Edoardo di Sassonia-Altenburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Principe Edoardo
Prinz Eduard von Sachsen-Altenburg.jpg
Nome completo in tedesco: Eduard Karl Wilhelm Christian
Nascita Hildburghausen, 3 luglio 1804
Morte Monaco di Baviera, 16 maggio 1852
Padre Federico, Duca di Sassonia-Hildburghausen
Madre Duchessa Carlotta Giorgina di Meclemburgo-Strelitz
Coniugi Principessa Amalia di Hohenzollern-Sigmaringen
Principessa Luisa Carolina di Reuss-Greiz
Figli Teresa Amalia, Duchessa di Dalarna
Antonietta, Duchessa di Anhalt
Principe Luigi Giuseppe
Principe Giovanni Federico
Principe Alberto
Maria Gasparina, Principessa di Schwarzburg-Sondershausen
Religione luteranesimo

Edoardo Carlo Guglielmo Cristiano di Sassonia-Altenburg (Hildburghausen, 3 luglio 1804Monaco di Baviera, 16 maggio 1852) è stato un membro della casa di Sassonia-Altenburg e di Sassonia-Hildburghausen.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il settimo e ultimo figlio del duca Federico di Sassonia-Altenburg e della duchessa Carlotta di Meclemburgo-Sterlitz, figlia del granduca Carlo II di Meclemburgo-Strelitz; suo padrino di battesimo fu il principe inglese Edoardo duca di Kent, figlio di Giorgio III e padre della futura regina Vittoria del Regno Unito, dal quale il principe prese il suo primo nome; il secondo, Carlo, è in ricordo del nonno granduca di Meclemburgo, mentre i nomi Guglielmo e Cristiano appartenevano alla casa di Wettin.

Edoardo era nato dopo una serie di figli morti sul nascere, e per questo fu inizialmente male accolto dalla coppia reale, che in memoria del lutto, lo allontanò da corte per mandarlo a vivere nel Castello di Mérode, in Vallonia, che il duca Federico aveva acquistato. Venne educato da un aristocratico francese esiliato dopo la Rivoluzione francese e reazionario, il duca Mathieu de Montemorency, che educò il giovane Edoardo nello studio delle arti militari e delle lingue antiche.

A quattordici anni, Edoardo fece sapere ai suoi genitori di voler servire nell'esercito bavarese, e ricevuto il grado onorario di colonnello di cavalleria, ebbe modo di comprare un reggimento e di partecipare alla Guerra d'indipendenza greca al fianco del nipote Ottone di Grecia; il principe sassone, nonostante educato da un reazionario, era un convinto liberale e anti-austriaco e prese coraggiosamente parte alla guerra contro i turchi meritando il rango di maggior generale nell'esercito bavarese e la maggiore onorificenza del Regno di Baviera: l'Ordine di Sant'Uberto.

Tornato in Germania dopo alcuni anni di permanenza ad Atene, si inserì facilmente nella corte bavarese, avendo sposato sua sorella Teresa il re Luigi I di Baviera, padre di Ottone di Grecia. Edoardo, amico di Luigi I, fu coinvolto nello scandalo di Lola Montez, dopo il quale dovette ritirarsi in vita privata.

Il principe Edoardo morì di infarto nella sua cappella privata nella Chiesa di Santo Spirito (Monaco di Baviera), dove pure venne seppellito.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 luglio 1935 aveva sposato in prime nozze la principessa Amalia di Hohenzollern-Sigmaringen, dalla quale ebbe quattro figli:

Due di questi figli morirono di una grave epidemia di vaiolo, dal quale non erano vaccinati, mentre la madre era morta della stessa malattia tre anni prima. Questo matrimonio fu per definizione un matrimonio molto felice, e la morte della principessa Amalia intristì molto il consorte, che però dovette risposarsi con Luisa Carolina Reuss di Greiz per assicurare una discendenza; da questa ebbe due figli:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto (Regno di Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto (Regno di Baviera)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della corona bavarese - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della corona bavarese
— 1836
Croce d'onore di I Classe dell'Ordine principesco dinastico di Hohenzollern (Principati di Hohenzollern) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore di I Classe dell'Ordine principesco dinastico di Hohenzollern (Principati di Hohenzollern)

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ernesto Federico II di Sassonia-Hildburghausen Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen  
 
Sofia Albertina di Erbach-Erbach  
Ernesto Federico III di Sassonia-Hildburghausen  
Carolina di Erbach-Fürstenau Filippo Carlo di Erbach-Fürstenau  
 
Carlotta Amalia di Kunowitz  
Federico di Sassonia-Altenburg  
Ernesto Augusto I di Sassonia-Weimar Giovanni Ernesto III di Sassonia-Weimar  
 
Sofia Augusta di Anhalt-Zerbst  
Ernestina Augusta di Sassonia-Weimar  
Sofia Carlotta di Brandeburgo-Bayreuth Giorgio Federico Carlo di Brandeburgo-Bayreuth  
 
Dorotea di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck  
Principe Edoardo di Sassonia-Altenburg  
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz Adolfo Federico II di Meclemburgo-Strelitz  
 
Cristiana Emilia di Schwarzburg-Sondershausen  
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz  
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen  
 
Sofia Albertina di Erbach-Erbach  
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz  
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt Luigi VIII d'Assia-Darmstadt  
 
Carlotta di Hanau-Lichtenberg  
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt  
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg Cristiano Carlo Reinardo di Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim  
 
Caterina Polissena di Solms-Rödelheim  
 

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heinrich Ferdinand Schoeppl: Die Herzoge von Sachsen-Altenburg. Bozen 1917, Neudruck Altenburg 1992
  • Walter Schärl: Die Zusammensetzung der bayerischen Beamtenschaft von 1806 bis 1918 (=Münchner historische Studien. Abteilung Bayerische Geschichte, band 1). Lassleben, Kallmünz 1955.
  • Bernhard Friedrich Voigt (Hrsg.): Neuer Nekrolog der Deutschen. Jahrgang 30, 1852, Voigt, Ilmenau [u. a.] 1854.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64442622 · ISNI (EN0000 0000 0402 6196 · CERL cnp00370596 · GND (DE104366087 · WorldCat Identities (ENviaf-64442622
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie