Ente fauna siciliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Ente fauna siciliana è una associazione naturalistica di ricerca e conservazione fondata a Noto, il 31 gennaio 1973.

In trent'anni di attività ne sono sorte numerose sezioni in tutta le Sicilia centro-orientale (Agrigento, Augusta, Canicattini Bagni, Catania, Messina, Noto, Pachino, Siracusa, Floridia). È affiliata alla Federazione Nazionale Pro Natura come associazione ambientalista riconosciuta a livello nazionale. Inoltre, è stata riconosciuta come tale anche dalla Regione Siciliana.

L'associazione dispone di un proprio corpo di guardie ecologiche (GG.GG.VV.) dedite alla vigilanza nel territorio. Inoltre, fornisce un servizio di guida naturalistica all'Azienda foreste demaniali di Siracusa nelle riserve naturali di Vendicari e a Pantalica/Valle dell’Anapo.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

L'Ente fauna siciliana svolge attività in difesa della natura (emergenze geomorfologiche, paesaggistiche, ecosistemi e preesistenze archeologiche ed etnologiche o comunque di valenza culturale), tramite mostre, proiezioni, conferenze, convegni, pubblicazioni, escursioni, visite, ricerche scientifiche.

L'associazione ha pubblicato, per conto dei relativi organismi di gestione, monografie sulle riserve naturali di Vendicari, Cavagrande del Cassibile, Pantalica-Valle dell'Anapo, Isola di Capo Passero. In collaborazione con gli autori di Geo & Geo, programma televisivo di Raitre, ha realizzato nella regione iblea due documentari dal titolo L'ultima oasi (1999, 1º classificato al Festival cinematografico di Cannes), e Terre d'oriente (2000). Numerose collaborazioni con il programma televisivo Lineablu (Raiuno) hanno spesso consentito agli autori di raccontare le peculiarità del territorio ibleo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia