Enrico Mantero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Mantero (Como, 17 gennaio 1934Cernobbio, 14 novembre 2001) è stato un architetto, storico dell'architettura, accademico e professore universitario italiano.

Laureatosi al Politecnico di Milano nel 1960, è stato assistente di Ernesto Nathan Rogers e successivamente professore ordinario di Composizione Architettonica e Urbana dal 1981 presso lo stesso Politecnico.

Fu sicuramente uno degli architetti più importanti del panorama lombardo e nazionale, avendo contribuito in modo decisivo alla fondazione della Facoltà di Architettura Civile di Milano-Bovisa. In questa facoltà è stato istituito, dopo la sua morte, il premio Mantero che viene consegnato alla laurea più meritevole in Composizione Architettonica. È da considerarsi uno dei più autorevoli ricercatori del razionalismo italiano e in particolare di quella vena milanese e comasca il cui maggiore esponente fu Giuseppe Terragni.

È autore di due testi fondamentali relativi al razionalismo: Il razionalismo italiano e Giuseppe Terragni.

Tra le sue opere realizzate come architetto, si enumerano:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75305942 · ISNI (EN0000 0000 2572 5412 · ULAN (EN500111209 · LCCN (ENn85284059 · GND (DE123953855 · WorldCat Identities (ENlccn-n85284059
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie