Félix Lecomte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Félix Lecomte, Jean Baptiste D'Alembert, 1789

Félix Lecomte (Parigi, 16 gennaio 1737Parigi, 11 gennaio 1817) è stato uno scultore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Étienne Maurice Falconet, proseguì la sua formazione artistica a Roma, attenuando le influenze del suo maestro.

È noto per i suoi busti di Fénelon e Maria Antonietta (conservato a Versailles), caratterizzati da un gusto a metà strada tra l'aulico e il classicheggiante.[1]

Il suo stile rappresentò una saldatura tra quello di Luigi XV e quello di Luigi XVI, che condurrà nel neoclassicismo.[1]

Opere in collezioni pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti
In Francia
  • Bayonne, Museo Bonnat-Helleu: Giovane ragazza in possesso di due colombe, in terracotta statuetta;
  • Nancy, Notre-Dame-de-Bonsecours: Monumento funerario di Stanislao Leszczyński, 1772 marmo e bronzo progettato da Louis-Claude Vassé, Félix Lecomte assicura il suo completamento postumo;
  • Parigi, Hôtel de la Monnaie, attico della facciata: Giustizia; Pace; La forza; Commercio, statue di pietra;
  • Parigi, Institut de France, François de Salignac de La Mothe Fénelon, 1777 statua in marmo della serie di Famous Men (Louvre) Uomini illustri;
  • Parigi, Museo del Louvre:
    • Charles Rollin, 1789, statua di marmo;
    • Jean Le Rond d'Alembert, 1774, busto in marmo;
    • François Salignac La Mothe-Fénelon, statuetta di porcellana;
  • Parigi, Square Honoré-Champion: Montesquieu, busto in pietra;
  • Rouen, Musée des beaux-arts de Rouen: Uno Schiavo sopraffatto dal dolore, 1769 statua di marmo;
  • Versailles, Reggia di Versailles e Grand Trianon :
    • Charles de Secondat, barone di Montesquieu, 1779, busto in marmo;
    • Maria Antonietta, regina di Francia, 1783, busto in marmo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 390.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Félix Lecomte, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 25-8-2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN37798495 · ISNI (EN0000 0000 6681 9511 · GND (DE122382501 · BNF (FRcb14907652v (data) · ULAN (EN500026059 · CERL cnp00454073 · WorldCat Identities (EN37798495