Lingua turkmena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingua turkmena (Türkmençe, түркмен)
Parlato in Turkmenistan, Iran, Afghanistan
Persone 7,6 milioni
Classifica non nelle prime 100
Scrittura Alfabeto arabo, alfabeto cirillico, alfabeto latino
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue turche
Statuto ufficiale
Nazioni Turkmenistan
Codici di classificazione
ISO 639-1 tk
ISO 639-2 tuk
ISO 639-3 tuk  (EN)
SIL tuk  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Hemme adamlar öz mertebesi ve hukuklary býunča deṇ ýagdaýda dünýä inýärler. Olara aṇ hem vyždan berlendir ve olar bir-birleri bilen doganlyk ruhundaky garaýyšda bolmalydyrlar.
Хемме адамлар өз мертебеси ве хукуклары бюнча дең ягдайда дүнйә инйәрлер. Олара аң хем выждан берлендир ве олар бир-бирлери билен доганлык рухундакы гарайышда болмалыдырлар.

La lingua turkmena[1][2][3] (nell'alfabeto latino Türkmençe, in cirillico түркмен) è una lingua turca parlata in Turkmenistan, Iran e Afghanistan.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[4] il turkmeno è parlato da 3,4 milioni di persone in Turkmenistan, da 2 milioni di persone in Iran e da 1,5 milioni in Afghanistan. La lingua è attestata anche in altri paesi del Medio Oriente e dell'ex-Unione Sovietica, per un totale complessivo di 7,6 milioni di locutori.

Lingua ufficiale[modifica | modifica sorgente]

Il turkmeno è lingua ufficiale del Turkmenistan.[3]

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[4] la classificazione della lingua turkmena è la seguente:

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

A seconda dei paesi e delle epoche storiche, per la scrittura del turkmeno sono stati utilizzati l'alfabeto arabo, l'alfabeto cirillico e l'alfabeto latino.

In origine la lingua era scritta con l'alfabeto arabo,[3] tuttora utilizzato in Afghanistan ed Iran.[4] In Turkmenistan la scrittura araba fu abbandonata in favore dall'alfabeto cirillico durante il periodo sovietico; dopo l'indipendenza, nel 1996 è stato ufficialmente adottato l'alfabeto latino in uso per la lingua turca.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Francesco Tremul, La Turchia nel mutato contesto geopolitico, Editrice UNI Service, 2006. ISBN 8888859950.
  2. ^ Alberto Rosselli, Il movimento panturanico e la "grande Turchia": tra mito, storia e attualità, Il Settimo Sigillo, 2007. ISBN 8861480306.
  3. ^ a b c d Turkmenistan.it - lingua.
  4. ^ a b c (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Turkmen in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]