Durdy Bayramov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Durdy Bayramov (Russo: Дурды Байрамов; Baýramaly, 14 aprile 193814 febbraio 2014) è stato un pittore turkmeno, accademico e artista cui è stato conferito il titolo onorario più alto nel suo Paese: “Artista del Popolo della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena”. Nella lingua turkmena, il nome Durdy Bayramov è semplicemente “Durdy Bayram” (senza il suffisso “ov” aggiunto per la russificazione dei nomi durante l’era sovietica). Il nome "Bayram" nella lingua turkmena significa “celebrazione”.

Primi anni di vita e istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Bayramov è nato a Baýramaly nella Repubblica Socialista Sovietica Turkmena, poi parte dell Unione Sovietica, il 14 aprile 1938. Ha perso entrambi i genitori quando era piccolo e ha vissuto come bambino senza tetto prima di entrare in un orfanotrofio a Serdar (conosciuta poi come Kyzyl-Arvat), dove è stato cresciuto. Crescendo, Bayramov ha sopportato la fame e le avversità che hanno accompagnato la Seconda guerra mondiale e la devastazione nel dopo guerra. In seguito, ha beneficiato dell’eccezionale guida di un’insegnante che ha riconosciuto il suo talento e ha supportato il giovane artista fino a farlo diventare un pittore professionista. Il suo primo insegnante d’arte fu Gennadiy Brusentsov, un’artista russo che ha insegnato al Shota Rustaveli Turkmen Art College ad Aşgabat. Bayramov e Brusentsov svilupparono un’amicizia che durò tutta la vita, con Brusentsov come mentore di Bayramov nel corso degli anni.

Il ritratto di Brusentsov di un giovane Bayramov, intitolato Un giovane calciatore, è nella collezione dello State Tretyakov Gallery a Mosca.[1] Bayramov ha dipinto tre ritratti significativi del suo insegnante, il più famoso è stato Ritratto del mio primo insegnante, realizzato nel 1997-98.[2]

Un altro grande influente della vita e della carriere artistica di Durdy Bayramov è stato l’insegnante d’arte Dmitri Mochalski, il suo professore all’istituto prestigioso Surikov Art Institute a Mosca, dove Bayramov ha frequentato tra il 1959 e il 1965. Mochalski è stato premiato con il titolo onorario più alto nelle arti nell’Unione Sovietica—Artista del popolo dell’Unione Sovietica — e fu largamente rispettato per la sua “abilità di evidenziare l’essenziale ed eliminare i dettagli estranei.” [3] Ha passato questo approccio a molti suoi studenti, incluso Durdy Bayramov.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1960[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver completato il suo ciclo di studi nel 1965, Bayramov è entrato a far parte dell’Unione degli Artisti dell'Unione Sovietica e ha iniziato la sua carriera di professionista. Il genere del paesaggio è stato il primo genere ad affascinare Durdy Bayramov. Molti dei suo primi paesaggi (alcuni datati durante l’epoca in cui era studente) hanno guadagnato diversi elogi dalla critica. Il suo famoso dipinto Terra Pacifica (1969) è considerato un classico esempio di pittura di paesaggio Turkmeno.[4] Nel 1966, Bayramov ha sposato la sua amata musa, Dunyagozel “Gozel” Ilyasova, che sarà il suo soggetto di pittura più frequentemente raffigurato e rimarrà un’ispirazione per tutti i suoi lavori durante l’intera vita. Bayramov ha dedicato alla moglie tutta una serie di lavori su carta intitolati Gozel che includono 53 ritratti di Gozel e altri quattro disegni di fiori dedicati a lei. Durante il 1965–1968, Bayramov ha fatto l’insegnante d’arte al College Statale d’Arte Turkmeno Shota Rustaveli Turkmen ad Aşgabat.

Anni 1970[modifica | modifica wikitesto]

Il primo maggior riconoscimento artistico di Bayramov arrivò quando fu nominato vincitore del premio Lenin Komsomol nella SSR Turkmena nel 1970 e il premio nell’USSR nel 1972.[5] Nel 1971, ha dipinto quello che è considerato il primo auto ritratto Turkmeno, un lavoro mantenuto nelle collezioni dell’Unione degli Artisti dell’USSR a Mosca.[6] Durante questo periodo, Bayramov aprì la strada al tema della seconda guerra mondiale nella pittura Turkmena. Il suo dipinto Assistenza in prima linea catturò il profondo patriottismo di donne ordinarie Turkmene disposte a sacrificare i loro possedimenti più cari per aiutare i soldati.[7] Un altro tema sviluppato da Bayramov durante questo periodo fu il processo di costruzione di tappeti Turkmeni. Questo tema è visto nel suo lavoro intitolato Fabbricatori di tappeti Turkmeni (1971), che ritrae donne al lavoro in una fabbrica di tappeti. Questo capolavoro d’arte Turkmena durante l’era sovietica fu dapprima esibito a Mosca nel Museo di arte orientale nel 1971 e fu acquistato in seguito dalla galleria State Tretyakov nel 1979.[8] Dal 1971 fino al 1973, impaziente di assistere nuovi e già acclamati artisti, Bayramov ritornò ad insegnare come professore d’arte al College Statale Turkmeno d’arte Shota Rustaveli ad Aşgabat. Durante il 1970, Bayramov iniziò quello che diventò la sua seria più celebrativa, Personalità Culturali. Questa serie contiene ritratti di individui individuati da Bayramov come personalità importanti che hanno contribuito alla cultura Turkmena durante la fine del ventesimo secolo e l’inizio del ventunesimo secolo. La creazione delle Personalità Culturali si estende per più di quarant’anni e si conclude con più di 150 ritratti individuali.

Anni 1980[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980, Bayramov fu nominato come Lavoratore Onorario Turkmeno SSR nelle arti, e nel 1984 ricevette il secondo premio e il Diploma di Laurea per la gara commemorativa del 60º anniversario del Partito Turkmen SSR e Comunista della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena. Rimase molto produttivo per tutti gli anni 80 nonostante difficoltà personali con la perestrojka (circa 1985–1991), che causarono scarsità di generi di prima necessità e scarse produzioni di cibo per gran parte della popolazione.[9] Bayramov preserverò e lavorò instancabilmente, perdendosi nella sua arte. Continuò ad espandere il suo repertorio artistico attraverso una maggiore attenzione nella natura morta e nei ritratti, specialmente dipinti di fiori. Nel 1985, Bayramov cominciò a lavorare ad una delle sue composizioni più celebrate — il suo monumentale tributo al grande artista spagnolo del passato intitolato Foschia dorata. Questo lavoro non venne completato fino al 2001.[10] Durante gli anni ottanta, la popolarità di Bayramov e la sua celebrità aumentarono come risultato di numerose esibizioni come pittore singolo, incluse le esibizioni tenutesi a Mosca, Russia (1980, 1984); Berlino, nella Repubblica Democratica Tedesca (1981); a Ul'janovsk, in Russia (1984); ad Aşgabat, in Turkmenistan (due esibizioni, entrambe nel 1986); e Budapest, in Ungheria (1986).

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

A seguito di continue critiche e successo popolare nel suo paese e all’estero, nel 1991 Bayramov ricevette la più alta onorificenza come artista nel suo paese d’origine: Artista del Popolo del Turkmenistan. Nel 1998, Bayramov fu nominato Accademico dalla Accademia Nazionale d’arte del Kirghizistan, insieme ad altri artisti come Suhrob Kurbanov, Tahir Salahov, Turgunbai Sadykov, and Erbolat Tolepbai. In congiunzione alla presentazione di questo riconoscimento, Bayramov contribuì all’Esibizione Internazionale degli Accademici del Kirghizistan all’Accademia delle Arti nel Bishkek.[11]

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Durante gli anni 2000, Bayramov continuò a viaggiare e a lavorare estensivamente sia all’interno del Turkmenistan che in giro per il mondo. Questi viaggi includono quelli in Ucraina, dove tenne un’esibizione come artista singolo al museo nazionale di Kiev di arte russa nel 2000, Russia (2003), Thailandia (2004), Turchia (2002 e 2004), Maldive (2004), gli Emirati Arabi Uniti (multipli viaggi tra il 2003 e il 2007), Paesi Bassi (2008), Italia (2009), Belgio (2010), e Francia (2010). Nel 2008, Bayramov celebrò il suo 70º compleanno e i suoi 50 anni come artista con due esibizioni retrospettive ad Aşgabat. Grazie agli obiettivi raggiunti nella sua vita artistica e ai contributi alla cultura del Turkmenistan, nel 2008 Bayramov ricevette la medaglia “Per l’amore della madrepatria”, conferitagli dal Presidente del Turkmenistan.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Bayramov continuò a produrre arte anche negli anni del 2010, creando più di novanta pitture a olio tra il 2010 e il 2014. Nel 2012, Bayramov spese sei mesi nel Canada dove creò una serie di paesaggi molto conosciuti intitolati Autunno Canadese. Nel 2014, i dipinti di Bayramov furono mostrati a Toronto, nel Canada, come prima esibizione del suo lavoro nel Nord America.[12][13][14] Un’esibizione inaugurale delle fotografie di Bayramov ebbe luogo a Toronto, nel Canada, nel 2015. Intitolata Attraverso gli occhi di Durdy Bayramov: Vita di un villaggio Turkmeno, anni tra il 1960 e il 1980, l’esibizione riguardava la fotografia monocromatica e fu esibita anche al Photography Festival CONTACT Scotiabank.[15] Il catalogo corrispondente fu pubblicato dalla Fondazione d’arte Durdy Bayramov in associazione con il programma di storia culturale asiatico del Smithsonian Institution.[16][17] Nel 2015, fu tenuta un’esibizione come artista singolo dei lavori di Durdy Bayramov al World Bank Art Program in Washington, DC, con il supporto del consolato del Turkmenistan negli Stati Uniti. L’apertura dell’esibizione coincise con la celebrazione del 24º anniversario d’indipendenza e il 20º anniversario della Neutralità del Turkmenistan.[18]

Stile artistico[modifica | modifica wikitesto]

Durdy Bayramov ha creato più di 5.000 lavori d’arte durante la sua prolifica carriera, incluso pitture a olio e lavori su carta. Era anche appassionato di fotografia che ha sempre considerato come un’attività importante del suo processo artistico ma non ha mai provato ad esibire le sue fotografie. Per questa ragione il suo lavoro fotografico non fu mai considerato per un’esibizione fino a dopo la sua morte.[19]

Bayramov lavorò estensivamente in quattro generi: ritratti, natura morta, pittura paesaggistica, e pittura di genere, anche se è meglio conosciuto per i suoi lavori di ritratto. Nel 1975, fu evidente che “anche se dipinge pittura di genere e paesaggi, si potrebbe dire che i ritratti attraggono una sua speciale attenzione.” [20] Tra i suoi contemporanei, era considerato come “un maestro insorpassabile nel genere dei ritratti.”[21] Bayramov entrava nel profondo dei suoi soggetti e delle loro vite per rappresentare su tela le loro diversità enfatizzando le loro migliori qualità. Bayramov diceva che aveva questo approccio “guardando sempre quella scintilla particolare e unica che esiste in ogni persona.” [22] Ricerca l’armonizzazione delle scoperte dell’Impressionismo, l’attenzione nei dettagli del Realismo Classico, e la tradizione artistica del Turkmenistan. Bayramov trova ispirazione nelle persone comuni di tutti i giorni, a prescindere dal loro contesto sociale, economico o etnico. I suoi soggetti includono una larga varietà di individui, dalle persone dei villaggi agli scienziati, sconosciuti, dai bambini agli anziani. Bayramov era empatico e instaurava legami con i suoi soggetti, questo lo aiutò a sviluppare il suo genere di pittura.

Anche se Bayramov è conosciuto per i suoi lavori di ritratto, è diventato nel tempo un’artista molto rispettato con i suoi lavori di natura morta e nel genere della pittura paesaggistica. I fiori hanno un posto speciale nei lavori sulla natura morta di Bayramov. Era appassionato particolarmente nel dipingere con colori molto accesi e texture i papaveri rossi che ricoprivano le colline del Turkmenistan ogni primavera. La rappresentazione dei frutti nella natura morta di Bayramov simboleggia in particolare l’abbondanza della natura e l’amore per la sua terra natia. Spesso ritrae mele, meloni, melograni, ecc. arrangiati su tappeti turchi con tessuti göl, motivi e colori vibranti e ornamenti Turkmen chiamati keche.

Morte ed eredità[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2014 gli fu diagnosticato un tumore al fegato. Morì il 14 febbraio 2014. Ha lasciato sua moglie Gozel Bayramova, quattro figlie e sette nipoti. Nel 2015 è stata costituita a Toronto la Fondazione d'arte Durdy Bayramov con lo scopo di mantenere l’eredità di Bayramov nell’arte e nell’istruzione.[23] Per arricchire maggiormente questa missione la Fondazione ha aperto il museo Bayramov. Collocato a Toronto, in Canada, il museo contiene la più grande collezione dei lavori di Bayramov e mantiene permanentemente e temporaneamente esibizioni dell’arte di Bayramov.

Durdy Bayramov è riconosciuto largamente come uno dei pittori più importanti dell’Asia Centrale. La sua arte può essere trovata in molte collezioni private, come in musei, gallerie e istituzioni culturali nel mondo, questa includono:

  • Fondazione d’arte Durdy Bayramov, Toronto, Canada
  • Galleria Dresden, Dresden, Germania
  • Museum di Fine Arts, Ashgabat, Turkmenistan
  • Museum di Fine Arts, Mary, Turkmenistan
  • Museum di Fine Arts, Türkmenabat, Turkmenistan
  • Museum di Fine Arts, Balkanabat, Turkmenistan
  • La galleria statale Tretyakov,[24] Mosca, Russia
  • Il Museo statale di arte orientale, Mosca, Russia
  • Museo di Fine Arts della Repubblica del Karelian, Petrozavodsk, Russia
  • Museo di Fine Arts, Komsomol'sk-na-Amure, Russia
  • Galleria Statale d’arte Primorye, Vladivostok, Russia
  • Museo di fine arts regionale Tyumen, Tjumen', Russia
  • Il museo dell’accademia nazionale d’arte T. Sadykov, Biškek, Kirghizistan
  • Museo delle arti dell'Uzbekistan, Tashkent, Uzbekistan
  • Il Museo dell'arte russa nazionale di Kiev, Kiev, Ucraina
  • Il Lugansk Regional Museum Fine Arts, Luhans'k, Ucraina
  • Museo di Fine Art, Kmitov, Ucraina

Esibizioni come artista singolo[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 Durdy Bayramov, Toronto, Canada. “Giorni di musica classica Turkmena in Canada”. Ismaili Centre, Toronto
  • 2016 Durdy Bayramov, Aşgabat, Turkmenistan. Turkmen State Institute of Transport and Communications, con supporto del Ministero della cultura, Ministero dell’educazione, e il museo in Ashgabat (con un quadro su "Anno per onorare l’eredità, trasformando la madrepatria")[25]
  • 2016 Durdy Bayramov, Washington, DC, USA. Ambasciata Turkmenistan in Washington, D.C.
  • 2015 Durdy Bayramov, Washington, DC, USA. World Bank Art Program
  • 2015 Durdy Bayramov, Toronto, Canada. “Attraverso gli occhi di Durdy Bayramov: vita di un villaggio Turkmen, anni 1960 e anni 80” (prima esibizione mondiale della fotografia di Durdy Bayramov)
  • 2014 Durdy Bayramov, Toronto, Canada. “La mia vita appartiene all’arte e l’arte appartiene al popolo”
  • 2013 Durdy Bayramov, Aşgabat, Turkmenistan (esibizione per il 75º anno di Durdy Bayramov)
  • 2008 Durdy Bayramov, esibizione Sala dell’unione degli artisti, Ashgabat, Turkmenistan (esibizione per celebrare i 70 anni di Durdy Bayramov e i 50 anni di carriera come artista)
  • 2008 Durdy Bayramov, museo di Fine Arts, Ashgabat, Turkmenistan
  • 2003 Durdy Bayramov, Ashgabat, Turkmenistan
  • 2000 Durdy Bayramov, Museo nazionale di arte russa di Kiev, Ucraina
  • 1998 Durdy Bayramov, Aşgabat, Turkmenistan
  • 1986 Durdy Bayramov, Budapest, Ungheria
  • 1986 Durdy Bayramov, Ashkhabad, Repubblica Socialista Sovietica Turkmena. “Aşgabat – Kunya Urgench – Aşgabat”
  • 1986 Durdy Bayramov, Ashkhabad, Republica socialista sovietica Turkmena
  • 1984 Durdy Bayramov, Ul'janovsk, Russia
  • 1981 Durdy Bayramov, Berlino, Repubblica Democratica Tedesca
  • 1980 Durdy Bayramov, Mosca, Russia
  • 1978 Durdy Bayramov, Ashkhabad, Republica Sociale Sovietica Turkmena
  • 1975 Durdy Bayramov, Kiev, Ucraina
  • 1971 Durdy Bayramov, Halle (Saale), Repubblica Democratica Tedesca
  • 1970 Durdy Bayramov, Ashkhabad, Republica Sociale Sovietica Turkmena. “Attraverso l’India”

Premi e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 Medaglia Giubileo “20esimo anniversario dell’indipendenza del Turkmenistan”
  • 2009 Premio Byashim Nurali, Unione Artisti del Turkmenistan
  • 2008 Medaglia del Presidente del Turkmenistan “Per l’amore verso la madrepatria”
  • 1998 Accademico dell’accademia nazionale delle arti della repubblica del Kirghizistan
  • 1991 Artista del popolo della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1984 Secondo premio e diploma di laurea per la gara commemorativa del 60º anniversario della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena e del partito comunista della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1980 Lavoratore onorario d’arte della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1978-1979 Secondo premio e diploma d’arte per la gara nella pittura della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1975 Terzo premio e diploma di laurea per la gara intitolata “Ritratto di donne”, Mosca, Unione Sovietica
  • 1974 Medaglia d’oro, Centro espositivo panrusso, Mosca, Unione sovietica
  • 1974 Certificato onorario, Concilio supremo e concilio dei ministeri della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1974 Secondo premio e diploma di laurea per la gara commemorativa il 50º anniversario della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1972 Premio Lenin Komsomol Unione Sovietica; Secondo premio laureati e diploma di laurea, esibizione giovani artisti nazionale dell’Unione Sovietica
  • 1970 Premio Lenin Komsomol Repubblica Socialista Sovietica Turkmena
  • 1965 Certificato onorario, Concilio supremo della Repubblica Socialista Sovietica Turkmena

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Galleria Tret'jakov. (2013). "Katalog Sobraniya: Seriya Zhivopis XVIII-XX Vekov. T. 7: Zhivopis Vtoroi Poloviny XX Veka. Kn. Pervaya. A-M." (Каталог Собрания: Серия Живопись XVIII-XX Веков. Т. 7: Живопись Второй Половины XX Века. Кн. Первая. А–М) [Collection Catalogue: Painting of the XVIII-XX Centuries Series. Volume 7: Painting of the Second Half of the XX Century. First Book. A–M]. Mosca: Galleria Statale Tretyakov. p. 118. ISBN 978-5-89580-037-9.
  2. ^ Pereplesnin, M. 2012. “Ocharovannii Strannik.” (Очарованный Странник) [A Charmed Wanderer]. Turkmenistan: Rivista Internazionale, Vol. N. 3 (84), pp. 80-89. Consultabile da http://www.turkmenistaninfo.ru/_data/pdf/2012_03_N3.pdf
  3. ^ Galleria Statale Tret'jakov. 2009. “Dmitrii Mochalskii – Romantik Sozializma: 23 Aprelya-7 Iyunya, 2009.” (Дмитрий Мочальский – Романтик Социализма: 23 Апреля-7 Июня, 2009)[Dmitri Mochalski – Romanticismo del realismo socialista: 23 aprile – 7 giugno, 2009]. Consultabile da Copia archiviata, su tretyakovgallery.ru. URL consultato il 14 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2013).
  4. ^ Mukhatova, Ogulabat e Kurban Agaliyev. (2008). Catalogo di pitture e disegni per l’esibizione del giubileo dorato dell’artista del popolo del Turkmenistan Durdy Bayramov. Dubai: Keyik Bayramova.
  5. ^ Pimenova, S. 1974, 27 Novembre. “Dve Schastlivye Sudby.” (Две Счастливые Судьбы) [Two Fortunate Fates]. Znamya Oktyabrya, p. 7.
  6. ^ Yerlashova, S. 1975. Pittura della Turkmenia Sovietica. Leningrad (St. Petersburg): Aurora Art Publishers.
  7. ^ Prelatov, Y. 1981, 1 dicembre. “Vistavki—Lyblyu Svoi Krai.” (Выставки—Люблю Свой Край) [Esibizioni—Amo la mia madrepatria]. Pravda.
  8. ^ Kistovich, Irena. 2010. “Turkmenskaya ‘Semerka.’ Razmyshleniya ob Uhodyashem.” (Туркменская «Семерка». Размышления oб Уходящем) [Il Turkmeno ‘Sette: Riflessioni sul passato]. Sibirskie Ogni, Vol. 05/2. Consultabile da http://xn--90aefkbacm4aisie.xn--p1ai/content/turkmenskaya-semerka-razmyshleniya-ob-uhodyashchem
  9. ^ Adelman, Deborah. (1992). “I bambini della Perestroika”: I Teenagers di Mosca discutono le loro vite e il loro futuro. London: Routledge..
  10. ^ Blagodatov, Nikolay e Durdy Bayramov. 2012. Durdy Bayramov. Toronto: Keyik Bayramova, pp. 12-13.
  11. ^ Toktosunova, G. I. (Ed.). 2005. “Otchyot Deystvitelnyh Chlenov i Chlen-Korrespondentov Nazionalnoi Akademii Khudozhestv Kyrgyzskoi Respubliki.” (Отчёт Действительных Членов и Член-Корреспондентов Национальной Академии Художеств Кыргызской Республики) [Report of the Full and Corresponding Members of the National Academy of Arts of the Kyrgyz Republic]. Bishkek: Accademia nazionale delle arti della Repubblica del Kirghizistan.
  12. ^ Greenfield, Samuel. 2014, June 25. Turkmen Artist Durdy Bayramov’s Daughter Displays Father’s Work in North York House. Toronto Star. Retrieved from http://www.thestar.com/news/gta/2014/06/25/turkmen_artist_durdy_bayramovs_daughter_displays_fathers_work_in_north_york_house.html#
  13. ^ http://www.akimbo.ca/69963 Archiviato il 2 luglio 2017 in Internet Archive. (Akimbo)
  14. ^ http://www.cancer.ca/en/events/on/2014/july/durdy-bayramov-art-exhibition/?region=on (Società Tumori Canadese)
  15. ^ Copia archiviata, su scotiabankcontactphoto.com. URL consultato l'8 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2015). (Scotiabank CONTACT Photography Festival)
  16. ^ http://collections.si.edu/search/record/siris_sil_1042578 (Smithsonian Institution Libraries)
  17. ^ https://www.worldcat.org/title/through-the-eyes-of-durdy-bayramov-turkmen-village-life-1960s-80s/oclc/907096351&referer=brief_results (WorldCat)
  18. ^ Copia archiviata, su mfa.gov.tm. URL consultato il 22 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016). (Ministry of Foreign Affairs of Turkmenistan)
  19. ^ Bayramova Keyik, Robert Pontsioen, e Jeren Balayeva. 2015. Attraverso gli occhi di Durdy Bayramov: Vita di un villaggio Turkmeno, anni 1960 - 80. Toronto, ON: Fondazione d’arte Durdy Bayramov; e Washington, DC: Programma culturale asiatico, Smithsonian Institution. ISBN 978-0-9939443-1-4, p. 12.
  20. ^ Yerlashova, S. 1975. Dipinto della Turkmenia Sovietica. Leningrad (St. Petersburg): Aurora Art Publishers, p. 10.
  21. ^ Glazunova, T. 2007, dicembre. “Kumiry i Poklonniki.” (Кумиры и Поклонники) [Idols and Admirers]. Neytralniy Turkmenistan, p. 3.
  22. ^ Zenko, Walter. 2012. Bayramov dipinge dall’est all’ovest e dall’ovest all’est. [Intervista con Durdy Bayramov]. Consultabile da https://www.youtube.com/watch?v=hlX5L9ddZPc
  23. ^ "Durdy Bayramov". Consultabile 11 febbraio 2016.
  24. ^ La galleria statale Tretyakov. 2013. “Bayramov Durdy” (pp. 79-80). “Katalog Sobraniya: Seriya Zhivopis XVIII-XX Vekov. T. 7: Zhivopis Vtoroi Poloviny XX Veka. Kn. Pervaya. A-M.” (Каталог Собрания: Серия Живопись XVIII-XX Веков. Т. 7: Живопись Второй Половины XX Века. Кн. Первая. А–М) [Catalogo collezione: serie di dipinti del XVIII-XX secolo. Volume 7: Dipinti della seconda metà del XX secolo. Primo libro. A-M]. Mosca: Galleria statale Tretyakov. ISBN 978-5-89580-037-9
  25. ^ http://www.turkmenistan.gov.tm/?id=10457 (Governo del Turkmenistan)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75216209 · ISNI (EN0000 0000 2375 6864 · LCCN (ENn82249033 · GND (DE1074216164 · ULAN (EN500121544 · WorldCat Identities (ENn82-249033