Elezioni politiche italiane del 1861

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni politiche italiane del 1861
Regno di Sardegna Regno di Sardegna
VIII Legislatura
Governi Cavour IV (1861)
Ricasoli I (1861-1862)
Rattazzi I (1862)
Farini (1862-1863)
Minghetti I (1863-1864)
La Marmora I (1864-1865)
Successive 1865

Le elezioni politiche del 1861 si sono svolte il 27 gennaio (1º turno) e il 3 febbraio (ballottaggi) 1861. Si svolsero prima della proclamazione del Regno d'Italia il 17 marzo 1861.

Le elezioni del 1861 si svolsero sulla base della legge elettorale del Regno di Sardegna del 1848, che concedeva il diritto di voto agli uomini di età superiore a 25 anni, alfabeti e che pagassero un certo ammontare di tasse. Risultavano eletti al primo turno i candidati che riportavano più del 50% dei voti o voti pari ad almeno un terzo degli aventi diritto al voto. Nel caso in cui ciò non si verificasse si teneva un ballottaggio. Gli aventi diritto al voto erano dunque 418.696 persone su circa 22 milioni di abitanti[1].

Le prime elezioni del Regno d'Italia furono vinte dalla destra storica. All'opposizione andarono 80 garibaldini e la sinistra storica.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Grafico delle elezioni politiche italiane.

Camera dei deputati[modifica | modifica sorgente]

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 418.695  
Votanti 239.583 57,2 (su n. elettori)
Voti validi 95,9 (su n. votanti)
Voti non validi (su n. votanti)
di cui schede bianche (su n. votanti)
Partiti voti voti (%) seggi
Destra storica (Moderati) 46,1 342
Sinistra storica (Democratici) 20,4 62
Estrema 2,3 14
Eletti non definibili 3,9 23
altri candidati 27,3
Totale 100,00 443

Vengono eletti:

  • 85 principi, marchesi, duchi
  • 28 alti ufficiali
  • 72 avvocati
  • 42 professori universitari
  • 5 medici
  • 5 tecnici

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nohlen, D & Stöver, P (2010) Elections in Europe: A data handbook, p1047 ISBN 978-3-8329-5609-7