Eduardo Marquina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eduardo Marquina Angulo

Eduardo Marquina Angulo (Barcellona, 21 gennaio 1879New York, 21 novembre 1946) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo spagnolo, della generazione modernista,[1] iniziatore del teatro poetico[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eduardo Marquina
Caricatura di Eduardo Marquina, eseguita da Manuel Tovar, 1907
Eduardo Marquina
Scena dell'opera La danza de la cautiva, di Eduardo Marquina, 1921
Ritratto di Eduardo Marquina, eseguita da Ramon Casas

Di famiglia Aragonese, figlio del professionista Luis Marquina y Dutú e di Eduarda Angulo, Eduardo Marquina effettuò i suoi studi a Barcellona, dapprima dal 1886, nelle scuole francescane e gesuite, avvicinandosi alla lettura dei suoi autori preferiti, tra i quali Miguel de Unamuno, Joan Maragall, e tra gli stranieri, Henrik Ibsen, Lev Tolstoj, Gabriele D'Annunzio, Paul Verlaine,[2] e successivamente, nel 1896 si iscrisse alla Facoltà di Filosofia e Letteratura, che però abbandonò poco dopo per lavorare come impiegato, con incarichi commerciali, nella stessa compagnia chimica in cui lavorava il padre.[2]

Eduardo Marquina si sposò il 18 giugno 1903 con Mercedes Pichot nella chiesa di Santa Maria del Mar a Barcellona, negli stessi anni in cui collaborò con riviste letterarie, quali La Publicidad, dove pubblicò i suoi primi lavori.[3]

Anche se in gioventù scrisse un dramma lirico in catalano (Emporium, 1906), compose tutte le altre sue opere in castigliano e in particolare nei suoi drammi storici è stato il cantore della Spagna mistica e imperialista.[4]

Durante la sua carriera Eduardo Marquina si dedicò con grande passione al teatro per restituire alle rappresentazioni castigliane argomenti profondi, e per questo scrisse drammi lirici di argomento storico,[5] come Le figlie del Cid (Las hijas del Cid, 1908), Dona Maria la Brava (Doña María la Brava, 1909), Nelle Fiandre è tramontato il sole (En Flandes se ha puesto el sol, 1910), I fiori di Aragona (Las Flores de Aragón, 1914),[1]Ebora (1920),[4] ambientato ai tempi dell'epoca romana, Teresa di Gesù (Teresa de Jesús, 1932).[5]

Comunque Eduardo Marquina realizzò anche commedie sentimentali, tra le quali Quando sbocciano le rose (Cuando florescan los rosales, 1914) e Lo strano (La estraña, 1921).[1]

La sua poesia delle Odi (Odas, 1900), I raccolti (Las vendimias, 1901), Egloghe (Èglogas, 1902), Elegie (Elegías, 1905 e 1912), Vendemión (1909), Canzoniere del momento (Cancionero del momento, 1910), Terra di Spagna (Tierras de España, 1914), Juglarias (1914) fu ispirata e influenzata dallo stile di Rubén Darío, oltre che dai classici.[1][5][4]

Si dedicò anche alla traduzione di numerosi scrittori stranieri, trai quali menzioniamo Charles Baudelaire.[5]

Durante la sua carriera ottenne un buon successo che confermò anche nelle sue ultime opere: La vita è mia (La vida es mía, 1928), Il monaco bianco (El monje blanco, 1930), Fontana nascosta (Fuente escondida, 1931).[1]

Nel giugno 1946 Eduardo Marquina fu nominato ambasciatore straordinario per assistere all'insediamento del nuovo presidente della Colombia; visitò altre repubbliche ispano-americane, dove tenne conferenze, e morì improvvisamente a New York il 21 novembre 1946 a causa di problemi cardiaci, quando stava per tornare in Spagna.[4][2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Opere complete (Obras Completas, 1944-1951, 8 vol.).

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Gesù e il diavolo (Jesús y el Diablo, 1898), poema drammatico;
  • Emporium (1906), dramma lirico in catalano;
  • Le figlie del Cid (Las hijas del Cid, 1908);
  • Dona Maria la Brava (Doña María la Brava, 1909);
  • Nelle Fiandre è tramontato il sole (En Flandes se ha puesto el sol, 1910);
  • Il re dei trovatori (El rey trovador, 1911);
  • Il sindaco di Pastrana (La alcaldesa de Pastrana, 1911);
  • La pala d'altare di Agrellano (El retablo de Agrellano, 1913);
  • Quando le rose fioriscono (Cuando florezcan los rosales, 1913), commedia in prosa;
  • I fiori di Aragona (Las flores de Aragón, 1914);
  • Il grande capitano (El Gran Capitán, 1916);
  • Don Luis Mejía (1924);
  • L'eremo, la fontana e il fiume (La ermita, la fuente y el río, 1927), dramma rurale;
  • Risparmio (Salvadora, 1929), dramma rurale;
  • Il monaco bianco (El monje blanco, 1930);
  • Fonte nascosta (Fuente Escondida, 1931), dramma rurale;
  • Teresa di Gesù (Teresa de Jesús, 1932);
  • C'era una volta a Baghdad ... stampe di "Le mille e una notte" (Era una vez en Bagdad... Láminas de Las mil y una noches, 1932);
  • La santa fratellanza (La Santa Hermandad, 1939);
  • Lo studente diabolico (El estudiante endiablado, 1942);
  • Passi e opere di Santa Teresa di Gesù (Pasos y trabajos de Santa Teresa de Jesús, 1943);
  • Maria la vedova (María la Viuda, 1943);
  • Il galeone e il miracolo (El galeón y el milagro, 1947).

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Odi (Odas, 1900);
  • I raccolti (Las vendimias, 1901);
  • Egloghe (Églogas, 1902);
  • Elegie (Elegías, 1905);
  • Vendimión (1909)
  • Canzoniere del momento (Canciones del momento, 1910);
  • Terra di Spagna (Tierras de España, 1914).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Eduardo Marquina, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  2. ^ a b c d (ES) Eduardo Marquina Angulo, su dbe.rah.es. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  3. ^ (ES) Vita y obra de Eduardo Marquina, su nodulo.org. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  4. ^ a b c d (ES) Eduardo Marquina, su biografiasyvidas.com. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  5. ^ a b c d le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 293.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Andrés Amorós, Correspondencia a Eduardo Marquina, Madrid, Editorial Castalia, 2004.
  • (ES) J. Benavente, El teatro de los poetas, in El teatro del pueblo, Madrid, Librería de Fernando Fe, 1909.
  • (ES) J. M. Cabrales Arteaga, La Edad Media en el teatro español entre 1875 y 1936, Madrid, Fundación Juan March, 1986.
  • (ES) César González-Ruano, Memorias. Mi medios siglo se confiesa a medias, Madrid, Tebas, 1979.
  • (ES) B. Hernán Angulo, La recepción crítica del teatro de Eduardo Marquina, tesis doctoral, Madrid, Universidad Complutense, 1994.
  • (ES) José Martínez Cachero, En la muerte de don Eduardo Marquina, in Cuadernos de Literatura, n. 1, Madrid, gennaio-febbraio 1947, p. 93.
  • (ES) R. Menéndez Pidal, La epopeya castellana a través de la literatura española, Buenos Aires, Espasa Calpe, 1945.
  • (ES) R. Menéndez Pidal, "Introducción" al Poema de Mío Cid, Madrid, Espasa Calpe, 1955.
  • (ES) José Montero Alonso, Vida de Eduardo Marquina, Madrid, Editora Nacional, 1965.
  • (ES) J. Montero Alonso, Vida de Eduardo Marquina, Madrid, Editora Nacional, 1965.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12461704 · ISNI (EN0000 0000 8091 9113 · LCCN (ENn87103883 · BNF (FRcb13496488x (data) · BNE (ESXX916672 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n87103883