Joan Maragall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joan Maragall fotografato da Pau Audouard nel 1903.

Joan Maragall i Gorina (Barcellona, 10 ottobre 1860Barcellona, 20 dicembre 1911) è stato uno scrittore spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi intraprese la carriera di avvocato per qualche anno per poi dedicarsi al giornalismo lavorando alla redazione del Diario de Barcelona.

Fautore dell'indipendenza della Catalogna e presidente dell' "Ateneu Barcelonés", criticò aspramente la Spagna come arretrata e tradizionalista rispetto al resto d'Europa più avanti in questi campi e partecipando alle iniziative rinnovatrici poste allora in essere dalla generazione del 98 (1898).

Caratteristica della sua produzione è il bilinguismo: per le opere in versi preferiva la lingua catalana, nelle opere in prosa quella castigliana.

Tradusse molte opere di scrittori classici (Omero, Pindaro) e contemporanei (Goethe, Novalis).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesies, 1895
  • Visions i Cants, 1900
  • Les Disperses, 1904
  • Enllà, 1906
  • Seqüències, 1911
    • comprende il poema La fageda d'en Jordà

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN4939902 · ISNI: (EN0000 0001 1020 2712 · SBN: IT\ICCU\RMLV\030185 · LCCN: (ENn79056058 · GND: (DE118640887 · BNF: (FRcb119979315 (data) · ULAN: (EN500322048