Drepanis funerea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mamo nero
Drepanis funerea from 'The Birds of the Sandwich Islands'.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EX it.svg
Estinto (1907 ca.)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Fringillidae
Sottofamiglia Carduelinae
Tribù Drepanidini
Genere Drepanis
Specie D. funerea
Nomenclatura binomiale
Drepanis funerea
Newton, 1893

Il mamo nero (Drepanis funerea Newton, 1893) era un uccello passeriforme fringillide della famiglia dei Fringillidi[2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome scientifico della specie, funerea, venne scelto in virtù della livrea, priva delle aree gialle che caratterizzavano il piumaggio dell'affine mamo di Hawaii, ricordando perciò ai primi osservatori della specie uno di questi uccelli vestito a lutto.

Fra i nomi comuni di questi uccelli, oltre a quello di mamo nero, si contano quelli di mamo di Molokai, mamo di Perkins (in onore di Robert Cyril Layton Perkins, che fornì la maggior parte delle informazioni riguardanti questo volatile), oltre che i nomi in hawaiiano di hoa e ʻōʻō nukuʻhumu ("ʻōʻō dal becco a cannuccia")[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione a cura di Keulemans.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misurava circa 8 cm dalla punta del becco alla coda.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il mamo nero aveva un aspetto che ricordava le nettarinie, con corpo tipico dei fringillidi e testa con lungo becco falciforme, più lungo nel maschio rispetto alla femmina.

Il piumaggio di questi uccelli era completamente nero su tutto il corpo: facevano eccezione alcune sparse penne gialle alla base della mandibola e le remiganti primarie, che erano di colore bianco. Non sembrava essere presente dimorfismo sessuale nella livrea. Zampe e becco erano neri, mentre gli occhi erano bruni.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si trattava di uccelli diurni e verosimilmente solitari, che passavano la maggior parte del tempo alla ricerca di cibo fra i fiori del sottobosco: il suo canto era composto da una serie di fischi nasali, simili al suono di un flauto, seguiti da un lungo trillo.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il mamo nero era una specie nettarivora: l'analisi degli stomaci degli individui catturati e studiati, infatti, ha sempre mostrato un contenuto di solo nettare, che veniva ottenuto infilando il becco nei fiori ed utilizzando la lunga lingua setolosa. Tuttavia, si ha motivo di credere che questi uccelli potessero, anche se sporadicamente, nutrirsi di piccoli insetti. La fronte era spesso ricoperta dal polline dei fiori delle sue piante preferite, le lobelie, munite di fiori ricurvi per suggere il nettare dei quali il becco del mamo nero si era perfettamente adattato.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Non si hanno dati sulla riproduzione di questa specie: tuttavia, essendo questo evento molto conservativo in tutti i drepanidini, si ha motivo di credere che anche il mamo nero fosse una specie monogama, che si riproducesse durante la prima metà dell'anno e che le femmine deponessero due uova in un nido a coppa, venendo aiutate dai maschi nelle cure parentali ai pulli.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il mamo nero era endemico dell'isola di Molokai, nelle Hawaii: resti subfossili proverebbero la sua esistenza in tempi preistorici anche sulla vicina Maui[4].

L'habitat di questi uccelli erano le foreste di media altezza (sembrerebbero essere stati sempre osservati attorno ai 1500 m di quota) con presenza di folto e denso sottobosco.

Estinzione[modifica | modifica wikitesto]

Esemplari impagliati di mamo nero e cannaiola di Laysan.

Il mamo nero venne scoperto dagli europei nel 1893 nella Valle di Pelekuna, a nord di Molokai; l'ultimo esemplare venne invece avvistato (e ucciso) nel 1907 da William Alanson Bryan[5], con la specie che molto verosimilmente si sarebbe estinta di lì a poco, con avvistamenti scarsi e poco attendibili e una spedizione su larga scala organizzata nel 1936 alla ricerca di questo uccello che si rivelò infruttuosa[1].

Il mamo nero, già piuttosto vulnerabile in virtù dell'areale circoscritto e dell'estrema specializzazione, si estinse principalmente a causa dell'alterazione del proprio habitat da parte delle specie introdotte, in special modo gli ungulati, che brucando il sottobosco gli tolsero la maggior parte dello spazio vitale, e di piccoli carnivori come ratti e manguste, che cacciavano gli adulti e depredavano i nidi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Drepanis funerea, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Fringillidae, in IOC World Bird Names (ver 5.1), International Ornithologists’ Union, 2015. URL consultato l'11 maggio 2014.
  3. ^ Native Birds of Hawaii, state.hi.us.
  4. ^ {cita libro |titolo= Extinct Birds |autore= Hume, J. P. & Walters, M. |anno= 2012 |editore= T. & A.D. Poyser |pagina= 310 |isbn= 978-1-4081-5725-1 |url= https://books.google.com/books?id=xpUBocGB12YC&pg=PA309}}
  5. ^ Flannery, T. & Schouten, P., A Gap in Nature, ISBN 1-876485-77-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli