confondersi con le maglie degli avversari, la Fiorentina sfoggiava occasionalmente divise alternative rosse, gialle o verdi; la prima effettiva terza maglia venne introdotta soltanto a partire dal 1996.[46]

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo della Fiorentina è da sempre un giglio bottonato di colore rosso su campo bianco, principale segno distintivo di Firenze derivante dallo stemma araldico di Ugo di Toscana. Se nei primi tempi si usava direttamente lo stemma comunale, col tempo questo ha subìto varie modifiche, passando dal tradizionale scudo a un campo bianco romboidale, disegnato direttamente dal marchese Ridolfi, al "giglio alabardato" dei Pontello.[32][45]

L'ultimo stemma societario venne adottato dalla dirigenza di Cecchi Gori nel 1991, inserendo un giglio stilizzato fiorentino (rosso in campo bianco) all'interno di una losanga bordata d'oro; le iniziali della società (bianche e rosse su fondo viola) sono poste in uno spazio compreso fra due ulteriori filetti d'oro che partono dagli angoli opposti della losanga per congiungersi al di sotto del suo angolo inferiore.[32]

Inno[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Canzone viola/Fiorentina.

L'inno della Fiorentina, intitolato Canzone viola ma conosciuto anche come O Fiorentina, venne scritto nel 1930 da Marcello Manni e musicato da Marco Vinicio. I primi tifosi della squadra toscana, riuniti nell'"ordine del Marzocco", fecero stampare un volantino con il testo di questa canzone, distribuendolo al pubblico dello stadio in via Bellini, per farlo cantare a tutti i tifosi e facendolo così divenire l'inno della Fiorentina. Narciso Parigi ne fece una cover nel 1954; alcuni anni dopo, nel 1964, la cantò nuovamente, modificandone significativamente il testo. Quest'ultima versione sostituì l'edizione originale come inno della Fiorentina e, da allora, viene eseguita allo stadio Franchi prima di ogni partita della squadra.[49]

Per molti anni la Fiorentina aveva anche un "co-inno" ufficiale, chiamato Alé Fiorentina, scritto da Corsini, Gallerini, Dolcino e interpretato sempre da Narciso Parigi. Questa canzone veniva eseguita, nelle gare casalinghe, quando la squadra viola faceva il suo ingresso in campo nel secondo tempo; l'usanza del doppio inno è poi caduta in disuso. Nel 1981 la dirigenza della società viola adottò per un breve periodo un nuovo inno, La Fiorentina, che, pur essendo inno ufficiale sino al 1990, non venne mai amato dai tifosi, che continuarono a preferirgli il brano precedente.[49]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio di via Bellini e Stadio Artemio Franchi.
Panorama interno del "Franchi".

Agli inizi della sua storia, tra il 1926 e il 1931, la Fiorentina disputava i suoi incontri interni nello stadio di via Bellini, in passato utilizzato dalla Libertas. Tra il 1930 e il 1932 venne costruito, per volontà di Luigi Ridolfi,[13] un nuovo stadio, su progetto di Pier Luigi Nervi, chiamato Stadio Giovanni Berta e inaugurato il 13 settembre 1931 con la partita tra Fiorentina e Admira Vienna. L'opera, ricca di elementi architettonici innovativi, come la pensilina priva di sostegni intermedi, le scale elicoidali e la torre di Maratona, è ritenuta come un capolavoro dell'architettura italiana degli anni 1930.[50] Un altro importante elemento è il terreno di gioco, il cui drenaggio è considerato tra i migliori in Europa.[13][51]

Alla fine del seconda guerra mondiale, con la caduta del fascismo, il nome dell'impianto venne cambiato in Stadio Comunale; nel corso della sua storia, fu sede di alcuni incontri calcistici dei Mondiali 1934, della XVII Olimpiade estiva e degli Europei 1968; in occasione del campionato mondiale di calcio 1990 l'impianto fiorentino ha subito importanti interventi strutturali, affidati all'architetto Italo Gamberini.[13] Dal 1993, lo stadio è intitolato ad Artemio Franchi, tra i più importanti dirigenti sportivi italiani.[51] Di proprietà del Comune di Firenze, l'impianto ha una capienza di 43 147 posti.[1] Con le esigenze del calcio moderno, l'impianto risulta obsoleto, con notevoli problemi di efficienza e funzionalità; per questi motivi da tempo si parla della costruzione di un nuovo stadio a Firenze di proprietà della stessa società, inserito nel progetto chiamato Cittadella Viola.[52][53]

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di allenamento della Fiorentina, denominato "Campini" dal nome delle precedenti strutture presenti nel medesimo luogo, è situato a Firenze, nel plesso dello Stadio Artemio Franchi.[54] Inaugurato il 10 settembre 2011 da Andrea Della Valle e Matteo Renzi, allora sindaco del capoluogo toscano, è una struttura polifunzionale che si estende su 1 600  e dispone di un campo da gioco regolamentare, una palestra, piscina con varie vasche per la riabilitazione, gli spogliatoi, sale per la ristorazione e altri spazi dedicati al relax e al comfort degli atleti, sale proiezioni, una sala stampa, uffici e magazzini, per un costo totale di circa 5,7 milioni di euro.[55]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Diego Della Valle, patron della Fiorentina.

Dall'agosto 2002, la società viola è interamente di proprietà di Diego e Andrea Della Valle. Nel corso del decennio la società viola ha avuto vari cambiamenti: dal 2002 a ricoprire la carica di presidente fu Andrea Della Valle fino alle dimissioni rassegnate il 24 settembre 2009, mentre Diego Della Valle fino al 30 marzo 2010 coprì la carica di presidente onorario della Fiorentina.[56] Fino al 10 giugno 2011 la carica di presidente della Fiorentina fu vacante, con Mario Cognigni come unico vicepresidente, Dal 10 giugno 2011 a ricoprire la carica di presidente è Mario Cognigni.[57][58] La sede sociale della Fiorentina si trova presso lo stadio Artemio Franchi, in viale Manfredo Fanti 4, Firenze; in origine la società aveva la propria sede in via dei Saponai 1-3, spostandosi poi in via del Parione e ancora in piazza Savonarola.

L'ACF Fiorentina è uno dei membri dell'European Club Association (ECA), l'organizzazione internazionale composta dai principali club calcistici riuniti in consorzio al fine di ottenere una tutela comune dei diritti sportivi, legali e televisivi di fronte alla FIFA e alla UEFA.[59]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva[57]


[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali


Impegno nel sociale[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Baggio e Stefano Borgonovo nella stagione 1988-1989.

La Fiorentina è attiva nel campo sociale e umanitario, soprattutto durante l'era Della Valle, istituendo un "modello Fiorentina". Il 7 luglio 2008 venne costituita la Fondazione Fiorentina Onlus,[71] che si impegna attivamente per la difesa dei diritti fondamentali della persona, occupandosi di bambini, di malati, oltre che occuparsi della valorizzazione del patrimonio culturale e artistico di Firenze e della Toscana.[52]

La società viola ha inoltre spesso collaborato con la Fondazione Stefano Borgonovo, per la raccolta di fondi per la ricerca di una cura contro la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), di cui era affetto l'ex-calciatore viola.[52]

Dall'agosto 2010, la Fiorentina è protagonista di una sponsorizzazione solidale, finanziando Save the Children, una delle maggiori organizzazioni non governative, già supportata nel 2008,[71][73] che presta aiuti immediati alle comunità in difficoltà e soccorso alle famiglie e ai bambini colpiti da disastri e catastrofi naturali, da conflitti e guerre.[74] Il club viola, in particolare, adottò il progetto Every One.[71]

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palmarès dell'ACF Fiorentina § Settore giovanile.

Il settore giovanile della Fiorentina è formato da nove squadre che giocano nei campionati Primavera, Allievi Nazionali e Regionali, Giovanissimi Nazionali, Regionali, Esordienti Regionali e Provinciali A e B e Pulcini. Le formazioni più esperte giocano nel campo "Poggioloni" di Fiesole-Caldine, mentre le altre squadre nei campi minori di Firenze.

Il vivaio viola risulta essere uno dei più titolati d'Italia, avendo vinto 3 scudetti Primavera (nel 1970-1971, nel 1979-1980 e nel 1982-1983),[75] 3 Campionati Allievi Nazionali e 8 Tornei di Viareggio (1966, 1973, 1974, 1978, 1979, 1982, 1988, 1992),[76] oltre che 3 Coppe Italia Primavera (nel 1979-1980, nel 1995-1996 e nel 2010-2011) ed una Supercoppa Primavera.[77] Gli Allievi Nazionali hanno vinto per cinque volte (1976, 1982, 1987, 1989, 1990) il Torneo Città di Arco e per due (1955 e 1992) il Torneo Internazionale Sanremo.[78][79]

Sezione femminile[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Fiorentina Women's Football Club.

Nell'estate 2015 è stata fondata la sezione femminile del club, il Fiorentina Women's Football Club, che ha raccolto l'eredità del ACF Firenze, fondato nel 1979.[80] Ha esordito nel successivo campionato di Serie A ed è divenuta campione d'Italia nella stagione 2016-2017;[81] nello stesso anno ha vinto la Coppa Italia.[82] La Fiorentina femminile ha anche squadre giovanili iscritte nei rispettivi campionati.

Diffusione nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel cinema italiano, le prime citazioni del club viola si notano nei film Amore e chiacchiere di Alessandro Blasetti (1957) e L'uomo di paglia di Pietro Germi (1958);[83] sono poi Francesco Nuti in Madonna che silenzio c'è stasera (1982) e Carlo Vanzina in Vacanze in America (1984), Un'estate al mare (2008) e Buona giornata (2012) ad accennare alla squadra viola nelle opere cinematografiche.[83] Anche alcune commedie degli anni 1980 dedicate al calcio, come Eccezzziunale... veramente (1982), Il tifoso, l'arbitro e il calciatore (1982), L'allenatore nel pallone (1984) e Mezzo destro, mezzo sinistro (1985) contengono dei riferimenti ai Gigliati.[83]

Due pellicole di Alessandro Benvenuti, Benvenuti in casa Gori (1993) e il seguito Ritorno a casa Gori (1996), hanno come protagonisti Danilo Gori (Massimo Ceccherini), un tossicomane tifoso viola che scambia la folla radunata in Piazza San Pietro per la Curva Fiesole.[83] Nel loro ultimo film, Ci hai rotto papà (1993), Castellano e Pipolo mostrano la camera del protagonista con i simboli della Fiorentina. Altri riferimenti alla squadra viola si hanno in La bella vita (1994) di Paolo Virzì, in I laureati (1995) di Leonardo Pieraccioni e in A spasso nel tempo. Franco Zeffirelli mostra nel film del 1999 Un tè con Mussolini una partita di calcio tra alcuni ragazzi che indossano una maglia viola.[83]

Nella letteratura, Indro Montanelli, tifoso viola e consigliere onorario della società negli anni 1990, inserì la Fiorentina in numerosi suoi scritti; ne I rapaci in cortile di Incontri (1952) parla della squadra viola in termini di risultati e qualità,[84] mentre ne I conti con me stesso. Diari 1957-1978 racconta del club toscano, soprattutto degli anni del primo scudetto.[85] Anche nella musica, viene citata la società gigliata; nel luglio 1981, Enzo Jannacci pubblicò, in E allora...Concerto, Bandiera fiorentina,[86] mentre nel 1998, Pupo incise un brano, È Fiorentina, proposto senza esiti positivi come nuovo inno ufficiale. Nel 1980 lo stesso Pupo aveva dedicato una parte di una strofa della canzone Cosa farai/Firenze S. Maria Novella alla Fiorentina e al suo capitano di allora Giancarlo Antognoni. Don Backy compose poi un altro brano dedicato alla squadra gigliata, Viola d'amore.[87]

Presidenti e allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Presidenti dell'ACF Fiorentina.
Luigi Ridolfi (primo presidente della Fiorentina) con Giuseppe Meazza, allo stadio Comunale di Firenze nel marzo 1955.

In oltre novant'anni di storia societaria, alla guida della Fiorentina si sono avvicendati 23 presidenti, il primo dei quali fu Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano, che ricoprì la carica per 16 anni. In questo arco di tempo, i Viola hanno ottenuto due promozioni in Serie A, conquistando inoltre una Coppa Italia.[88]

Sotto la dirigenza di Enrico Befani, dal 1951 al 1961 la società toscana vinse il suo primo scudetto, oltre a una Coppa Grasshoppers, una Coppa delle Coppe e una Coppa Italia, mentre Nello Baglini fu presidente della Fiorentina dal 1965 al 1971, anni nei quali venne conquistato il secondo scudetto, una Coppa Italia e una Mitropa Cup. Con il presidente Ugolino Ugolini dal 1971 al 1977, la Fiorentina vinse sia una Coppa Italia che una Coppa di Lega Italo-Inglese.[88]

Enrico Befani con i fratelli Agnelli e Artemio Franchi durante Fiorentina-Juventus del 23 ottobre 1960.

Tra gli imprenditori che sono stati proprietari del club si ricordano Ranieri Pontello, dal 1980 al 1990, e Mario e Vittorio Cecchi Gori, dal 1990 al 1993 il primo, dal 1993 al 2002 il secondo. Dal 24 settembre 2009, dopo le dimissioni di Andrea Della Valle, che resta comunque presidente onorario e proprietario della Fiorentina, la carica è stata vacante, venendo poi affidata a Mario Cognigni il 10 giugno 2011.[32][58]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Allenatori dell'ACF Fiorentina.

I Viola hanno avuto, nel corso della loro storia, 56 allenatori; il primo di questi fu l'ungherese Károly Csapkay. Molti sono stati i tecnici stranieri dei Viola; tra le loro nazionalità prevale comunque quella italiana con 34 rappresentanti, seguita dall'ungherese (9), dall'argentina e dalla svedese (2). Chiudono questa graduatoria la nazionalità austriaca, brasiliana, turca e serba, tutte con un rappresentante.[88]

Fulvio Bernardini con la Fiorentina campione d'Italia nel 1955-1956.

Il tecnico rimasto in carica più a lungo fu Fulvio Bernardini, che sedette sulla panchina della Fiorentina per sei anni, dalla stagione 1952-1953 al quella 1957-1958, vincendo un campionato italiano nel 1955-1956.[21] L'altro allenatore che vinse uno scudetto con i Viola fu l'italo-argentino Bruno Pesaola, che conquistò il titolo nel 1968-1969.[26][30] Giuseppe Galluzzi fu il primo a vincere un trofeo sulla panchina viola, conquistando la Coppa Italia 1939-1940. Sulla panchina gigliata, nella stagione 1960-1961, nella quale furono sollevate sia la Coppa delle Coppe sia la coppa nazionale, vi era l'ungherese Nándor Hidegkuti con Giuseppe Chiappella (dal 25 gennaio 1961).[29] Chiappella nel 1965-1966 conquistò poi anche la Coppa Mitropa e la terza Coppa Italia, riuscendo con i Gigliati a conseguire il primo double continentale nel 1960-1961 (assieme al succitato Hidegkuti) e il secondo double di rango minore nel 1965-1966.[26][28]

Gli altri tecnici che vinsero un trofeo sulla panchina viola sono stati Mario Mazzoni, subentrato a Nereo Rocco (Coppa Italia 1974-1975), Claudio Ranieri (Coppa Italia 1995-1996 e Supercoppa italiana 1996) e Roberto Mancini, subentrato a Fatih Terim (Coppa Italia 2000-2001).[32] Tre sono gli allenatori ad aver vinto il Seminatore d'oro, Bernardini (1955-1956), Chiappella (1965-1966) e Pesaola (1969-1970), mentre Cesare Prandelli, sulla panchina viola dal 2005 al 2010, vinse per due edizioni consecutive la Panchina d'oro, nelle stagioni 2005-2006 e 2006-2007, oltre al premio di Migliore allenatore AIC nel 2008.[89] Infine Vincenzo Montella, a Firenze dal 2012 al 2015, è stato insignito nel 2013 del Premio Nazionale Enzo Bearzot.[90]

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Calciatori dell'ACF Fiorentina.
Kurt Hamrin (a sinistra) e Gabriel Batistuta (a destra), i due giocatori con il maggior numero di reti segnate in maglia viola, rispettivamente 208 e 207.

In più di novant'anni di storia, oltre 850 calciatori hanno vestito la maglia della Fiorentina, in gran parte italiani; alcuni di questi ultimi hanno anche militato nella Nazionale italiana.[32]

Tra i calciatori italiani di rilievo che hanno militato nella Fiorentina figurano Giuliano Sarti, Giuseppe Chiappella, Francesco Rosetta, Sergio Cervato, campioni d'Italia nel 1955-1956,[32] Enrico Albertosi, vincitore del campionato europeo di calcio 1968,[32] Claudio Merlo, Giancarlo De Sisti e Luciano Chiarugi, campioni d'Italia nel 1968-1969,[30][91] Giancarlo Antognoni, considerato il calciatore-simbolo della Fiorentina,[92] Roberto Baggio, Pallone d'oro nel 1993, Francesco Toldo, portiere della nazionale italiana a Euro 2000, e Luca Toni, titolare nel campionato mondiale di calcio 2006 e Scarpa d'oro 2006.[93]

Tra i giocatori non italiani ad aver vestito la maglia della Fiorentina, inoltre, si segnalano l'ungherese Jan Posteiner, primo straniero della squadra gigliata,[94] Pedro Petrone vincitore nel campionato mondiale di calcio 1930 con l'Uruguay, il brasiliano Julinho e l'argentino naturalizzato italiano Miguel Montuori, protagonisti dello scudetto 1955-1956,[95] lo svedese Kurt Hamrin, 150 gol in Serie A con i Viola, il brasiliano Amarildo, campione d'Italia nel 1968-1969,[91] l'argentino Daniel Passarella, campione mondiale nel 1978 e nel 1986, il suo connazionale Gabriel Batistuta e il portoghese Rui Costa, protagonisti delle vittorie viola degli anni 1990.[96][97]

Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

La Fiorentina è stata la prima società di calcio italiana a presentare la propria Hall of fame, con una cerimonia realizzata dal Museo Fiorentina che ha avuto luogo a Firenze il 6 ottobre 2012. Di seguito i prescelti che hanno contribuito a fare la storia del club gigliato nelle categorie dei giocatori, allenatori, dirigenti e ambasciatori, entrati nella "Hall of Fame Viola" e premiati con il "Marzocco Viola":[98]

Hall of Fame

Capitani[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Cervato (a sinistra) e Giuseppe Chiappella (a destra), capitani della Fiorentina, rispettivamente, negli anni 1957-1959 e nel 1959-1960.

Il primo capitano della storia della Fiorentina fu Giuseppe Bigogno, nella stagione 1935-1936, seguito cronologicamente da Lorenzo Gazzari dal 1936 al 1938, e da Renzo Magli nella stagione 1938-1939. Augusto Magli portò la fascia viola per nove anni consecutivamente, dal 1945 al 1953, prima di cederla a Leonardo Costagliola, fino al 1955.[32]

Il capitano della squadra gigliata del primo scudetto fu Francesco Rosetta, ereditata da Sergio Cervato, dal 1957 al 1959, e Giuseppe Chiappella, nell'annata 1959-1960. Il primo calciatore non italiano a vestire la fascia da capitano fu l'argentino Miguel Montuori nella stagione 1960-1961. Giuliano Sarti, dal 1961 al 1963, Enzo Robotti, dal 1963 al 1965, e lo svedese Kurt Hamrin, dal 1965 al 1967, quest'ultimo vincitore della Coppa Mitropa 1966, portarono la fascia prima di Giancarlo De Sisti, capitano viola per otto anni, dal 1967 al 1974, e del secondo scudetto.[32]

Dopo Claudio Merlo (1974-1976), Giancarlo Antognoni divenne capitano dei Gigliati, portando la fascia per dodici anni, dal 1976 a 1987, seguito da Sergio Battistini (1987-1990) e dal brasiliano Carlos Dunga (1990-1992). Stefano Carobbi, Stefan Effenberg e Francesco Baiano portarono la fascia per una sola stagione, dal 1992 al 1995, fino al lustro 1995-2000 quando divenne capitano l'argentino Gabriel Batistuta. La stagione successiva i gradi passarono al portoghese Manuel Rui Costa, il quale con la fascia al braccio sollevò l'ultimo titolo vinto dai Viola, la Coppa Italia 2000-2001. Angelo Di Livio fu il capitano gigliato dal 2001 al 2004, rimanendo in squadra nonostante il fallimento della società e la ripartenza dalla Serie C2.[92] In seguito alla morte di Davide Astori nel periodo di militanza nella Fiorentina, della quale fu capitano nella stagione 2017-2018, venne poi ritirata la maglia numero 13.[99]

Contributo alle Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

La formazione dell'Italia scesa in campo nel febbraio del 1956[100] al "Comunale" di Bologna contro la Francia: vi figurano 8 giocatori all'epoca militanti nella Fiorentina.

Il giocatore del Fiorentina che conta più presenze nella propria nazionale è Rui Costa, che, tra il 1993 e il 2004, ha vestito la maglia del Portogallo 94 volte, segnando 26 reti;[97] dietro di lui vi sono Gabriel Omar Batistuta, con 78 presenze e 56 reti nella nazionale argentina tra il 1991 e il 2002,[96] e Giancarlo Antognoni, con 73 presenze e 7 reti nella nazionale italiana tra il 1974 e il 1982.[101] Considerando solo la maglia azzurra, dietro ad Antognoni vi sono Riccardo Montolivo con 37 presenze durante la permanenza in Fiorentina e Giancarlo De Sisti con 29 incontri giocati.[102] Al febbraio 2018, la Fiorentina ha fornito 72 giocatori alla nazionale di calcio italiana;[103] il primo viola a vestire la maglia azzurra fu Alfredo Pitto, il 15 novembre 1931, nella gara tra Italia e Cecoslovacchia.[8]

Enrico Albertosi, campione d'Europa nel 1968 con l'Italia.

Sette sono stati i campioni del mondo gigliati con la maglia dell'Italia; Mario Pizziolo nel 1934 (il quale vinse anche la Coppa Internazionale 1933-1935), Giancarlo Antognoni, Giovanni Galli, Francesco Graziani, Daniele Massaro e Pietro Vierchowod nel 1982 e Luca Toni nel 2006; inoltre, l'argentino Daniel Alberto Passarella vinse la Coppa del Mondo nel 1986.[104] 36 sono i calciatori convocati nella storia di questa competizione durante il periodo di militanza nella Fiorentina; il maggior numero di convocati nella fase finale si registrò nel 1982, quando furono sei i convocati dalle nazionali partecipanti a quella manifestazione; oltre ai cinque già citati, vi era il centrocampista argentino Daniel Bertoni. Il giocatore con maggiori presenze ai Mondiali è stato Giancarlo Antognoni, con 11 presenze (5 nel 1978 e 6 nel 1982), mentre il miglior marcatore viola ai Mondiale fu Gabriel Batistuta con 9 reti (4 nel 1994 e 5 nel 1998).[104][105]

Enrico Albertosi e Giancarlo De Sisti sono invece gli unici calciatori italiani della Fiorentina ad aver vinto un Europeo con gli Azzurri, nel 1968.[106] Due sono i campioni olimpici, entrambi nel 1936, Achille Piccini e Alfonso Negro.[106] Tra i calciatori non italiani, il greco Zīsīs Vryzas fu campione d'Europa nel 2004, mentre Gabriel Batistuta nel 1993 ha vinto la Coppa America segnando una doppietta in finale; lo stesso centravanti argentino e il brasiliano Felipe Melo hanno vinto la FIFA Confederations Cup, rispettivamente nel 1992, risultando anche capocannoniere del torneo, e nel 2009.[32][96]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palmarès dell'ACF Fiorentina.

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record dell'ACF Fiorentina e ACF Fiorentina nelle competizioni internazionali.

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Divisione Nazionale 1 1928-1929 83
Serie A 81 1931-1932 2018-2019
Serie A-B Centro-Sud 1 1945-1946
Prima Divisione 2 1926-1927 1927-1928 7
Serie B 5 1929-1930 2003-2004
Serie C2 1 2002-2003 1

Partecipazione alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

Categoria Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppe nazionali Coppa Italia 67 1935-1936 2017-2018 69
Coppa Italia Serie C 2 2002-2003 2003-2004
Coppe europee Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 5 1956-1957 2009-2010 26
Coppa UEFA/UEFA Europa League 16 1972-1973 2016-2017
Coppa delle Coppe UEFA 5 1960-1961 1996-1997

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

La Fiorentina ha disputato, nel corso della sua storia, 90 stagioni sportive, partecipando a 80 campionati di Serie A, a 5 di Serie B e a uno di Serie C2.[107][108] Ha vinto per 2 volte il campionato italiano, nel 1955-1956 e nel 1968-1969, giungendo seconda in 5 tornei e terza in 6 (14,44% di piazzamenti nelle prime tre rispetto alle partecipazioni). Dall'avvento del girone unico, i Viola sono stati per 5 volte campione d'inverno (1934-1935, 1953-1954, 1955-1956, 1981-1982 e 1998-1999). Si trovano al quinto posto nella Classifica perpetua della Serie A dal 1929 con 3190 punti, dietro a Juventus, Inter, Milan e Roma. Al giugno 2017, dei 2648 incontri nella massima serie, 1054 sono state le vittorie dei Viola, 809 i pareggi e 785 le sconfitte, con 3362 gol segnati e 2812 subiti.[107][108]

La Fiorentina 1968-1969, campione d'Italia e imbattuta in trasferta (prima formazione a centrare il record nel girone unico a 16 squadre).

La vittoria in campionato con il maggior scarto fu un 8-0 a Firenze contro il Modena, il 10 maggio 1942 nella Serie A 1941-1942, mentre la sconfitta più netta in Serie A fu invece un 0-8, subìto il 22 febbraio 1952 dalla Juventus al Comunale di Torino nel campionato 1952-1953;[109] il 7 ottobre 1928 i bianconeri hanno inoltre inferto ai Viola la peggior sconfitta in tutte le serie della loro storia, uno 0-11 nella Divisione Nazionale 1928-1929.[110] L'incontro con più gol vinto fu un 6-4 contro il Padova, il 6 aprile 1996, nella Serie A 1995-1996. Tra le sconfitte, quelle con il maggior numero di reti furono il 3-7 al "Franchi" contro il Milan il 4 ottobre 1992, nel campionato 1992-1993, e un 2-8 a Roma contro la Lazio, il 5 marzo 1995, nella stagione 1994-1995. Mentre la sconfitta casalinga con maggior scarto è uno 0-5 contro la Juventus del 17 marzo 2012.[109]

La squadra gigliata fu per due volte miglior attacco del campionato e per otto miglior difesa, mentre fu la peggior difesa per tre volte e peggior attacco per due.[111] Le squadre più affrontate dai Viola in Serie A sono Juventus, Inter e Roma, ciascuna con 161 incontri.[112] A livello di coppe nazionali, a fronte delle 6 vittorie in Coppa Italia (quarta nella classifica, dietro a Juventus con 12 vittorie, Roma, con 9 successi e all'Inter con 7), la Fiorentina ha disputato 10 finali di tale torneo.[113] Ha partecipato inoltre a due finali di Supercoppa italiana, vincendone una, nel 1996. Per quanto riguarda il numero di tifosi, il 25 novembre 1984 venne stabilito il record di presenze nello stadio Artemio Franchi per una partita dei Gigliati, quando 58 271 spettatori assistettero a Fiorentina-Inter.[114]

La Fiorentina vanta inoltre 26 stagioni disputate nelle coppe internazionali; di esse, 5 sono relative a Coppe dei Campioni/Champions League, 5 Coppe delle Coppe e 16 a Coppe UEFA/Europa League; in Europa, assieme alla Fiorentina, solo altri dodici club hanno disputato una finale in tutte e tre le principali competizioni gestite dall'UEFA[4] Fu inoltre la prima squadra italiana a raggiungere la finale nella massima competizione continentale,[115] nonché la prima squadra italiana a vincere un trofeo europeo, la Coppa delle Coppe 1960-1961, battendo in finale i Rangers per 2-0 a Glasgow il 17 maggio 1961 e per 2-1 a Firenze il 27 maggio.[26][28][29] La finale di Coppa UEFA 1989-1990, persa contro la Juventus, ha visto per la prima volta due squadre italiane contendersi un trofeo continentale. Includendo altre competizioni europee, come Coppa Grasshoppers, Coppa Mitropa, Coppa delle Alpi, Torneo Anglo-Italiano e Coppa di Lega Italo-Inglese, le finali continentali disputate dalla Fiorentina sono 11, con 4 vittorie; oltre la Coppa delle Coppe nel 1961, i Viola hanno vinto una Coppa Grasshoppers nel quinquennio 1952-1957, una Mitropa Cup nel 1966 contro il Jednota Trenčín[26] e una Coppa di Lega Italo-Inglese nel 1975 contro il West Ham United.[31] La vittoria più ampia fu un 6-1 a Firenze contro l'Elfsborg, l'8 novembre 2007, in Coppa UEFA, mentre il passivo maggiore venne subito dai Viola il 7 novembre 1984 a Bruxelles, con la sconfitta per 6-2 contro l'Anderlecht, sempre in Coppa UEFA.[115]

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Giancarlo Antognoni, primatista di presenze in maglia viola.

Tra i calciatori che hanno vestito la maglia viola, Giancarlo Antognoni è colui ha siglato più presenze in maglia viola, dato che, tra il 1972 e il 1987, ha partecipato a 429 partite con la Fiorentina. Nella classifica delle presenze assolute con la squadra gigliata, il giocatore umbro precede Giuseppe Brizi, con 389 presenze tra il 1962 e il 1976, e Claudio Merlo, con 367 presenze tra il 1965 e il 1976.[116] Tre sono i calciatori hanno superato la soglia delle 300 presenze in Serie A con la squadra gigliata; Antognoni, con 341, Giuseppe Chiappella, con 329 partite giocate in viola tra il 1949 e il 1960, e Sergio Cervato, con 316 presenze in viola tra il 1948 e il 1959.[117] In campo europeo, il giocatore che ha collezionato più presenze è il portiere francese Sébastien Frey, con 32 incontri giocati.[115]

I calciatori di nazionalità straniera hanno avuto sempre un ruolo importante nella storia del club, segnando le epoche più vittoriose della squadra; lo svedese Kurt Hamrin è il giocatore non italiano con più presenze in viola, 362 tra il 1958 e il 1967, seguito dall'argentino Gabriel Omar Batistuta, 333 presenze tra il 1991 e il 2000, e il portoghese Rui Costa, 277 presenze tra il 1994 e il 2001.

Inoltre sono tre i calciatori non italiani nei primi tre posti della classifica dei migliori marcatori della Fiorentina; Hamrin e Batistuta hanno entrambi superato quota 200, segnando rispettivamente 208 (150 in Serie A) e 207 (152 nella massima serie),[118] seguiti dall'argentino naturalizzato italiano Miguel Montuori con 84 (72 in Serie A).[117][119] Giancarlo Antognoni è il giocatore italiano con più marcature con la squadra fiorentina, 72 (61 in Serie A).[32] Kurt Hamrin è inoltre il più prolifico realizzatore viola nelle manifestazioni UEFA, con 12 reti.[119]

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tifoseria dell'ACF Fiorentina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo storico della tifoseria viola è la Curva Fiesole, dove si trovano la maggior parte dei gruppi collettivi e dei Viola club, che, sin dagli anni settanta, hanno una condotta non politicizzata e completamente apartitica.[120] I primi tifosi viola cominciarono ad unirsi nella prima metà degli anni sessanta, con la nascita di alcuni Viola Club come il Vieusseux e il 7bello; nel 1965 venne costituito il Centro di Coordinamento dei Viola Club.[120][121] Il gruppo più noto della Fiesole è stato quello degli Ultras Viola; fondati nel 1973 da Stefano Biagini detto "il Pompa", furono costretti allo scioglimento nel 1983. Nel 1986, agli Ultras succedette nella leadership del tifo il Collettivo Autonomo Viola, scioltosi anch'esso nel 2011.[120][122]

Manifestazione del gemellaggio tra Torino e Fiorentina nella stagione 1981-82.

I sostenitori della Fiorentina sono quantificabili in oltre 1,2 milioni in Italia secondo il più recente sondaggio di settore condotto dall'istituto Demos & Pi e pubblicato nel settembre 2010 sul quotidiano la Repubblica: con il 2,1% di preferenze da parte del campione esaminato, il club fiorentino risulta essere il sesto più sostenuto in Italia.[123]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Toscana (arcaici) e Derby calcistici in Toscana.

I tifosi della Fiorentina sono storicamente gemellati con il Verona fin dal 1978[124]; con il Catanzaro, a partire dalla finale di Coppa Italia 1965-1966 e cresciuto agli inizi degli anni 1980 e, infine, con il Torino, per il comune sentimento anti-juventino e per la vicinanza della società viola a quella granata dopo la tragedia di Superga.[125] La tifoseria della Fiorentina è legata amichevolmente anche con il Modena, per la comune avversione nei confronti del Bologna, e con la Colligiana, soprattutto in chiave anti-senese.[114][125]

In Europa, la Fiorentina ha stretto altre amicizie in occasione delle sue partecipazioni alle competizioni UEFA; con lo Sporting Lisbona, originato dai buoni rapporti del viola club Settebello con i tifosi bianco-verdi,[126] e con l'Újpest, amicizia favorita dal colore sociale in comune.[127]

Ultras viola in un Fiorentina-Juventus degli anni 1980.

La rivalità più forte e sentita dalla tifoseria viola è quella contro la Juventus; questa ha origine negli anni 1950.[128][129] Si è acuita ulteriormente durante gli anni, con i contestati episodi del campionato 1981-1982, con alcuni striscioni fiorentini che inneggiavano alla strage dell'Heysel nel 1985, con la finale di Coppa UEFA 1989-1990 e con la cessione di Roberto Baggio dalla squadra viola a quella bianconera.[128][129]

I tifosi viola sono inoltre rivali della Roma, frutto di un gemellaggio degli anni 1970 conclusosi malamente,[125] con la Lazio, per il vecchio gemellaggio della tifoseria fiorentina con quella romanista, con la Salernitana, anche per l'eliminazione della Fiorentina dalla Coppa UEFA 1998-1999 dopo una partita giocata a Salerno,[130] con il Napoli, il Brescia, il Chievo e il Pescara, per l'ostilità di tali tifoserie nei confronti degli ultras del Verona, e con il Genoa, da quando i tifosi viola si gemellarono con la Sampdoria (amicizia durata fino al 1989-90).[125] Vi sono inoltre forti attriti con il Milan, l'Atalanta, l'Inter, il Palermo, la Reggina, il Perugia e l'Ascoli.[125] Si registrano rapporti non ottimali anche con Cagliari, L.R. Vicenza, Cosenza, Cesena, Ternana, Parma, Udinese, Padova e Avellino.[114][125]

La vicinanza di Firenze con altre città dell'Italia centrale e in particolare toscane ha portato a considerare gli incontri sportivi tra queste dei veri e propri derby; il più famoso e storico è il derby dell'Appennino, giocato tra Fiorentina e Bologna, nato per motivi prevalentemente geografici, ma anche storici.[125] Esistono inoltre il derby dell'Arno, incontro che vede di fronte i Viola e l'Empoli,[131] e il derby guelfi-ghibellini tra Fiorentina e Siena.[132] Anche con le altre squadre toscane, come Lucchese e Pisa, vi è rivalità.[125]

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: ACF Fiorentina 2018-2019.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 30 agosto 2018.

N. Ruolo Giocatore
1 Francia P Alban Lafont
2 Francia D Vincent Laurini
3 Italia D Cristiano Biraghi
4 Serbia D Nikola Milenković
5 Italia D Federico Ceccherini
6 Danimarca C Christian Nørgaard
7 Francia C Valentin Eysseric
8 Brasile C Gerson
9 Argentina A Giovanni Simeone
10 Croazia C Marko Pjaca
11 Belgio A Kevin Mirallas
14 Burkina Faso C Bryan Dabo
15 Uruguay D Maximiliano Olivera
16 Slovacchia D Dávid Hancko
N. Ruolo Giocatore
17 Francia C Jordan Veretout
19 Spagna A Cristobal Montiel Rodríguez
20 Argentina D Germán Pezzella
21 Italia A Riccardo Sottil
24 Italia C Marco Benassi
25 Italia A Federico Chiesa
26 Svizzera C Edimilson Fernandes
27 Rep. Ceca A Martin Graiciar
28 Serbia A Dušan Vlahović
31 Brasile D Vitor Hugo
34 Paesi Bassi D Kevin Diks
69 Polonia P Bartłomiej Drągowski
77 Francia A Cyril Théréau

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Dati aggiornati al 24 febbraio 2018.[133]

Staff dell'area tecnica

Area tecnica

  • Italia Stefano Pioli - Allenatore
  • Italia Giacomo Murelli - Vice-allenatore
  • Spagna Alejandro Rosalen Lopez - Preparatore portieri
  • Italia Alessandro Buccolini - Preparatore atletico
  • Italia Matteo Osti - Preparatore atletico
  • Italia Francesco Perondi - Preparatore atletico
  • Italia Davide Lucarelli - Collaboratore tecnico
  • Italia Gianmarco Pioli - Collaboratore tecnico
  • Italia Luciano Vulcano - Match Analyst
  • Italia Alberto Marangon - Team Manager

Area sanitaria

  • Italia Luca Pengue - Responsabile sanitario
  • Italia Federico Fofi - Consulente ortopedico
  • Italia Stefano Dainelli - Fisioterapista
  • Italia Filippo Nannelli - Fisioterapista
  • Italia Luca Lonero - Fisioterapista
  • Italia Daniele Misseri - Fisioterapista
  • Italia Simone Mazzei - Fisioterapista
  • Italia Simone Michelassi - Fisioterapista

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stadio Franchi, su it.violachannel.tv. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  2. ^ Andrea Claudio Galluzzo, Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano, il fondatore della Fiorentina, in museofiorentina.it, 7 agosto 2013.
  3. ^ Nella ragione sociale del sodalizio, l'espressione ACF rimanda idealmente all'acronimo della previgente società nata nel 1926 e fallita nel 2002, l'Associazione Calcio Fiorentina, il cui marchio fu acquistato dalla famiglia Della Valle il 15 giugno 2003. Il rimando è tuttavia puramente storico e non giuridico, in quanto la nuova dirigenza optò per non riprendere esattamente la denominazione della fallita antenata, onde evitare di esporsi a possibili cause risarcitorie intentate da creditori della Fiorentina di Vittorio Cecchi Gori.
  4. ^ a b In Europa, assieme alla Fiorentina, solo tredici club hanno disputato una finale in tutte e tre principali competizioni gestite dall'UEFA: Ajax, Amburgo, Arsenal, Atlético Madrid, Bayern Monaco, Borussia Dortmund, Juventus, Liverpool, Manchester United, Real Madrid, Valencia, Porto e Chelsea.
  5. ^ ECA Members, su ecaeurope.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  6. ^ Prizio, 2018, pp. 9-18.
  7. ^ Andrea Claudio Galluzzo, Aldo Capanni, La nascita dell'Associazione Fiorentina del Calcio, su museofiorentina.it. URL consultato il 16 agosto 2013.
  8. ^ a b c Storia, su it.violachannel.tv. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  9. ^ Prizio, 2018, pp. 19-21.
  10. ^ Prizio, 2018, pp. 22-24.
  11. ^ Mosti, 2004, pp. 18-20.
  12. ^ a b Prizio, 2018, pp. 26-27.
  13. ^ a b c d Andrea Claudio Galluzzo, Francesco Maria Varrasi, Gianfranco Lottini, David Bini, Il marchese Ridolfi, l'ingegner Nervi e lo stadio di Firenze, museofiorentina.it. URL consultato il 16 agosto 2013.
  14. ^ David Bini, Andrea Claudio Galluzzo, Breve storia dello stadio di Firenze, su museofiorentina.it. URL consultato il 16 agosto 2013.
  15. ^ Brera, 1998, p. 492.
  16. ^ 75º Anniversario dell'esordio internazionale della Fiorentina, museofiorentina.it. URL consultato il 9 agosto 2013.
  17. ^ Prizio, 2018, pp. 50-54.
  18. ^ Prizio, 2018, pp. 68-78.
  19. ^ Baldasso, 2007, p. 9
  20. ^ Baldasso, 2007, pp. 9-23.
  21. ^ a b Brera, 1998, p. 265.
  22. ^ Andrea Claudio Galluzzo, La Grande Fiorentina alla finale di Madrid del 1957, museofiorentina.it. URL consultato il 9 agosto 2013.
  23. ^ Brera, 1998, p. 276-277.
  24. ^ La Grande Fiorentina alla finale di Madrid del 1957, museofiorentina.it, 16 agosto 2013. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  25. ^ Roberto Vinciguerra; Gianfranco Lottini, Coppa Grasshoppers, su museofiorentina.it, 25 novembre 2012. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  26. ^ a b c d e f g h i Mosti, 2004, pp. 64-70.
  27. ^ Baldasso, 2007, p. 49.
  28. ^ a b c Brera, 1998, p. 512.
  29. ^ a b c David Bini, Andrea Claudio Galluzzo, Massimo Cecchi, Gianfranco Lottini, I leoni di Ibrox, Nerbini, 2011, ISBN 88-6434-048-3.
  30. ^ a b c Brera, 1998, p. 377-378.
  31. ^ a b Mosti, 2004, pp. 107-108.
  32. ^ a b c d e f g h i j k l m Stefano Prizio, Leonardo Signoria, La Fiorentina dalla A alla Z, Newton Compton Editori.
  33. ^ Mosti, 2004, pp. 119-120.
  34. ^ Stefano Borgi, Emozioni Gigliate, 2 maggio 1990, museofiorentina.it. URL consultato il 20 agosto 2013.
  35. ^ Mosti, 2004, pp. 140-147.
  36. ^ Brera, 1998, p. 624.
  37. ^ Bocchio, 2002, p. 127.
  38. ^ Baldasso, 2007, pp. 100-104.
  39. ^ Massimo Cervelli, Profondo viola. Il caso Fiorentina, Odradek, 2002, pp. 58-85, ISBN 88-86973-69-1.
  40. ^ Il lungo calvario della Fiorentina, su repubblica.it, 1º agosto 2002.
  41. ^ Baldasso, 2007, pp. 104-109
  42. ^ Baldasso, 2007, pp. 109-114.
  43. ^ Calcio Caos, su gazzetta.it. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  44. ^ 1000 successi in serie A della Fiorentina e 250 vittorie dell'era Della Valle, su it.violachannel.tv. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  45. ^ a b c Sergio Salvi, Alessandro Savorelli, Tutti i colori del calcio, Roma, Le Lettere, 2008, pp. 161-163, ISBN 88-6087-178-6.
  46. ^ a b c Bovaio, 2006, pp. 10-24
  47. ^ a b Gianfranco Lottini, Massimo Cecchi, David Bini, Maglia viola e pantaloncini bianchi, viola e neri..., museofiorentina.it. URL consultato il 4 luglio 2013.
  48. ^ (EN) The top 50 football kits, in thetimes.co.uk, 26 settembre 2007. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  49. ^ a b Prizio, 2018, p. 38
  50. ^ Carlo Cresti, Firenze capitale mancata. Architettura e città dal piano Poggi a oggi, Mondadori Electa, 1995, ISBN 88-435-4099-8.
  51. ^ a b Picchi, 2007
  52. ^ a b c Duccio Tronci, La Fiorentina è molto più che una bistecca, Castelvecchi, 2013, ISBN non esistente.
  53. ^ Mario Lancisi, Marcello Mancini, Chi comanda Firenze, Giunti Editore, 2016, ISBN 88-09-83003-2.
  54. ^ Fabio Fabbrizzi, Opere e progetti di scuola fiorentina, 1968-2008, Alinea, 2009, p. 11, ISBN 88-6055-206-0.
  55. ^ Inaugurazione dei "campini" la nuova area sportiva di ACF Fiorentina, in Quotidiano.net. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  56. ^ Fiorentina, Andrea Della Valle lascia la presidenza del club, in Corriere.it, 24 settembre 2009. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  57. ^ a b Modello 231 (PDF), Violachannel.tv. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  58. ^ a b L'amarezza di Andrea Della Valle: “Pronto a vendere se Firenze non ci vuole”, in Repubblica.it, 10 giugno 2011. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  59. ^ Lista ufficiale dei membri, European Club Association. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  60. ^ Mosti, 2004, pp. 113-114.
  61. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Le maglie della Fiorentina dagli anni '80 ad oggi, su soccerstyle24.it. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  62. ^ Mosti, 2004, pp. 148–152, 207, 382.
  63. ^ Sponsor temporaneo
  64. ^ a b Mosti, 2004, pp. 167-169.
  65. ^ Mosti, 2004, pp. 170-172.
  66. ^ Fiorentina 2005-2006, su lamagliadellafiorentina.it. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  67. ^ a b Alberto Costa, Il grande libro dello scudetto, Corriere della Sera, 2013, p. 226, ISBN non esistente.
  68. ^ Nicolas Chanavat, Michel Desbordes, Nicolas Lorgnier (a cura di), Routledge Handbook of Football Marketing, Routledge International Handbooks, 2017, ISBN 1-138-28932-9.
  69. ^ Fiorentina Home maglia di calcio 1991 - 1992, su oldfootballshirts.com. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  70. ^ Mosti, 2004, pp. 173-175.
  71. ^ a b c d e Andrea Claudio Galluzzo, Andrea Pratellesi, La Fiorentina nella storia attraverso lealtà e solidarietà, su museofiorentina.it, 31 agosto 2010. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  72. ^ Voewek Folletto esordisce come Main Sponsor della Fiorentina in Europa League, su it.violachannel.tv, 12 settembre 2016.
  73. ^ ACF Fiorentina insieme a Save the Children per la campagna 'Riscriviamo il Futuro', su nove.firenze.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  74. ^ La Fiorentina sceglie la solidarietà e si lega a Save the Children per dire basta alla mortalità infantile, in Save The Children, 24 agosto 2010. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  75. ^ Mosti, 2004, p. 235.
  76. ^ Mosti, 2004, p. 237.
  77. ^ Mosti, 2004, p. 236.
  78. ^ Albo d'Oro del Trofeo Giovanile Internazionale di Città di Arco "Beppe Viola", su beppeviola-arco.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  79. ^ (EN) San Remo U-19 Tournament (Italy), su rsssf.com. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  80. ^ Giù un'altra barriera, nasce la Fiorentina al femminile, su it.violachannel.tv. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  81. ^ La Fiorentina conquista lo scudetto 2016/2017, su lnd.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  82. ^ Calcio donne, doblete Fiorentina: dopo lo scudetto anche la Coppa Italia, su gazzetta.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  83. ^ a b c d e Guido Liguori, Antonio Smargiasse, Ciak, si gioca! Calcio e tifo nel cinema italiano, Baldini Castoldi Dalai, 2000, pp. 38-39, 235-236, ISBN 88-8089-884-1.
  84. ^ Indro Montanelli, I rapaci in cortile. (Incontri vol. III), Longanesi, 1952, ISBN non esistente.
  85. ^ Indro Montanelli, I conti con me stesso. I diari 1957-1978, a cura di S. Romano, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2010, ISBN 88-17-03966-7.
  86. ^ Nando Mainardi, L'importante è esagerare. Storia di Enzo Jannacci, Vololibero, 2017, ISBN 88-97637-89-2.
  87. ^ Antonio Bacciocchi, Alberto Galletti, Rock’n’goal: Calcio e musica. Passioni pop, Vololibero, 2013, ISBN 88-97637-11-6.
  88. ^ a b c Paolo Ferretti, 80 anni di serie A. 1929-2009, Le Lettere, 2009, pp. 48-49, ISBN 88-6087-290-1.
  89. ^ Ibra re del calcio italiano, Lo segue a ruota Del Piero, in Gazzetta.it, 19 gennaio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  90. ^ Marco Calabresi, Montella vince il premio Bearzot e propone amichevole Fiorentina-Milan, in Gazzetta.it, 8 aprile 2013. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  91. ^ a b Brera, 1998, p. 379.
  92. ^ a b ANTOGNONI, CAPITANO, SIMBOLO E NUMERO 10 NELLA STORIA DELLA FIORENTINA, su postpopuli.it, 1º aprile 2013. URL consultato il 6 aprile 2018.
  93. ^ Stefano Prizio, 1001 storie e curiosità sulla Fiorentina che dovresti conoscere, Newton Compton Editori, 2015.
  94. ^ Filippo Luti, BV 1925: Arriva Posteiner, il primo straniero, in Violanews.com, 19 settembre 2013. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  95. ^ Baldasso, 2007, pp. 10-13.
  96. ^ a b c (EN) George Rinaldi, Calcio's Greatest Forwards: The Goalscorers of Serie A, Pitch Pub, 2016, ISBN 1-78531-118-2.
  97. ^ a b Rui Costa, su treccani.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  98. ^ Hall of Fame Viola, il prossimo giovedì 30 novembre 2017, in Violachannel.tv, 22 novembre 2018. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  99. ^ Fiorentina e Cagliari ritirano la maglia di Davide, in Violachannel.tv, 6 marzo 2018. URL consultato il 6 marzo 2018.
  100. ^ Da sinistra, in piedi: Rosetta, Cervato, Magnini, Virgili, Gratton, Carapellese; accosciati: Chiappella, Boniperti, Segato, Montuori, Viola
  101. ^ Azzurri 1990, p. 64
  102. ^ Roberto Vinciguerra, Massimo Milani, Leggende Viola, i cavalieri azzurri, in museofiorentina.it, 16 agosto 2013. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  103. ^ Convocati di una società, su figc.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  104. ^ a b Bocchio, 2002, pp. 113-114
  105. ^ Azzurri 1990
  106. ^ a b Azzurri 1990, pp. 62-63
  107. ^ a b (EN) Italy - Serie A All-Time Table 1929/30-2009/10, su rsssf.com. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  108. ^ a b Italy - Serie A All-Time Table 1929/30-2009/10, su rsssf.com. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  109. ^ a b Statistiche squadra - Fiorentina, su gazzetta.it. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  110. ^ Fiorentina-Juve, storia di una rivalità totale, su sport.sky.it. URL consultato il 6 aprile 2018.
  111. ^ AAVV, Almanacco illustrato del calcio, Panini editore, 2008, ISBN 978-88-95684-24-6.
  112. ^ (EN) Head to Head, su footballdatabase.eu. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  113. ^ (EN) Italy – List of Cup Finals, su rsssf.com. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  114. ^ a b c Marco Brazzini, Autobiografia di una curva: dalla Fiesole con tutto il cuore i tuoi ultras, 1999, ANMA San Marco sport events, ISBN non esistente.
  115. ^ a b c ACF Fiorentina, su it.uefa.com. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  116. ^ Roberto Vinciguerra, Massimo Milani, Leggende Viola, i più presenti di tutti i tempi, in museofiorentina.it. URL consultato il 16 agosto 2013.
  117. ^ a b Roberto Vinciguerra, Massimo Milani, Leggende Viola, i più presenti in serie A, in museofiorentina.it. URL consultato il 16 agosto 2013.
  118. ^ Mosti, 2004, pp. 342, 344, 347.
  119. ^ a b Roberto Vinciguerra, Massimo Milani, Leggende Viola, i più prolifici di tutti i tempi, in museofiorentina.it, 16 agosto 2013.
  120. ^ a b c Marzio Brazzini, Carlo Bulli, Silvia Nanni, Dalla Fiesole con tutto il cuore i tuoi Ultras, Anna & S. Marco Sport Events, 1999, ISBN 88-87533-03-2.
  121. ^ Patrizia Iannicelli, Fiorentina-Torino, Storia di un gemellaggio, in Firenzeviola.it, 19 aprile 2013. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  122. ^ Si scioglie il Collettivo Autonomo Viola, su nove.firenze.it, 7 febbraio 2011. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  123. ^ Italia, il paese nel pallone (PDF), in Demos & Pi, 24 settembre 2010, pp. 3; 9-10. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  124. ^ Alessandro di Maria, Tifosi in campo insieme il gemellaggio resiste, in Repubblica.it, 25 ottobre 2006. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  125. ^ a b c d e f g h Alessandro Dal Lago, Roberto Moscati, Regalateci un sogno: miti e realtà del tifo calcistico in Italia, Bompiani, 1992, ISBN 88-452-1959-3.
  126. ^ Storia del Settebello, su settebello.org. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  127. ^ Le nostre tifoserie, su tifotoscano.it. URL consultato il 6 aprile 2018.
  128. ^ a b Luca Giannelli, Fiorentina-Juventus partita della vita, Firenze, Scramasax, 2008, ISBN 88-901709-6-4.
  129. ^ a b Giuseppe Bagnati, Quell'antica ruggine tra Juve e Fiorentina, in Gazzetta.it, 22 gennaio 2009. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  130. ^ Benedetto Ferrara, La bomba carta che costò l'Europa, in 2 ottobre 2003, 24 febbraio 2018.
  131. ^ Franco Calamai, Daniela Talini, Alessio Da Ronch, L' Arno racconta il suo derby, in Gazzetta.it, 28 settembre 1997. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  132. ^ Marco Conterio, Domenica la sfida Guelfi-Ghibellini. Fiorentina e Siena, due squadre di livelli diversi, in 19 ottobre 2007, 24 febbraio 2018.
  133. ^ Staff tecnico e medico, su it.violachannel.tv. URL consultato il 24 febbraio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A.A.V.V., Azzurri 1990: storia bibliografica emerografica iconografica della Nazionale italiana di calcio e del calcio a Firenze, Firenze, La Meridiana, 1990, ISBN 88-7222-004-1.
  • Gabriella Gentilini (a cura di), La Fiorentina del primo scudetto. 1955-1956 memorie viola tra cronaca e arte, Masso delle Fate, 2005, ISBN 88-6039-007-9.
  • E. Trasarti (a cura di), Viola club. 1969-2009 - 40 anni di storia, Palumbi Nicola, 2009, ISBN 88-96395-00-3.
  • Franco Baldasso, Maurizio Fiorino, Con il viola nel cuore, Bologna, Edizioni Pendragon, 2007, ISBN 88-8342-582-0.
  • Sergio Barbero, I miti della Fiorentina. 50 campioni che hanno fatto sognare il popolo viola, Graphot, 2016, ISBN 88-86906-63-3.
  • Sandro Bocchio, Giovanni Tosco, Il giglio nel cuore. La storia della Fiorentina attraverso i suoi campioni, Arcadinoè, 2002, ISBN 88-88329-13-7.
  • Sandro Bovaio, Stefano Castelletti, Cristiano Ditta, Cuore viola. Il colore della passione, Giunti Editore, 2006, ISBN 88-09-04884-9.
  • Gianni Brera, Storia critica del calcio italiano, Baldini Castoldi Dalai, 1998, ISBN 88-8089-544-3.
  • Massimo Cervelli, Profondo viola. Il caso Fiorentina, Odradek, 2002, ISBN 88-86973-69-1.
  • Marco Filacchione, Galleria viola. Storie, uomini e numeri della Fiorentina, Eraclea Libreria Sportiva, 2000, ISBN 88-88771-05-0.
  • Andrea Claudio Galluzzo, Marco Vichi, Alberto Panizza, Benedetto Ferrara, Massimo Sandrelli, Noi, la Fiorentina, Museo Viola, 2011, ISBN 88-97293-01-8.
  • Eugenio Giani, Firenze per la Fiorentina. La rinascita raccontata dai protagonisti, Plan, 2005, ISBN 88-88719-15-6.
  • Marco Lollobrigida, La storia della Fiorentina, Roma, L'Airone Editrice, 2009, ISBN 88-7944-963-X.
  • Matteo Morandini, Andrea Claudio Galluzzo, Li chiamavano ye-ye, Firenze, Limina, 2011, ISBN 88-6041-116-5.
  • Giansandro Mosti, Luca Giannelli, Almanacco viola 1926-2004, Firenze, Scramasax, 2004, ISBN 1010000023496.
  • Carlo Pallavicino, Novantanove giorni. Una stagione con la Fiorentina perduta, Limina, 2003, ISBN 88-88551-18-2.
  • Sandro Picchi, Fiorentina: 80 anni di storia. Il gioco, i personaggi, la città, Gianni Marchesini Editore, 2006, ISBN 88-88225-12-9.
  • Stefano Prizio, Il romanzo della grande Fiorentina. Dal 1926 a oggi la storia del mito viola, città, Grandi manuali Newton, 2018, ISBN 88-227-0804-0.
  • Francesco Valitutti, Breve Storia Della Grande Fiorentina, Roma, Newton Compton, 1995, ISBN 88-8183-000-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Informazioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Liste e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN176112460 · GND (DE4659619-7