Ettore Pais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ettore Pais

Ettore Pais (Borgo San Dalmazzo, 27 luglio 1856Roma, 28 marzo 1939) è stato uno storico dell'antichità italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del nobile sassarese Michele Pais Leoni e della piemontese Carlotta Tranchero, studiò a Lucca e presso l'Università di Firenze, dove si laureò in Lettere nel 1878. Fu allievo di Atto Vannucci e di Domenico Comparetti; successivamente (1881) si perfezionò a Berlino, alla scuola di Mommsen. Tra il 1880 e il 1884 operò in Sardegna, fondando il museo archeologico dell'Università di Sassari e dirigendo il Museo di Cagliari. Nel 1886 fu chiamato alla cattedra di storia antica nell'Università di Palermo e nel 1888 nell'Università di Pisa. Successivamente fu professore a Napoli (1899-1904) – dove il 9 luglio 1900 fu affiliato Maestro massone nella Loggia "Losanna"[1] e dal 1900 al 1904 diresse il museo archeologico – e, dal 1906, all'Università di Roma, dove insegnò anche epigrafia.

Ebbe molti incarichi di insegnamento e riconoscimenti da università europee e americane: tenne corsi nelle università di Wisconsin-Madison, Parigi-Sorbona, Bucarest, Praga, Madrid, Barcellona, Boston, Cambridge, New York e Chicago; ebbe il riconoscimento della laurea honoris causa a Oxford, Chicago e Parigi. Fu nominato socio nazionale dell'Accademia dei Lincei dal 1910 e senatore del Regno dal 1922. Nel 1936 gli fu conferito il Premio Mussolini dell'Accademia d'Italia per le discipline morali e storiche.

Il nome di Ettore Pais è legato agli studi di storia dell'antichità, in particolare sulle origini di Roma e sulla storia complessiva della civiltà italiana dalle colonie greche all'età imperiale. La sua impostazione metodologica, fondata su una serrata critica delle fonti, lo portò, per la storia antica di Roma, a un sostanziale rigetto di tutta la tradizione storiografica fino al IV secolo a.C.

Nel 1892, nel periodo dell'insegnamento pisano, uscì il primo numero della rivista Studi storici, che per qualche anno diresse e curò insieme al suo collega Amedeo Crivellucci, titolare dell'insegnamento di storia moderna; dal 1908 al 1913 la rivista proseguì a parte con il titolo Studi storici per l'antichità classica. Nell'attività del Pais occupa un posto particolare la direzione della traduzione italiana delle grandi storie del Mommsen, Gibbon, Gregorovius, Duruy e Tillemont.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La Sardegna prima del dominio romano. Studi storici ed archeologici, Roma, Salviucci, 1881.
  • Storia della Sicilia e della Magna Grecia, Torino, C. Clausen, 1894.
  • Storia di Roma, 2 voll., Torino, C. Clausen, 1898-99.
  • Storia critica di Roma durante i primi cinque secoli, 4 voll., Roma, E. Loescher, poi P. Maglione & C. Strini, 1913-20.
  • Ricerche sulla storia e sul diritto pubblico di Roma, 4 voll., Roma, E. Loescher, poi P. Maglione & C. Strini, 1915-21.
  • Fasti triumphales populi Romani, 2 voll., Roma, A. Nardecchia, 1920.
  • Storia dell'Italia antica, 2 voll., Roma, Libreria della Sapienza, 1921-22.
  • Storia della Sardegna e della Corsica durante il dominio romano, 2 voll., Roma, A. Nardecchia, 1923.
  • Storia di Roma durante le guerre puniche, 2 voll., Roma, Optima, 1927.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ V. Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Mimesis-Erasmo, Milano-Roma, 2005, p. 204.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. Breccia, Ettore Pais: in memoria di un maestro, in "Rivista storica italiana", IV, 1939, pp. 285-301.
  • E. Breccia, Uomini e libri, Pisa, Nistri-Lischi, 1959.
  • R. Ciasca, Bibliografia sarda, vol. III, Roma, Collezione meridionale editrice, 1933, pp. 300-305, nn. 12868-12915.
  • F.C. Casula, Dizionario di Storia Sarda, Sassari, Carlo Delfino, 2001, s.v.
  • L. Polverini (a cura di), Aspetti della storiografia di Ettore Pais: Incontri perugini di storia della storiografia antica e sul mondo antico, Atti del Convegno, Acquasparta, Palazzo Cesi, 25-27 maggio 1992, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 2002.
  • Enciclopedia Italiana, s.v. Pais, Ettore.
  • C. Scano, Ettore Pais: profilo, Cagliari, Il Nuraghe, 1927.
  • A. Solari, Necrologio, in "Rendiconti della R. Accademia di scienze dell'Istituto di Bologna. Classe di scienze morali", serie 4ª, vol. II, 1938-1939, pp. 176-187, con bibliografia degli scritti.
  • G. Tropea, Sulla Storia di Roma di Ettore Pais, in “Rivista di storia antica e scienze affini”, Messina, 1898.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51929809 · ISNI (EN0000 0001 1026 7954 · SBN IT\ICCU\RAVV\057408 · LCCN (ENn79129240 · GND (DE116018119 · BNF (FRcb14550578x (data) · NLA (EN35406210 · BAV ADV10251498 · WorldCat Identities (ENn79-129240