Festa di san Martino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Festa di San Martino)
Festa di san Martino
Tipo di festareligiosa
Data11 novembre
Celebrata inVeneto, Abruzzo
Religionecristiana
Oggetto della celebrazionegiorno del funerale del santo
Feste correlateEstate di San Martino
Tradizioni culinarieSpezzatino di San Martino (Abruzzo), Dolce di San Martino (Veneto)

La festa di San Martino è una ricorrenza celebrata in tutta Italia durante l'Estate di San Martino, l'11 novembre, caratterizzata da diverse usanze regionali. Questa ricorrenza è legata alla figura di San Martino di Tours e alla tradizione che racconta di come Martino, soldato dell'impero romano, durante una ronda notturna nell'inverno del 335 divise il suo mantello con un mercante seminudo. Dopo quella notte e la visione di Gesù in sogno vestito con la metà del suo mantello militare, Martino si convertì al cristianesimo.

Spesso questa ricorrenza è legata alla prima spillatura del vino novello.

Abruzzo[modifica | modifica wikitesto]

In Abruzzo è detta anche la "Festa dei cornuti". Il 10 novembre a San Valentino in Abruzzo Citeriore viene organizzata la "Processione dei Cornuti" che affonda le sue radici i riti pagani. La tradizione prevede che gli uomini del paese, al tramonto, sfilino per le strade tra le grida dei compaesani. Al termine della processione viene servito il tradizionale spezzatino di San Martino. Il giorno dopo continua la tradizionale fiera con le castagne e il vino novello[1].

Veneto[modifica | modifica wikitesto]

In Veneto i bambini, armati di pentole, coperchi e mestoli, girano per la città entrando nei negozi e chiedendo caramelle e dolcetti, cantando questa filastrocca in dialetto:

San Martin xe 'ndà in sofita

a trovar la so novissa.

So novissa no ghe gera,

el xe 'ndà col cuo par tera

viva viva san Martin

Viva el nostro re del vin!

San Martin m'ha mandà qua

che ghe fassa la carità.

Anca lu col ghe n'aveva,

carità el ghe ne fasseva

Viva viva san Martin

Viva el nostro re del vin!

Fè atension che semo tanti

E gavemo fame tuti quanti

Stè tenti a no darne poco

Perché se no stemo qua un toco!

Se viene ricevuto qualcosa la filastrocca prosegue con:

E con questo ringraziemo

Del bon anemo e del bon cuor

'N altro ano tornaremo

Se ghe piase al bon Signor

E col nostro sachetin

Viva, viva S.Martin.

Se, al contrario, non viene donato nulla ai cantori, viene cantato:

Tanti ciodi gh'è in sta porta

Tanti diavoli che ve porta

Tanti ciodi gh'è in sto muro

Tanti bruschi ve vegna sul culo.

E CHE VE MORA EL PORSEO!

In una versione più corta, tradizionale della città di Venezia, viene cantato:

San Martin xe 'ndà in sofita

a trovar la so novissa.

So novissa no ghe gera,

San Martin xe cascà par tera.

el s'ha tacà un bołetin

cari signori, xe San Martin!

Per questa ricorrenza, nella provincia di Venezia, viene preparato il tradizionale dolce di san Martino: con la pasta frolla viene modellata la forma del santo a cavallo con spada e mantello, guarnito con glassa di zucchero colorata, praline, caramelle e cioccolatini[2]. Più anticamente veniva preparato un dolce di cotognata, detto "San Martino di cotognata" , preparato con la marmellata di mele cotogne molto asciutta e stampata, come fosse una moneta coniata, in medaglioni di 10-20 cm che presentavano un disegno del santo. Tali medaglioni erano adornata con un fiocco di nastro rosso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Festa Dei Cornuti San Valentino In Abruzzo Citeriore (PE) 2017 | Abruzzo su eventi e sagre. URL consultato il 10 novembre 2017.
  2. ^ (IT) 11 Novembre: La festa di San Martino, su Veneto e Dintorni. URL consultato il 10 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4308714-0