Federica Mingolla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federica Mingolla
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 56 kg
Arrampicata Climbing pictogram.svg
Specialità Difficoltà, Boulder, Velocità
 

Federica Mingolla (Torino, 8 novembre 1994) è un'arrampicatrice italiana. Arrampicatrice di livello nazionale e internazionale, abbandona precocemente la carriera sportiva per dedicarsi alla falesia, alle vie lunghe e all'alpinismo grazie alla guida di Adriano Trombetta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Torinese di nascita, pratica il nuoto per circa 10 anni prima di iniziare con l'arrampicata indoor a 15 anni e competere in arrampicata sportiva con ottimi risultati. È studentessa di Scienze Motorie a Torino (SUISM) oltre che arrampicatrice sportiva professionista, atleta e tecnico federale FASI.[1][2] Attualmente sta ampliando il suo curriculum alpinistico per diventare guida alpina. [3] Ha dichiarato di avere tra i suoi modelli d'ispirazione Manolo, Gian Piero Motti[4], Riccardo Panero, e Lynn Hill.[5]

Palmarès Sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 settembre 2018 vince nella categoria femminile l'inusuale gara di arrampicata su roccia di Valgrisenche in Valle d’Aosta, sulla stessa parete che aveva ospitato 30 anni fa la prima gara di arrampicata della Valle d'Aosta.[6]

Falesia[modifica | modifica wikitesto]

Lavorato[modifica | modifica wikitesto]

Il suo livello sul lavorato si attesta intorno all'8b+[7].

Prime femminili[modifica | modifica wikitesto]

  • Prima salita assoluta della via "Fuga dal Ghetto", 8b in Val di Lanzo, effettuata nel giugno 2014.[8]
  • Prima donna in assoluto a salire in libera e da capocordata i 1250[9] metri di "La via attraverso il pesce" in Marmolada, con tutti i tiri tranne uno in stile 'a vista'. Ascesa compiuta in 19 ore il 17 luglio 2016.[10]

[11] [12] [13]

  • Prima salita assoluta della via "La falce e le betulle", 8a max a Noasca (TO), con Michele Amadio.[14]
  • Prima salita in libera e a vista della via "Sturm und Drang" in granito alla Torre Staccata del Becco di Valsoera nel Gruppo del Gran Paradiso.[15]
  • Prima donna italiana a salire in libera "Tom et Je Ris", 8b+ in Verdon[16]
  • Prima donna italiana a salire in libera "Digital Crack", 8a nel massiccio del Monte Bianco.
  • Prima donna italiana a salire in libera "Tomowak Dance", 8a max su parete del Caporal, (seconda assoluta dopo Matteo Della Bordella)
  • Prima salita assoluta della via "Occhi nuovi", 8a+ trad in Valle dell'Orco 2017[17]
  • Prima salita assoluta della via "KTM", 8a+ trad in Valle dell'Orco, 2018[17]

Vie aperte/liberate[modifica | modifica wikitesto]

  • "Good No Good" via in Pakistan di 800 mt di sviluppo che esce in vetta al "Peak Nik" a 4900 metri di quota. Realizzata in luglio 2017 con Luca Schiera e Simone Pedeferri dei Ragni di Lecco.[18]
  • "L'isola che non c'è", sull'Aiguille Croux nel massiccio del Monte Bianco, via a quota 3256 m s.l.m., di 12 lunghezze di difficoltà singola fino 7b+, aperta e liberata nel settembre 2018[19]
  • "Addio al celibato", via di 8 tiri sull'Appennino fabrianese, 8a+max, liberata integralmente insieme a Matteo della Bordella nel settembre 2018.[20]
  • "Monster" (350 m, ED+, 8a max, 7a obbl.), via di arrampicata sportiva interamente attrezzata a fix inox a m. 2600 sulla Becca di Verconey in Valgrisenche, liberata integralmente in inverno insieme al chiodatore Matteo Giglio nel gennaio 2019.[21]

Altre imprese di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

  • "Legittima Visione" nella Valle dell’Orco (TO), 8b di diedro in granito rosso,[22]
  • "Attacco dei cloni" nella Valle dell’Orco (TO), 7b+ trad su granito[17]
  • "Via della Cattedrale", parete Sud della Marmolada, 8a+ max, 800m di sviluppo - agosto 2017[23]
  • "Chimera verticale", salita a vista sulla parete Nord Ovest del Monte Civetta, Dolomiti,(IX, 600m + zoccolo iniziale) - agosto 2017[24]
  • "Itaca nel sole", al Caporal nella Valle dell'Orco (TO), 8b max, 180m di sviluppo - 20 marzo 2019, salita in due giorni diversi.[25]

Media e divulgazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Federica Mingolla, su sherpaonline.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  2. ^ Chi è Federica Mingolla ? di Alessandro Filippini, su alpinistiemontagne.gazzetta.it. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  3. ^ Federica Mingolla, su sherpaonline.it. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  4. ^ Dov’è Gian Piero Motti?, su montagna.tv. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  5. ^ Intervista a Federica Mingolla, su donnedimontagna.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  6. ^ Mingolla e Bombardi vincono la Gara di arrampicata a Valgrisenche, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  7. ^ Una risata su un vuoto da vertigine, su petzl.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  8. ^ Federica Mingolla, 8b FA - Prima assoluta di Fuga dal Ghetto, su up-climbing.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  9. ^ Marmolada Attraverso il pesce, su gulliver.it. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  10. ^ Federica Mingolla sulla Via Attraverso il Pesce, Marmolada, su up-climbing.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  11. ^ Federica Mingolla: prima femminile assoluta della via “attraverso il pesce” in marmolada!, su mountainblog.it. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  12. ^ Federica Mingolla, prima donna in libera sul Pesce, su alessandrogogna.com. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2018).
  13. ^ Copia archiviata, su alessandrogogna.com. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2018).
  14. ^ Acqua Chiara (Torre) La falce e le betulle, su gulliver.it. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  15. ^ Federica Mingolla a-vista su Sturm und Drang al Becco di Valsoera, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  16. ^ Federica Mingolla is Italian Crusher!, su gripped.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  17. ^ a b c Federica Mingolla in Valle dell’Orco libera KTM sulla Parete del Sergent, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  18. ^ Federica Mingolla, Luca Schiera e Simone Pedeferri in Pakistan, la parola ai protagonisti, su up-climbing.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  19. ^ L'isola che non c’è, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  20. ^ Federica Mingolla e Matteo Della Bordella festeggiano Addio al Celibato, su up-climbing.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  21. ^ Federica Mingolla e Matteo Giglio, prima invernale e prima libera di Monster sulla Becca di Verconey, su planetmountain.com. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  22. ^ Arrampicata: Federica Mingolla, la climber torinese dalle mani d’oro, su sportorino.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  23. ^ Federica Mingolla ripete la Via della Cattedrale in Marmolada, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  24. ^ Federica Mingolla su Chimera verticale in Civetta, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  25. ^ Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco, su planetmountain.com. URL consultato il 4 aprile 2019.
  26. ^ Federica Mingolla, l'arrampicata si fa rock star con i Tiromancino, su planetmountain.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  27. ^ TEDxTrento 2017: Alfio Quarteroni e Federica Mingolla, su tedxtrento.com. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2018).
  28. ^ Danzare sulla roccia guardando l'orizzonte -TEDxTrento, su youtube.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  29. ^ AMBASSADORS Arrampicata e alpinismo, su lasportiva.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]