Eriberto Scarlino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Eriberto Scarlino (Matino, 29 luglio 1895Firenze, 15 dicembre 1962) è stato un compositore italiano.

Dal 1933 al 1935 fu direttore del liceo musicale italiano Giuseppe Verdi di Alessandria di Egitto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Matino, in provincia di Lecce, il 29 luglio 1895, si è diplomato in pianoforte al liceo musicale « Benedetto Marcello » di Venezia, con Cesare Conti e Gino Tagliapietra; successivamente perfesionatosi in organo con Oreste Ravanello e composizione con Giangiuseppe Bernardi e Mezio Agostini. Ebbe il suo esordio ufficiale alla « Filarmonica » di Firenze nel 1917.

Al suo attivo una intesta attività concertistica in Italia e all'estero sia come solista, sia in duo con i violinisti Giulio Bignami, Attilio Crepax, Gioconda De Vito, Fanfulla Lari, Gioacchino Maglioni, Aldo Priano, Fernando Zepparoni, il violista Marcello Formentini, in violoncellisti Camillo Oblach, Gaspar Gassadó, Pietro Grossi,il pianista polacco Raoul Koczalski ed in altre formazioni di musica da camera tra cui il Quartetto Veneziano, il Quartetto Lari, il Quartetto di Firenze, il Quintetto Scarlino di Alessandria di Egitto.

Parallelamente alla attività di concertista, Scarlino è stato titolare di numerose cattedre in conservatori italiani quali il liceo musicale « Benedetto Marcello » di Venezia (1921), il conservatorio « Arrigo Boito » di Parma (1926), ed il conservatorio di musica « Luigi Cherubini » di Firenze (1937).

Nel 1933 divenne direttore, per tre anni, del liceo musicale italiano « Giuseppe Verdi » di Alessandria di Egitto.

Didatta e compositore, fu autore di opere per pianoforte, canto e pianoforte, orchestra, tra le quali il « Preludio e fuga » per archi e organo, il « Quartetto in mi minore », il poema sinfonico « Le Villi » per grande orchestra. Furono incise per la « Voce del padrone » alcune sue esecuzioni di musiche di Domenico Scarlatti, Amilcare Zanella e di proprie composizioni.

Numerosi critici musicali, tra i quali Giannotto Bastianelli, Arnaldo Bonaventura, Giulio Bucciolini, Carlo Cordara, Adelmo Damerini, Edgardo Del Valle de Paz, Alberto Gasco, Cesare Paglia (Gajanus), Ildebrando Pizzetti, scrisseo delle sue opere e dei suoi concerti.

Morì a Firenze il 19 dicembre 1962.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • De Angelis, Alberto Dizionario dei musicisti. Roma, Ausonia, 1928. 3 ed., corredata di un’appendice. ( L’Italia musicale d’oggi). Voce Scarlino, Eriberto a p. 445
  • Schmidl, Carlo. Dizionario universale dei musicisti. Milano, Sonzogno, 1928. Vol.II:M-Z. Voce Scarlino, Eriberto a p. 461
  • Schmidl. Carlo. Supplemento al Dizionario universale dei musicisti. Milano, Sonzogno, 1938. Voce Scarlino, Eriberto a p. 686
  • Finizio, Luigi. Quello che ogni pianista deve sapere. Nozioni di storia, estetica e didattica pianistica. 7 ed. riv. e ampliata. Milano, Curci, 1944. Voce Scarlino, Eriberto a pp. 116-118
  • Della Corte, Andrea – Gatti, Guido M. Dizionario di musica. Torino, G.B.Paravia, 1956. 5 ed. Voce Scarlino, Eriberto a p. 565
  • Grande Enciclopedia popolare Sonzogno. Milano, Sonzogno. Vol. XVIII. Voce Scarlino, Eriberto a p. 272
  • Dizionario di musica. A cura di Riccardo Allorto e Alberto Ferrari. Milano, Meschina, 1959. Voce Scarlino, Eriberto a p. 445
  • Enciclopedia della musica. Milano, G.Ricordi, 1964. Vol.IV:Rev-Z. Voce Scarlino, Eriberto a p. 140
  • La musica. Sotto la direzione di Guido M.Gatti. A cura di Alberto Basso. Torino, U.T.E.T., [1968]. Parte II: Dizionario. II:L-Z. Voce Scarlino, Eriberto a p. 988
  • D’Andrea, Renzo. Vita musicale a Lecce e nel Salento dal III secolo a.C. ai giorni nostri. Fasano, Schena, 1985. Voce Scarlino, Eriberto a p. 241
  • Ricordo di Eriberto Scarlino nel venticinquesimo anniversario della scomparsa. A cura di Paolo Fragapane. In “Annuario del conservatorio di musica L.Cherubini”, Firenze, 1985-1986
  • Ricordo di Eriberto Scarlino. Scandicci (Fi), Centro dell’arte Vito Frazzi, dicembre 1987. Concerto omaggio a Eriberto Scarlino nel 25º anniversario della morte. In collaborazione con il Conservatorio di musica Luigi Cherubini di Firenze. Presentazione di Annalena Aranguren. Contiene un una scelta di giudizi della critica nazionale ed internazionale dal 1912 al 1962 e testimonianze di Luciano Alberti, Tito Aprea, Walter Baracchi, Lando Bartoli, Arturo Benedetti Michelangeli, Silvano Berlincioni, Massimo Bogianckino, Francesco Saverio Borrelli, Alfredo Brandi, Rodolfo Caporali, Gabriela Carpi Bernasconi, Clara Cesa Luporini, Alvaro Company, Katherine Lester Crivelli, Wolfango Dalla Vecchia, Maria de Fabritiis, Dario De Rosa, Piero Farulli, Aida Ferretti Orsini, Paolo Fragapane, Ireneo Fuser, Margherita Gallini, Benedetto Ghiglia, Maria Golia, Pietro Grossi, Renée Korber-Levantin, Francesca Romana Lapiccirella, Elisa Luzi, Amleto Manetti, Adriano Mantoan, Angelo Massini, Dante Mario Memo, Giangiacomo Miari, Mirella Moruzzi, Miriam Donadoni Omodeo, Lucia Passaglia, Angela Pernigotti, Luigi Maria Personè, Dino Pieraccioni, Leonardo Pinzauti, Marcella Pontello, Carlo Prosperi, Guglielmo Rosati, Dario Rossi, Pietro Scarpini, Giovanni Semerano, Maria Tipo, Marcello Vannucci, Alberto Ventura;
  • Dizionario enciclopedico universale della musica e dei musicisti. Diretto da Alberto Basso. Torino, U.T.E.T., 1988. Vol.VI. Voce Scarlino, Eriberto a p.646
  • Mele, Donato. Eriberto Scarlino musicista salentino contemporaneo. Galatina, Congedo, 1988 (Biblioteca di cultura pugliese. Ser.2, n.45), pagine 110.
  • Leopizzi, Tommaso. Matino, storia e cultura popolare. Presentazione di Antonio Antonaci. Editrice Industria Grafica Matino, I e II ediz. 1991.
  • Pinzauti, Leonardo. Storia del Maggio. Libreria Musicale Italiana, Firenze, 1994.
  • La musica in Toscana. Eriberto Scarlino. A cura di Sebastiano Bon. In “Montebeni classica”, fasc.n.101, dicembre 1996
  • Firenze e la musica italiana del secondo Novecento. A cura di Renzo Cresti ed Eleonora Negri. Firenze, LoGisma editore, 2004. Voce Scarlino Eriberto a pp. 437-438
  • Zanobetti, Umberto. Eriberto Scarlino in “I Fochi della San Giovanni”, n.1, 2007, pp. 37-38
  • Roselli, Corrado. I pianisti di Gioconda De Vito, in “Gioconda de Vito, un mito dimenticato”. Papageno Edizioni, 2008.
  • Negri, Eleonora. Grandi presenze ed eventi musicali al Lyceum Club, in “Lyceum Club internazionale di Firenze” a cura di Mirka Sandiford. Polistampa Firenze, 2008.
  • Martinelli, Elsa. All'ombra delle Piramidi. Eribeerto Scarlino (1895-1962) e il Liceo Musicale "G.Verdi" in Alessandria d'Egitto. Edizioni del Grifo, Lecce, 2008.

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Si dà qui di seguito un elenco delle composizioni di Eriberto Scarlino, ordinate per generi. L’elenco è ripreso dalla pubblicazione: Mele, Donato. Eriberto Scarlino, musicista salentino contemporaneo. Galatina (Lecce), Congedo, 1988 (Biblioteca di cultura pugliese. Ser. 2., 45). Le opere in manoscritto autografo sono custodite nell’archivio della famiglia Scarlino a Firenze. Le opere pubblicate a stampa sono reperibili presso la Sala musica della Biblioteca nazionale centrale di Firenze e presso la biblioteca del conservatorio Cherubini di Firenze; lo stornello “La fanciulla toscana”, ispirato alla Grande Guerra, premiato al concorso de La Nazione ,settembre 1916. Pubblicato nel 1918 è consultabile anche presso la Biblioteca del Conservatorio di musica Giuseppe Verdi di Milano.

Sinfoniche e da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • Preludio, corale e fuga, per orchestra d’archi e organo. Venezia, 1913
  • Le Villi, poema sinfonico, per grande orchestra. Venezia, 1914
  • Quartetto in min min., per archi (2 v.ni.v.la e v.llo). Venezia, 1915

Con accompagnamento di pianoforte[modifica | modifica wikitesto]

  • Andante elegiaco, in sol magg., per v.llo e pf. Venezia, 1913. Riveduto nel 1940 con quasi totale rifacimento della parte pianistica
  • “Quand’odo la canzone”, romanza in sol magg. per canto e pf. Versi di H. Heine. Venezia, 1913
  • “Tramonto”, lirica in mi bem. min. per canto e pf. Versi di G. Bertacchi. Venezia, marzo 1914
  • “La fanciulla toscana”, stornello in mi magg. per canto e pf. Versi di L. Anzillotti. Firenze, settembre 1916 (pubblicato a Firenze, Casa ed. di musica Forlivesi & C., [1918], 1920)

Per pianoforte[modifica | modifica wikitesto]

  • Scherzo, in do magg. Venezia, 1912-1913. Riveduto e ampliato nel 1940. Trascritto per 2 pf. dall’autore (pubblicato a Firenze, Casa ed. di musica A. Forlivesi & C., 1925)
  • Berceuse, in la bem. magg. Venezia, 1913 (pubblicata a Firenze, Casa ed. di musica A. Forlivesi & C., [1917])
  • Piccolo valzer, in si magg. Firenze, 1916-1917 (pubblicato a Firenze, Casa ed. di musica A. Forlivesi & C., [1930])
  • Serenatina, in sol bem. magg. Firenze, 1916-1917
  • Studi da concerto: Studio romantico, in sol magg. Firenze, 1940; Studio brillante, in si min. Firenze, 1941 (pubblicati a Firenze, s. n., 1964 (Firenze, Arti graf. Mignani Bandettini, 1963).
  • Cantilena per un bimbo, in sol magg. Firenze, dicembre 1941. Trascritta per organo da Alessandro Esposito. Aria, in re magg. Firenze, 1943

Opere pianistiche per la gioventù[modifica | modifica wikitesto]

  • “La fiaba”, in re diesis min. Venezia, agosto 1917
  • “Lilliput”, marcetta in re magg. Firenze, 1942
  • Canzoncina nostalgica, in fa magg. Firenze, 1942
  • Due piccole Pastorali di Natale, in sol magg. Firenze, 1950
  • Canzoncina, in si bem. magg. Firenze, 1956

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40176335 · ISNI (EN0000 0000 4372 5408 · LCCN (ENn95039077