Fernand Crommelynck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fernand Crommelynck (Parigi, 19 novembre 1886Saint-Germain-en-Laye, 17 marzo 1970) è stato un drammaturgo, attore e sceneggiatore belga di lingua francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le Sculpteur de Masques (1907), illustrazione di Léon Spilliaert

Nacque in una famiglia di attori, di madre francese e di padre belga.[1]

Se nelle prime opere, Le Sculpteur de Masques (1908) e L'Histoire de Minna Claessens (1912), si sentì l'influsso della poetica crepuscolare, in quelle successive l'autore si ispirò sempre più allo spirito fiammingo, caratterizzandolo con espressioni parossistiche e con una riuscita sintesi di tragico e comico, di linguaggio liricamente barocco, popolaresco e aristocratico, violento e delicato nello stesso tempo, ma in qualunque caso immaginifico.[2][3]

Con queste caratteristiche oltre ad un accostamento al Maeterlinck ed a recupero di gusto elisabettiano, Crommelynck scrisse la sua opera più importante, intitolata Le cocu magnifique ("Il becco prodigioso" o "Il magnifico cornuto") (1920), una favola insieme realistica, allegorica, paradossale, contraddistinta da una comicità grottesca e da sprazzi tragici.[2][3]

La critica letteraria descrisse l'opera di Crommelynck scrivendo che: «su un'idea da vaudeville, l'autore costruisce una tragicommedia e la chiama farsa».[2]

La stessa mescolanza di duro realismo e acutezza psicologica, di elevatezze liriche e rudezze verbali, portante il tema dell'amore sensuale contrapposto a quello angelico, l'autore la propose anche nelle opere successive, quali ad esempio: Carine, ou la jeune fille folle de son âme (1929); Tripes d'or ("La trippa d'oro") (1930), parabola dell'avarizia nella quale l'autore miscela farsa e profonda serietà; Chaud et froid, ou L'Idée de monsieur Dom (1936); Une Femme qu'a le cœur trop petit (1934), nella quale viene descritta una moglie perfetta la cui ossessiva virtuosità appassisce i sentimenti.[3][1]

Ha anche pubblicato un adattamento shakespeariano, Le Chevalier de la lune ("Il cavaliere della luna") (1957), basato sul personaggio di sir John Falstaff.[1]

Sia per il linguaggio e sia per la tecnica drammatica, Crommelynck viene considerato uno degli autori più originali del teatro del XX secolo.[2]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Sculpteur de Masques (1908)
  • L'Histoire de Minna Claessens (Alfred Machin, 1912)
  • L'agent Rigolo et son chien policier (Alfred Machin, 1912)
  • Le Marchand de regrets (1913)
  • Maudite soit la guerre (Alfred Machin, 1914)
  • Le Cocu magnifique (dramma) (1921)
  • Les Amants puérils (1921)
  • Carine ou la jeune fille folle de son âme (1929)
  • Tripes d'or (1930)
  • Le Cadavre nº 5 (Gaston Schoukens, 1932)
  • Una donna dal cuore troppo piccolo (Une Femme qu'a le cœur trop petit, 1934)
  • Chaud et froid, ou L'Idée de monsieur Dom (1936)
  • Le Chevalier de la Lune ou Sir John Falstaff (1968)
  • Miroir de l'enfance (1986), pubblicazione postuma
  • Théâtre complet, 3 volumi, introduzione di Georges Perros, Gallimard, (1986-1987)

Romanzo[modifica | modifica wikitesto]

  • Monsieur Larose est-il l'assassin ? (1950)

Film[modifica | modifica wikitesto]

(selezione)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Fernand Crommelynck, su britannica.com. URL consultato il 16 luglio 2018.
  2. ^ a b c d le muse, IV, Novara, De Agostini, 1964, p. 25.
  3. ^ a b c Fernand Crommelynck, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 16 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Claude Mesplède, Dictionnaire des littératures policières, Nantes, Joseph K, 2007.
  • (FR) Gisèle Féal, Le théâtre de Crommelynck, Parigi, 1976.
  • (EN) William Grimes, Aldo Crommelynck, Master Printer for Prominent Artists, Is Dead at 77, in The New York Times, New York, 29 gennaio 2009.
  • (ES) Ramón José Sender e José Domingo Dueñas Lorente, Sobre la obra de Crommelynck, in Proclamación de la sonrisa: ensayos, Saragozza, Universidad de Zaragoza, 2008, pp. 167–170.
  • (EN) Pierre Piret, Representation and Subjectivityː Belgian Playwrights and Modernity. Fernand Crommelynck or Disenchanted Representation, in From Art Nouveau to Surrealism: Belgian Modernity in the Making, MHRA & Maney Publishing, 2007, pp. 69–73.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68944513 · ISNI (EN0000 0001 1768 5809 · LCCN (ENn81112403 · GND (DE11867059X · BNF (FRcb120298127 (data) · BNE (ESXX1722989 (data) · BAV (EN495/102016 · WorldCat Identities (ENlccn-n81112403