Elezioni presidenziali in Islanda del 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni presidenziali in Islanda del 2016
Stato Islanda Islanda
Data 25 giugno
President Gudni Thorlacius Johannesson September 2016.jpg
Candidati Guðni Thorlacius Jóhannesson Halla Tómasdóttir Andri Snær Magnason
Partito Indipendente Indipendente Indipendente
Voti 71 356
39,1 %
50 995
27,9 %
26 037
14,3 %
Presidente uscente
Ólafur Ragnar Grímsson
Left arrow.svg 2012 2020 Right arrow.svg

Le elezioni presidenziali in Islanda del 2016 (le diciassettesime dall'indipendenza del paese nel 1944) si sono tenute in Islanda il 25 giugno.

Il presidente uscente Ólafur Ragnar Grímsson non si è candidato per la rielezione dopo aver raggiunto i cinque mandati. In totale hanno formalizzato la candidatura 9 contendenti [1]. Tra i principali Halla Tómasdóttir, imprenditrice e donna d'affari e Davíð Oddsson, per lungo tempo primo ministro islandese. [2] Le elezioni tuttavia sono state vinte dallo storico e traduttore Guðni Thorlacius Jóhannesson [3], con il 39,1% dei voti.[4]

Gli altri contendenti sono stati: Andri Snær Magnason, Sturla Jónsson, Ástþór Magnússon, Elísabet Jökulsdóttir, Guðrún Margrét Pálsdóttir, Hildur Þórðardóttir.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IS) Hægt að kjósa utankjörfundar á morgun, su Morgunblaðið, 29 aprile 2016. URL consultato il 28 maggio 2016.
  2. ^ (IS) Staðfest að núu verða í forsetaframboði, su Kjarninn, 25 maggio 2016. URL consultato il 26 giugno 2016.
  3. ^ (IS) Ólafur með 45% en Guðni 38%, su Morgunblaðið, 5 maggio 2016. URL consultato il 28 maggio 2016.
  4. ^ Lokatölur komnar úr öllum kjördæmum, ruv.is, 26 giugno 2016. URL consultato il 26 giugno 2016.