Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Esicasmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questa voce è parte della serie
Oriente cristiano
Christ Pantocrator Deesis mosaic Hagia Sophia.jpg

Storia
Impero bizantino
Crociate
Concilio ecumenico
Cristianizzazione della Bulgaria
Cristianizzazione della Rus' di Kiev
Scisma Oriente-Occidente
Per regione
Copta
Armena
Georgiana

Tradizioni
Chiesa ortodossa orientale
Chiese cattoliche orientali
Ortodossia orientale
Cristianesimo siriaco

Liturgia e culto
Segno della croce
Divina Liturgia
Iconografia
Ascetismo
Omoforio

Teologia
Esicasmo - Icona
Apofaticismo - Clausola del Filioque
Miafisismo - Monofisismo
Nestorianesimo - Theosis - Theoria
Phronema - Filocalia
Praxis - Theotokos
Ipostasi - Ousia
Essenza-distinzione di energie
Metousiosis

L'esicasmo (dal greco ἡσυχασμός hesychasmos, da ἡσυχία hesychia, calma, pace, tranquillità, assenza di preoccupazione) è una dottrina e pratica ascetica diffusa tra i monaci dell'Oriente cristiano fin dai tempi dei Padri del deserto (IV secolo).

Scopo dell'esicasmo è la ricerca della pace interiore, in unione con Dio e in armonia con il creato.

Origini della pratica[modifica | modifica wikitesto]

Divulgata da Evagrio Pontico (IV secolo) e da altri maestri spirituali tra cui nel VI secolo spicca Giovanni Climaco autore della Scala del Paradiso, la pratica dell'esicasmo è ancora viva sul Monte Athos e in altri monasteri ortodossi. Sull'Athos essa ricevette un impulso decisivo dall'opera di Gregorio Palamas (morto nel 1359) e nei secoli successivi dagli scritti di teologi e mistici raccolti nella Filocalia.

Descrizione della pratica[modifica | modifica wikitesto]

Gli esicasti praticano la cosiddetta preghiera di Gesù o preghiera del cuore, che consiste nella ripetizione incessante della stessa formula, secondo il ritmo del respiro ("Signore Gesù Cristo, figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore" in greco Κύριε Ἰησοῦ Χριστέ, Υἱὲ Θεοῦ, ἐλέησόν με τὸν ἀμαρτωλόν [Kyrie Iisù Christé, Iié Theù, eléisòn me tòn amartolòn]). Poiché tale preghiera - resa celebre dai Racconti di un pellegrino russo di un anonimo del XIX secolo –, era spesso compiuta con la testa reclinata sul petto, gli esicasti furono accusati dai loro avversari – in particolare dal monaco Barlaam ( XIV secolo) – di praticare l'onfaloscopia, ossia la contemplazione del proprio ombelico. «Esicasta», scrive Giovanni Climaco, «è colui che cerca di circoscrivere l'incorporeo nel corporeo... La cella dell'esicasta sono i limiti stessi del suo corpo: al suo interno c'è una dimora di sapienza» (Scala del Paradiso, XXVII/1,5.10). Ma la descrizione più dettagliata della "preghiera del cuore" è contenuta in uno scritto anonimo, probabilmente opera di un monaco dell'Athos, Niceforo il Solitario (XIV secolo): il Metodo della preghiera e dell'attenzione sacre. In questo testo – noto in tutto l'Oriente cristiano semplicemente come Methodos – si raccomanda di rifugiarsi in un luogo solitario e tranquillo e di concentrarsi, senza lasciarsi distrarre da pensieri vani: «Posa il tuo mento sul petto, sii attento a te stesso con la tua intelligenza e i tuoi occhi sensibili. Trattieni il respiro il tempo necessario perché la tua intelligenza trovi il luogo del cuore e vi resti integralmente. All'inizio tutto ti sembrerà tenebroso e molto duro, ma col tempo e con l'esercizio quotidiano scoprirai in te una gioia continua».

Accusa di eresia, dibattito teologico[modifica | modifica wikitesto]

Tale dottrina mistica provocò forti contrasti nell'impero bizantino intorno al XIV secolo. Il contrasto, che ebbe anche implicazioni politiche, divise i capi religiosi dell'impero per almeno dieci anni (1341-1351 ca), contribuendo poi ad indebolirlo sul fronte turco.

Considerata come pienamente ortodossa da molti maestri e uomini della Chiesa, tale pratica spirituale - una forma di meditazione cristiana - ha influenzato il rinnovamento monastico in tutto l'Oriente cristiano e in particolare nel mondo slavo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Racconti di un pellegrino russo
  • Divo Barsotti (a cura di), Relazioni di un pellegrino.Da un manoscritto del Monte Athos, Firenze, Libreria editrice fiorentina, 1982.
  • Marcello Brunini, La preghiera del cuore nella spiritualità dell'Oriente cristiano, Messaggero, 1997.
  • Olivier Clément, Nuova Filocalia. Testi spirituali d'oriente e d'occidente, Bose, Qiqajon, 2010.
  • Renato D'Antiga, Gregorio Palamas e l'esicasmo, Cinisello Balsamo, Paoline, 1991.
  • Renato D'Antiga, L'esicasmo russo. Introduzione alla spiritualità degli slavi orientali, Cinisello Balsamo, San Paolo, 1996.
  • Jean Khoury, La preghiera del cuore, Segno, 2009.
  • Antonio Rigo (a cura di), Mistici bizantini, Torino, Einaudi, 2008.
  • Henri-Pierre Rinckel, La preghiera del cuore nella spiritualità orientale, Paoline, 1992.
  • Elémire Zolla, I mistici dell'occidente, vol. 1, Milano, Adelphi, 1997, pp. 626-654, ISBN 88-459-1260-4.

L'esicasmo nella narrativa contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]