Emotafonomia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L’emotafonomia (dal greco haima per il sangue, taphos per la sepoltura, e nomos per la legge) è lo studio delle macchie di sangue, e specialmente dei cambiamenti nell'aspetto e nella dimensione dei componenti cellulari, così come le caratteristiche della loro posizione cellulare e aspetto in funzione della topografia superficiale e della composizione del substrato. Questo termine è stato proposto all'inizio degli anni '90[1]. Poiché l'oggetto di studio di emotafonomia è la citomorfologia delle cellule del sangue quando in una macchia, i suoi soggetti di studio sono campioni colorati con sangue. Il metodo di studio di emotafonomia è l'analisi delle immagini in chiaroscuro ottenute mediante microscopia elettronica a scansione. Molto prima della comparsa del primo microscopio elettronico a scansione commerciale nella metà del XX secolo, la determinazione microscopica delle macchie di sangue è stata effettuata sporadicamente come ausilio alla scienza forense, considerando il medico e il chimico Minorcan Mateu Josep Bonaventura Orfila come il primo a provare l'uso di un microscopio ottico per tali scopi[2]. Al di là del punto di vista della scienza pura, l’emotafonomia applicata cerca l'uso di macchie di sangue come prova medicolegale o archeologica[3], e non dovrebbe essere confusa con l'analisi del modello di macchie di sangue.

Il sangue dei vertebrati e la morfologia degli eritrociti dei mammiferi nel corpo e in una macchia

Il sangue dei vertebrati (cioè "sangue" in senso stretto) è un tipo di tessuto connettivo formato da una sospensione di cellule in un mezzo liquido (plasma). In questo tessuto istologico sono presenti tre tipi di cellule: eritrociti (globuli rossi), leucociti (globuli bianchi) e trombociti (piastrina, nei mammiferi).

A differenza di altri vertebrati, i mammiferi hanno globuli rossi anucleati (acariociti). Come eccezione in altri vertebrati, le salamandre della famiglia Plethodontidae hanno una proporzione di globuli rossi anucleati, con le specie Batrachoseps attenuatus che possiedono quasi il 95% di acariociti[4]. Allo stesso modo, il pesce teleosteo Maurolicus muelleri ha eritrociti anucleati[5]. A causa della mancanza di nucleo, i globuli rossi tipici dei mammiferi sono modellati come dischi biconcavi (discociti). Questo non si applica alla famiglia Camelidae, dove i globuli rossi sono ovali (ovalociti). Altre forme fisiologiche, minori o patologiche, sono: echinociti (cellule spinose), dacriociti (cellule come lacrime), schizociti (cellule come casco), cheratociti (cellule come corno), drepanociti (cellule falciformi) e molti altri.

Nelle macchie di sangue, la maggior parte delle forme di globuli rossi condividono la morfologia con quelle descritte in ematologia. Tuttavia, due morfologie di eritrociti sono dovute specificamente ai fenomeni di essiccazione del sangue, che possono essere considerati come morfologie caratteristiche di macchie di sangue di (almeno) mammiferi, e per questo motivo non si trovano in condizioni fisiologiche. Queste forme sono due[6]:

- ecatociti (forme lunari, correlate all'interazione eritrocita-plasma quando essiccati; etimologicamente d'Ecate).

- gianociti (repliche negative, legate all'impressione dalla matrice di plasma secco; etimologicamente de Giano).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hortolà, P., SEM analysis of red blood cells in aged human bloodstains, in Forensic Science International, vol. 55, nº 2, 1992, pp. 139–159, DOI:10.1016/0379-0738(92)90120-L.
  2. ^ Hemotafonomia (XML), Gran enciclopèdia catalana.
  3. ^ Milani, M., Curia, R., Savoia, C., FIB/SEM haemotaphonomy: red blood cells identification in unprepared samples of forensic interest, in Jacobs Journal of Forensic Science, vol. 1, nº 1, 2015, pp. 1-8.
  4. ^ Emmel, V. E., Studies on the non-nucleated elements of the blood. II. The occurrence and genesis of non-nucleated erythrocytes or erythroblastids in vertebrates other than mammals, in The American Journal of Anatomy, vol. 33, nº 2, 1924, pp. 347–405, DOI:10.1002/aja.1000330207.
  5. ^ Wingstrand, K. G., Non-nucleated erythrocytes in a teleostean fish Maurolicus mülleri (Gmelin), in Zeitschrift für Zellforschung und Mikroskopische Anatomie, vol. 45, nº 2, 1956, pp. 195–200, DOI:10.1007/BF00338830.
  6. ^ Hortolà, P., Red blood cell haemotaphonomy of experimental human bloodstains on techno-prehistoric lithic raw materials, in Journal of Archaeological Science, vol. 29, nº 7, 2002, pp. 733–739, DOI:10.1006/jasc.2001.0782.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina